45ˆ coppa Bruno Passalacqua, girone C: altra rimonta dell’Alberese, Pitigliano sconfitto ed eliminato, ma quanti rimpianti…

Alberese – Aurora Pitigliano: 5-1 (3’pt Radicetti; 22’pt Terzaroli; 26’pt Filippo Francioli; 18’st Marra; 24’st Riitano; 41’st Angelini)

Alberese: Fancellu, Demi, Terzaroli, Forni, Bianchi, Fommei (dal 21’st Riitano), Scala (dal 44’st Capaldi), Marra, Maiorano, Nobile, Filippo Francioli (dal 35’s Angelini). A disposizione: Leonardo Francioli, Pegoraro, Gonnelli, Bartalini. All: Buso. 

Pitigliano: Lombardini, Gentili (dal 41’st Tranca), Bardelli (dal 33’st Laconi), Mulè (dal 30’st Lazzeri), Alfieri, Ponzuoli, Gubernari (dal 1’st Santoni), Guidotti, Trotta, Bianchi, Radicetti. A disposizione: Franci, Checchini, Del Buono, Formiconi, Gasperini. All: Trasarti. 

Ammoniti: Terzaroli, Forni, Scala, Marra, Filippo Francioli (A)  Santoni (P)  Espulsi Trotta e Guidotti (P) per doppia ammonizione  
Recupero: 1′ e 2′  Angoli: 2-8

Grosseto. Nella serata di ieri si è chiusa anche la seconda giornata nel girone C con le restantid ue formazioni, Alberese e Pitigliano, che hanno dato vita ad una bella partita condizionata nel secondo tempo da una direzione di gara tutt’altro che ottima.
Nel primo tempo, come un po’ successo nella prima gara, l’Alberese non entra benissimo in partita e dopos solo 3 minuti subisce subito il gol di svantaggio: Guidotti controlla la sfera e la serve in profondità sullo scatto di Radicetti, il numero 11 scatta in posizione dubbia e resiste alla carica di ben due avversari facendo poi partire un destro potente dal limite dell’area con il pallone che piega le mani a Fancellu insaccandosi sul primo palo. Al primo affondo della partita il Pitigliano passa in vantaggio costringendo l’Alberese ad una nuova rimonta. Il Pitigliano prova a legittimare il vantaggio con tanti corner battuti in mezzo senza però tramutarli in gol. Più o meno dalla metà del primo cominciano a scaldarsi un po’ gli animi con protagonista Trotta, il numero 9 del Pitigliano che, data la sua stazza, viene spesso fermato con falli anche abbastanza al limite senza però che l’arbitro ravveda le scorrettezze. Al 22′ arriva il gol del pareggio dell’Alberese alla prima vera occasione del match: corner dalla destra di Scala, Terzaroli arriva come un fulmine e impatta molto violentemente il pallone di testa spedendolo sotto la traversa non lasciando scampo a Lombardini. Non passa neanche un minuto e l’Alberese sulle ali dell’entusiasmo trova subito la via del raddoppio: Maiorano serve Francioli sulla trequarti campo il quale controlla la sassata datagli dal compagno con il ginocchio e dai 25 metri calcia verso la porta sul primo palo, Lombardini è sorpreso e preso in controtempo e l’estremo difensore osserva la palla entrare docile in fondo al sacco. 2-1 e risultato ribaltato, esattamente come contro la Nuova Grosseto. La prima parte di gara va piano piano sfumando con pochi sussulti da una parte e dall’altra con la partita che diventa mano a mano sempre più spigolosa anche dovuta al fatto di una direzione di gara non impeccabile.
Nel secondo tempo mister Trasarti cambia  l’assetto della sua squadra passando da un 4-3-1-2 ad un più offensivo 4-3-3 con l’inserimento di Santoni prima punta e l’allargamento sulle fasce di Radicetti e Trotta. La scelta tattica porta i suoi frutti e in 10 minuti il Pitigliano spinge forte sull’acceleratore: al 3′ Radicetti fa correre Gentili sulla destra il quale discende bene sulla fascia ed entra in area di rigore servendo sul secondo palo con un pallone rasoterra Trotta il quale calcia a botta sicura con il mancino, la palla sembra destinata a terminare la  sua corsa in fondo alla rete ma Fancellu è miracoloso tuffandosi bene sulla sinistra e respingendo in modo clamoroso il pallone mantenendo il vantaggio per i suoi. Al 10′ minuto però la partita prende una piega molto netta: Trotta, servito con un pallone alto, anticipa nettamente il suo diretto avversario Bianchi alzando un po’ la gamba, il numero 5 bianconero termina a terra, per il direttore di gara è gioco pericoloso e secondo giallo all’indirizzo di Trotta che dunque, viene espulso. Clamoroso come Trotta, riempito letteralmente di botte dall’inizio della partita, sia stato ammonito due volte per falli molto meno plateali di quelli subiti. Al 14′ ci prova subito l’Alberese a trova il gol del 3-1 con un bel tiro di Scala ad incrociare sul palo più lontano ma la sfera esce di un soffio. Un minuto più tardi, di fatto, si chiude la partita: Maiorano scappa via a due uomini, Alfieri e Guidotti con quest’ultimo che interviene in scivolata, Maiorano termina a terra e l’arbitro sventola il cartellino giallo all’indirizzo di Guidotti che era satato ammonito dopo l’espulsione di Trotta per un battibecco con Terzaroli, il numero 8 del Pitigliano dunque deve abbandonare il campo lasciando la sua squadra in 9 uomini con i ragazzi di Trasarti e Trasarti stesso, fuoribondi con il direttore di gara per la direzione impari della gara. Passa solo un minuto e arriva subito il gol del 3-1 per l’Alberese: Francioli serve un pallone meraviglioso a Marra il quale entra in area di rigore e conclude col destro, Lombardini in uscita è superlativo murando il tentativo ma è sfortunato perchè la palla torna a disposizione di Marra che ha la possibilità di siglare il gol del 3-1 a porta vuota. Un Pitigliano abbattuto è costretto a subire anche il quarto gol quando Riitano, ben servito da Scala in area di rigore, conclude bene ad incrociare con il destro freddando Lombardini. Poco dopo arriva un episodio molto dubbio: Radicetti scappa via sulla sinistra e viene letteralmente travolto da Forni, sarebbe calcio di rigore per chiunque ma non per l’arbitro Ogliormino che lascia correre. Al 41′ infine arriva anche il gol del 5-1 con Angelini che appena entrato in campo insacca a porta vuota da mezzo metro un bel passaggio di uno scatenato Marra. Termina dunque così la partita col passivo che poteva anche essere maggiore per via di un palo al 47′ di Riitano, ma resta il fatto che il Pitigliano saluta la competizione mentre l’Alberese sale a quota 4 punti e si giocherà il passaggio del turno all’ultima gara con il Ribolla entrambe a 4 punti in classifica. Piccola nota conclusiva, difficile commentare una partita condita da tanti, troppi errori del direttore di gara che ha mantenuto un metro di giudizio strano e a volte, surreale. Applausi all’Alberese che ha fatto una partita importante e ha meritato i tre punti ma un plauso anche al Pitigliano che nel suo momento migliore, si è visto stroncare le possibilità di rimonta su episodi molto molto dubbi.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news