Connect with us

Grosseto Calcio

Grosseto, confermate le esclusioni illustri

Published

on

GROSSETO – Restano fuori dallo spogliatoio col divieto di allenarsi coi compagni tre giocatori: Pietro Zotti, Roberto Palumbo e il fratello minore Vittorio. Provvedimento simile era stato adottato martedì nei confronti del difensore Andrea Ciolli, quest’ultimo è tornato già questo mercoledì ad allenarsi al Palazzoli, ma per il giocatore grossetano erano sorti attriti per situazioni diverse rispetto ai compagni.

Per Zotti e i fratelli Palumbo resta da chiarire il futuro (anche oggi i colloqui sono proseguiti attorno al Palazzoli), la rottura dei rapporti fra la società e tesserati è profonda e si profila una messa fuori rosa in tutto e per tutto, al momento ai tre è concesso solo di assistere da bordo campo alle sedute. Il Grosseto ha scelto di fare a meno dei  due migliori realizzatori stagionali, trenta gol i gol realizzati, fino a prova contraria entrati nel mirino delle critiche del presidente già da tempo e non solo per la prestazione offerta a Ostia Lido.

Giornalista Pubblicista dal 2010. Ha scritto per il quotidiano Corriere di Maremma e collaborato con TMW, Calciomercato.com, Calciopiù, Radio RBC, Vivigrosseto.

Advertisement
9 Comments

9 Comments

  1. attilio regolo

    23 Mar 2016 at 19:56

    Se la vicenda debiti crediti tra FC Grosseto e Comune Grosseto e’ stata gia’ umiliante e foriera di ansia e preoccupazione per la tifoseria grossetana questa storia dell’estromissione di alcuni giocatori punti di forza e di riferimento della Squadra almeno fino alla abulica e rovinosa partita di Ostia ha dell’incredibile e ci sconcerta. E’ evidente che i Dirigenti della Societa’ e della Squadra avranno avuto dei fondati motivi per ricorrere a simili provvedimenti. Non resta che attendere lo sviluppo di queste draconiane decisioni.

    • ser

      23 Mar 2016 at 20:22

      E’ vero è sconcertante, ma indicativa di mancanza di ” un manico ” nella società. Viene fatta una guerra per 5000 e 46000 euro ( cifre irrisorie rispetto al costo di un campionato ) e ci si accorge solo ora che nel paniere c’erano mele marce? Per la società la priorità doveva essere l’efficacia e l’efficienza della squadra. Per vincere nel calcio non basta comprare ” nomi ” ma creare un gruppo e anche così spesso, per variabili multiple, non si raggiunge il risultato. E questo non solo in Italia

      • Claudio

        23 Mar 2016 at 22:09

        Io sto cn Pincione. ……nn scordo ki ci ha salvato dalla m….

        • Marcovaldo

          24 Mar 2016 at 00:05

          Anch’io sto con Pincione. Quando vengono a svernare vi lamentate, quando la società prende provvedimenti vi lamentate lo stesso. Che palle!

  2. GIGI 52

    23 Mar 2016 at 21:48

    Allora poteva pensarci prima anche quando ha esonerato GIACOMARRO visto che aveva sostenuto che la porta era aperta anche per qualche giocatore .Molto probabilmente se tra squadra,allenatore e società ci fosse stato un direttore tecnico o direttore sportivo con gli attributi non saremmo giunti a questa situazione .comunque rinunciare ad un ‘attaccante che ha fatto 19 gol mi sembra una cosa assurda specialmente se l’obiettivo è fare i play off .speriamo che non sia l’inizio di un disimpegno.

    • Lupo

      23 Mar 2016 at 22:47

      Bravo Gigi 52, rinunciare al capocannoniere del campionato! La ns. storia dice che 19 gol li avevano fatti Meacci nel 2001, Barbana nel 1973 e Zecchini negli anni sessanta……sai contenti i ns. Prossimi avversari…..

  3. Il tanche

    23 Mar 2016 at 23:37

    E se giocano come domenica ad Ostia ci fai una……

    • Lupo

      24 Mar 2016 at 06:18

      Faccio una premessa, io non sono amico ne’ di Palumbo e ne’ di Zotti, ma da quando è cambiato allenatore i due in questione hanno giocato 4 partite, con il Muravera vittoria 2-1 gol di Zotti e Palumbo. Con l’Arzachena 4-2 gol di Palumbo, assistt di Palumbo per il Gol di Nappelllo ed assist di Zotti per il gol di Lavopa. Conclusione, se quando si perde e colpa di Palumbo e Zotti e quando si vince e’ merito solo della squadra mi ci scappa da ridere, forse i problemi di questa squadra sono anche una difesa o fase difensiva che a preso i gol del Rieti e della Viterbese messi insieme. Se sono stati esclusi per motivi disciplinari e’ un conto se sono fuori per scarso rendimento e’ una scusa, poi a me non interessa se in attacco gioca Palumbo Patierno o Di Gennaro, io sono stato sono e sarò solo per il Grosseto , ma dopo aver ascoltato le dichiarazioni di Pincione mi piace ragionare con la mia testa e ti dico che sono preoccupato perché non vorrei che fosse l’inizio di una smobilitazione.

      • Io sono il calcio

        24 Mar 2016 at 10:13

        Cio’ che scrive Lupo non e’ cosi’ infondato.
        Lo scarso rendimento e’ una cosa, i motivi disciplinari sono un’altra. E’ anche vero che se la Societa’ ha fatto cio’, e non credo che non si renda conto di quanto potrebbero mancare ai fini dei risultati, vuol dire che hanno polso.
        Vediamo gli sviluppi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

 

Advertisement




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi