Promozione: Amorfini regala il derby all’Albinia. Crollo Monterotondo e Fonteblanda

La squadra del Fonteblanda (foto di P. Censini)

Audace Galluzzo-Monterotondo 4-1
AUDACE GALLUZZO: Toffoletti, Khodin, Burgnich, Coulibaly, Sottili, Marulli, Vecchi, Antongiovanni, Geri, Natale, Kouko. A disp.: Bargagli, De Muynck, Pisapia, Toccafondi, Quadri, Leao, Rovai. All.: Morandi Claudio
MONTEROTONDO: Bugelli, Ferri, Berti, Ciaravolo, Venuta, Romeo, Ruggiero, Vezzi, Morelli G., Ferretti A., Martelloni. A disp.: Dini, Morelli F., Lorenzini, Guareri, Ferretti C., Di Giuseppe, Arbulla. All.: Ballerini Nicola
ARBITRO: GIANNETTI CHRISTIAN di Valdarno, coad. da Tasoyti dimitry di Lucca e Meraviglia Roberto di Pistoia
RETI: 24° Natale, 29° Kouko, 52° Antongiovanni, 67° Berti, 89° Vecchi

Il Monterotondo sul campo dell’Audace Galluzzo è stato sconfitto per 4-1 ed ora si può iniziare a parlare di crisi La squadra rossoverde infatti ha subito la terza sconfitta consecutiva nelle ultime quattro partite ha conquistato solamente un punto. Alla fine del primo tempo i padroni di casa vincevano già 2-0 e nella ripresa andavano in gol per la terza volta. A metà tempo era Berti a ridurre le distanze per la squadra di Ballerini ma a u minuto dal termine giungeva il gol di Vecchi che firmava il poker del Galluzzo.

Albinia-San Donato Acli 1-0
ALBINIA: Di Roberto, Bigliazzi, Amorevoli, Sgherri, Rosati, Amorfini, Cicerchia, Russo, Coli, Serdino, Nieto. A disp.: Minucci, Picchianti, Conti F., Moschetto, Marchi, Fastelli, Costanzo. All.: De Masi Michele
SAN DONATO ACLI: Leye, Savini, Majuri, Toninelli, Lupi, Agnelli, Hrytsyuk, Rigutini, Pira, Bigliazzi, Rispoli. A disp.: Tarantino, Muzzi, Vento, Cocciolo, Monaci, Francioli, La Spina. All.: Corti Alberto
ARBITRO: CAPECCHI LEONARDO di Grossto, coad. da Lumetta Giuseppe Alessio di Piombino e Ginanneschi Giacomo di Grossto
RETI: 83° Amorfini

L’Albinia, dopo due sconfitte consecutive, è tornata al successo battendo sul terreno di gioco di casa del Combi il San Donato per 1-0, conquistando così il derby della Maremma del Sud. Non è stata una bella partita. Squadre volonterose ma poco concrete. Un primo tempo senza reti con alcuni velleitari tentativi da entrambe le parti che, logicamente, non hanno avuto successo. Nella ripresa le squadre cercavano con più insistenza la via del gol ma il gioco non decollava rimanendo mediocre. Nieto, per i rossoblu di casa, colpiva un palo. La svolta giungeva nel finale. A 6 minuti dal termine Costanzo, subentrato da poco, colpiva il palo su punizione ed Amorfini era bravo a mettere la palla in rete. Nei minuti finali i donatini non riuscivano a reagire e la squadra d De Masi conquistava un successo molto importate in chiave salvezza.

Fonteblanda-S.Cecina 2-4

Fonteblanda: Bartali, Censini, M. Ricci, Pavin, Picchianti, Kacka, Scozzafava, Melchionda, D’Orso, Angelini, Troncarelli. A disp. Arienti, C. Ricci, Ottaviani, Boni, Terzaroli, Soumahoro, Mazzieri. All. Ripaldi.
Sporting Cecina: Fongilo, Serini, Campigli, Gronchi, Cosimi, Modica, Cosi, Biondi, Fabbri, Pedroni, Faraoni. A disp. Cappellini, Vivini, Salvini, Della Versana, Benucci, Calandrino. All. Ballerni.
Arbitro: Solito di Piombino.
Marcatori: 1’ e 43’ Pedroni, 33’ (r.) e 66’ (r.) Angelini, 76’ Faraoni, 93’ (r.) Cosimi.

Brutta sconfitta casalinga per il Fonteblanda, battuto all’Armenti per 4-2 dallo Sporting Cecina. Una battuta d’arresto che fa rimane i neroverdi all’ultimo post in classifica con 9 punti, tre in meno della penultima, l’Atletico Etruria. Una sconfitta pesantissima che i neroverdi di Ripaldi non sono riusciti ad evitare. Hanno lottato reagendo come hanno potuto ma alla fine hanno dovuto arrendersi all’undici ospite. Di Angelini le due reti fonteblandine segate entrambe su rigore.

10 Comments
  1. Brutti brutti 2 anni ago
    Reply

    San donato in caduta libera

  2. bello bello 2 anni ago
    Reply

    con una punta di ruolo sarebbe una ottima scuadra

  3. Realisti 2 anni ago
    Reply

    E un’altro manico …..

  4. start 2 anni ago
    Reply

    peggior attacco….e 4° miglior difesa del campionato! se cambi il manico chi segna il manico?

    • Roby 2 anni ago
      Reply

      Start ha perfettamente ragione, Corti fa il suo ma le punte dove sono.. Chi segna Gesu’? Puoi giocare bene quanto ti pare ma se non c’è chi la mette dentro poi le cose si complicano.. Non puoi tutte le volte sperare di andare sopra e poi difenderti, ci vuole gente in grado anche di ribaltarle le partite.

  5. Realisti 2 anni ago
    Reply

    sara’ anche problema di punte ma non fanno tre passaggi di fila, eppoi la punta c’era e buona ,forse non è stata sfruttata a dovere ….. e di chi è la colpa ? IO qualche domanda me la farei ???????

    • ma dai 2 anni ago
      Reply

      e di grazia quale sarebbe stata sta punta ? dai non scherziamo quella che ha fatto più reti ne ha fatte 3 in 17 partite via siamo seri. Il problema è che la dirigenza doveva provvedere a dicembre altro che chiacchere ora è tardi …

  6. Albinia - S.donato 2 anni ago
    Reply

    Se la punta fa solo 3 reti in 17 partite forse il problema è un altro, visto che con gli stessi giocatori anno scorso la punta ne ha fatti 20 o più credo, squadra snaturata , senza gioco , e con tanta confusione tattica e , grazie a qualche giocatore se la situazione non è ancora troppo critica , ma ce sempre tempo …….. per diventarlo ….

    • Tutto chiaro 2 anni ago
      Reply

      E allora se era così chiaro e semplice era da tenere punta e tecnico cosa sono andati a cercare sogni di gloria.

  7. Albinia - S.donato 2 anni ago
    Reply

    Tutto chiaro, hai perfettamente ragione, forse l’idea era quella di cambiare dopo diversi anni di gestione Cinelli, ma si sa non sempre funziona, per la punta concordo con chi sopra scrive, quella presa da Roselle le credenziali le ha tutte purtroppo sarà stata sfruttata male

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW