Piombino, calice amaro per il Grifone

Ancora una volta l’Atletico Piombino, guidato da mister Miano, sbarra la strada ai maremmani in una partita che se fosse terminata in parità non avrebbe fatto gridare allo scandalo. Anche lo scorso anno nelle partite di campionato il Piombino aveva dato del filo da torcere al forte Roselle con una vittoria ed un pareggio dimostrando di essere la bestia nera dei grossetani. Con questa sconfitta subita davanti a circa 400 tifosi al seguito, il Grifone scende al quarto posto in classifica in coabitazione con il Poggibonsi vittorioso in trasferta contro il Cenaia e non può più permettersi distrazioni se vuole affettivamente vincere il campionato. Un campionato, quello di Eccellenza, che non ammette amnesie e rilassamenti perché le squadre di vertice hanno dimostrato di avere preparazione, grinta, determinazione e carattere da vendere nella consapevolezza di una competizione di qualità, dove ci sarà da lottare duramente fino alla fine. È pur vero che la sfortuna si è anche accanita sul Grifone con numerose assenze per infortuni di giocatori importanti, ma ciò deve far riflettere tatticamente ed anche in fase di preparazione e di impostazione della squadra che, a dire il vero, essendo impegnata su due fronti (campionato e coppa) deve saper equilibrare le forze per poterle gestire al meglio. Ora l’importante è non mollare cercando di concentrarsi sul prossimo impegno casalingo contro il fanalino di coda, evitando di prenderlo “sotto gamba”.

2 Comments
  1. Sesto 2 anni ago
    Reply

    Io parto da un presupposto: il calcio grossetano è sceso così in basso che non può permettersi di sostare per più di una stagione a questi livelli, pena una mazzata micidiale su tutto l’ambiente, che verosimilmente soffocherebbe quel tanto di fiducia ed entusiasmo che con fatica stanno rifacendo capolino. Temo purtroppo che invece si stiano creando tutti i presupposti per fallire l’obiettivo promozione. Nelle tre giornate che mancano al giro di boa è inimmaginabile un recupero di punti sul San Gimignano e se il 10 dicembre si dovesse perdere andando a far visita alla capolista (cosa tutt’altro che da escludere), in pratica, con 8 punti di distacco come minimo, saremmo fuori dai giochi ancor prima di Natale e questo rappresenterebbe un flop devastante, mi sembra innegabile. Che dire? Incrociamo le dita e speriamo non sia così…

  2. Rampante 2 anni ago
    Reply

    L’Eccellenza “competizione di qualità”, ma mi faccia il piacere.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW