Football americano, Veterans sconfitti 8 a 40 dai Raiders Pisa. Ceccarelli: “Cercheremo altri atleti per non far morire il nostro sport a Grosseto”

Grosseto. <<C’è poco da commentare. Il punteggio di 40/8 parla da solo>> spiega il dirigente Andrea Ceccarelli al termine dell’ultimo confronto della stagione che vede la squadra di football americano dei Veterans Grosseto arrendersi ad Istia d’Ombrone ai Raiders West Coast di Pisa. <<È stata una delle nostre peggiori partite giocate sia dal punto di vista tecnico che fisico. Nemmeno la realizzazione di Carlo Garbarino ci ha permesso di risollevare la testa. Abbiamo commesso tanti errori. È stata veramente una brutta partita. Da un certo punto di vista è stata come una liberazione per noi. Dall’altra parte abbiamo trovato una formazione avversaria, molto bene messa in campo. Abbiamo cercato di dare una scossa al movimento. Ma il problema è che non c’è stata una grande risposta da parte di tutto l’ambiente>>. Lo sfogo del dirigente grossetano si riempe di amarezza. <<Cercheremo di coinvolgere altri atleti. Non vogliamo che il football americano a Grosseto sia destinato a finire>> conclude Ceccarelli. Sulla gara non c’è molto da aggiungere. Il risultato e il punteggio finale parlano da soli, ma non sorprende la società del presidente Luciano Lorusso che non è riuscita mai a vincere una gara in tutta la stagione sempre sconfitta sia nelle partite di andata che in quelle di ritorno dalle formazioni del girone Trappers Cecina, West Coast Pisa e Sirbons Cagliari. La scarsa esperienza e la giovane età della formazione grossetana hanno finito per penalizzare ogni oltre previsione i ragazzi del football americano di Grosseto che si sono trovati a confrontarsi con compagini meglio attrezzate tecnicamente e fisicamente di loro. È un epilogo amaro per i maremmani che terminano il campionato a zero punti nel tabellino e nessuna vittoria in classifica. L’unica consolazione è data dalla realizzazione del giocatore grossetano Carlo Garbarino, ma per tutta la durata dell’incontro, i padroni di casa hanno sempre subito l’iniziativa della formazione ospite. La società ora farà passare almeno una settimana di tempo e poi si ritroverà per programmare la prossima stagione. Si dovrà capire sopratutto se proseguire l’attività con la prima squadra oppure continuare spostando tutte le energie a disposizione verso il settore giovanile, che può puntare su una under 19 molto competitiva. Per rendere la squadra giovanile ancora più forte, la società grossetana ha già avviato alcuni contatti con la società pisana dei Raiders West Coast per una collaborazione che dovrebbe portare a costruire una compagine composta da atleti maremmani e pisani insieme ad altri provenienti da Livorno. La società pisana dopo i primi contatti si sarebbe detta disponibile a questa soluzione. Rimane da decidere il futuro della prima squadra. Parecchio dipenderà se si potranno reclutare e trovare sul territorio nuovi giocatori da inserire nel gruppo principale. Nel frattempo si sarebbero riavvicinati alla società biancorossa anche alcuni giocatori storici dei Condor, per alcuni anni anche dirigenti, che si erano allontanati e che sarebbero disposti a rientrare per aiutare a superare la crisi che football americano maremmano sta attraversando in questo momento, Sarebbe un peccato, che una società storica come quella di Grosseto finisse per uscire dal panorama nazionale del football americano in Italia.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news