Intervista all’allenatore del Campagnatico, David Cotogni.

E’ reduce dalla bella vittoria del suo Campagnatico sullo Scansano. E’ l’allenatore David Cotogni, che nell’ultima domenica di campionato è tornato a vincere ed analizza la stagione in corso della propria formazione e del girone.

A campionato inoltrato come si può analizzare la stagione del Campagnatico. Come mai la sua squadra fatica così tanto a fare punti in casa (1 vittoria, 6 pari, 3 sconfitte)?
“La stagione del Campagnatico si può definire altalenante ma, comunque positiva. Fatichiamo molto in casa perché spesso sbagliamo molte occasioni da rete, questo perché in squadra non abbiamo la classica prima punta”.

Nonostante ciò vi siete tolti il lusso di vincere sui campi di Scarlino, Roccastrada e Torbiera e pareggiare con l’Aldobrandesca. Come si spiegano queste prestazioni altalenanti?
“Le vittorie con squadre più blasonate di noi sono frutto di concentrazione assoluta durante tutta la partita: cosa che spesso ci capita di perdere durante i novanta minuti. Sono assolutamente convinto che con un pizzico di esperienza in più ciò non capiterebbe. Come dicevo prima al Campagnatico manca solamente una prima punta che possa far salire la squadra quando cerca di ripartire, le punte che ho in rosa sono tutte discrete tecnicamente, ma purtroppo non hanno questa caratteristica”.

Qual’è stato l’avversario più duro da affrontare? E quale giocatore di questa stagione l’ha colpita maggiormente?
“Secondo me l’avversario più tosto è stato senza dubbio l’Aldobrandesca Arcidosso: la classica squadra di Terza categoria, senza giocatori stratosferici ma compatta, arcigna, e che non molla mai. Per quanto riguarda il giocatore che più mi ha colpito in questo campionato è senza dubbio il nostro Riccardo Terribile. Non perché è un mio giocatore ma perché riesce con una facilità innata a ricoprire più ruoli, dal difensore centrale alla punta, sempre con ottimi risultati. E’ un giocatore di almeno due categorie superiori”.

Come ha trovato il livello di questo campionato di Terza?
“Il livello di questo campionato lo vedo più o meno come quelli degli altri anni. C’è una squadra più forte di tutte, il Montiano, poi ci sono le altre che più o meno si equivalgono: è comunque un buon campionato”.

Come vede la lotta per i primi posti della classifica?
“Sinceramente la griglia per i primi posti mi sembra già fatta con il Montiano che, a meno di qualche catastrofem dovrebbe vincere senza passare dai playoff. Subito dietro vedo Aldobrandesca Arcidosso, Cinigiano, Roccastrada e Torbiera che si giocheranno i playoff”.

6 Comments
  1. Cacio 6 anni ago
    Reply

    Che Mister!!!

  2. anonimo 6 anni ago
    Reply

    La nuova che te na fatte sei no….
    cambia mestiere fidati!!!!!!

  3. rizzoli 6 anni ago
    Reply

    “Fatichiamo molto in casa perché spesso sbagliamo molte occasioni da rete, questo perché in squadra non abbiamo la classica prima punta”.

    scusi cotogni ma che cosa dice? non vincete in casa perche non avete la prima punta? ma che minchiate dice?

  4. Reverendo Angelo 6 anni ago
    Reply

    la Nuova che gliene ha fatte sei è la stessa Nuova che è l’unica ad averne prese OTTO, ed è una squadra mediocre che non andrà ai playoff, a meno che dall’alto…

    • alessio andreoni 6 anni ago
      Reply

      la pochezza del tuo commento mi pare palese, otretutto non ti sei nemmeno firmato, credo che le tue palle si possono paragonare ad un paio di noccioline.
      però fatti riconoscere almeno se si gioca contro ti stringo la mano…fenomeno!!!

  5. hudorovich 6 anni ago
    Reply

    Dove giochi reverendo???chissa se ci si incontra…!!!!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW