“Torneo città di Orbetello”, ai lagunari la semifinale derby con l’Argentario

Argentario – Orbetello 0-2

ARGENTARIO: Moriani, Capitani, Costanzo (21′ st Di Somma), Lunghi (31′ st S. Picchianti), Angeli, N. Cerulli (42′ st Greco), Mazzieri (27′ st Bendo), G. Cerulli (11′ st Scotto), Giovani, Sabatini, M. Picchianti. A disposizione: Perillo, Landini, Terramoccia. All. Castriconi.

ORBETELLO: A. Garofani, Dangelo, Mengoni, Sassu, Caia, Catani (42′ st Bellumori), Franceschini (23′ st Cecconi), Rossi, Porcari (16′ st Ciampana), Spaggiari (16′ st Covitto), Duranti (8′ st Francavilla). A disposizione: Vichi, Barozzi, E. Garofani. All. Cecchi.

ARBITRO: Bocchino.

RETI: 36′ Porcari, 40′ st Cecconi.

NOTE: ammonito Dangelo. Recupero: 0′ + 4′.

E’ l’Orbetello a scrivere il proprio nome nella finale del torneo dedicato a Ottorino Vezzosi. I ragazzi di mister Cecchi battono all’inglese (0-2) l’Argentario all’interno di una gara caratterizzata da un inizio dove spiccano attenzione e equilibrio nella zona cruciale del campo. Infatti si deve attendere il 18′ per assistere all’azione pericolosa prodotta dall’Orbetello con Porcari che mette alto. Ritmi sostanzialmente bassi con i centrocampisti più attenti a rompere che a creare. Al 25′ Porcari, grazie ad uno svarione difensivo, si trova di fronte a Moriani bravo a ipnotizzarlo e ad assorbire il tiro centrale. Porcari si prende la rivincita al minuto 36 con un calcio di punizione imparabile, 0-1. L’Argentario si scuote cercando il pari e esponendosi al contropiede. L’Orbetello, infatti, sfiora il raddoppio con Rossi, è bravo Moriani nel deviare la sfera. La ripresa vede un Argentario più vivace conquistare metri in avanti, mentre l’Orbetello rimangono ordinati e pronti a pizzicare con veleci ripartenze. Porcari, di testa, colpisce la traversa, Cecconi coglie il montante. Questo legittima il vantaggio dei lagunari, che con Cecconi al 40′ trova il secondo gol timbrando il passaporto per la finalissima.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news