Baseball: Italia battuta, Olanda sul tetto d’Europa

Dopo due successi consecutivi abdica l’Italia di Mazzieri inchinandosi davanti alla potenza offensiva delle mazze olandesi ed uscendo sconfitta in finale con il risultato di 6-3 sotto una pioggia tanto battente quanto fastidiosa in quel di Brno.

Che non sarebbe stata una giornata felice è stato subito chiaro sin dal primo inning quando il lead-off orange Oduber ha spedito oltre la recinzione la palla lanciata da Colla. È stato questo il leit-motiv dell’incontro: i rivali di sempre della nazionale italiana hanno messo a segno ben cinque homerun e la differenza tra le squadre è stata tutta qui. Da un lato la rabbia dei neocampioni d’Europa in casacca bianco-arancione, dall’altro un’Italia che ha avuto al settimo la grande occasione fermando la propria rimonta sul 5-3 con Liddi rimasto al piatto e le basi piene. Quando si sprecano certe opportunità, purtroppo a certi livelli si viene puniti.

Il malcapitato Colla ha subito quattro fuoricampo in 3.1 riprese lanciate prima di cedere il posto ad Escalona a sua volta rilevato prima da Tiago Da Silva e poi da Venditte, ma con Da Silva partente forse la musica non sarebbe cambiata. L’Olanda vista oggi è sembrata più potente nella fase offensiva, più “cattiva” di un’Italia che ha battuto cinque valide (due sullo storico partente Cordemans, tre su Bergman e nessuna su Stuifbergen) in tutta la partita.

L’Italia non è più campione d’Europa, ma non deve essere cancellato nulla di quanto ha compiuto di buono il manager grossetano in questi anni: questa volta la nazionale ha perso, ma non sarà certamente una sconfitta a cambiare la nostra opinione sull’operato di un tecnico che ha portato il batti e corri italiano due volte consecutive sul tetto d’Europa e a disputare un World Baseball Classic già entrato a buon diritto nella storia.

1 Comment
  1. sturm und drung 5 anni ago
    Reply

    se proprio vogliamo processare qualcuno, questo non sara’ certo il coach…….
    abbiamo perso contro una superpotenza continentale giocandocela quasi alla pari; certo gli errori sono stati fatti, soprattutto da un giocatore come liddi ci si aspettava, perlomeno nel momento migliore del match, un qualcosa di piu’ che rimanere al piatto a basi cariche……………….
    pero’ non voglio tirare addosso la croce a liddi; abbiamo comunque disputato un grande torneo e solo una grande squadra ha avuto la meglio su di noi. Sara ‘comunque un punto di ripartenza di un gruppo affiatato quanto valido, con tantissimi punti fermi, su cui fondare le basi x il futuro.
    Questa sconfitta non deve essere considerata la fine di un ciclo, ma solo una sua momentanea interruzione; almeno i nostri atleti non guadagnano milioni di euro e non perdono di certo contro il costarica……………………..
    onore dunque ad una formazione che, fino in fondo, ci ha fatto vivere emozioni gratificanti!!!!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news