Eccellenza: il settimo turno di campionato, vincere per avvicinare la vetta

Grosseto. Le cose cominciano a girare per il verso giusto; in campionato due vittorie consecutive per il Grosseto (11) rendono la vetta della classifica molto più vicina, e se poi ci aggiungiamo la vittoria di mercoledì scorso a Cenaia in coppa Toscana con la qualificazione alle semifinali contro il S. Miniato Basso, è chiaro che il segnale dato dalla squadra biancorossa al campionato è molto forte, quanto mento come risultati ottenuti. E’ vero che le prestazioni non sono state del tutto limpide soprattutto nella trasferta di San Miniato ed in quella di coppa contro il Cenaia, dove la vittoria è stata sofferta ed è arrivata soltanto nei tempi supplementari, però è fuori discussione come i risultati facciano morale ed aiutino le squadre in momenti di difficoltà. In questo contesto positivo ci troviamo ad affrontare il Castelfiorentino (12) in quello che possiamo considerare a ragione il big match della giornata; sul sito http://www.sscalciocastelfiorentino.it/ possiamo reperire molte notizie sulla storia calcistica della società dal 1929, anno di fondazione, fino ad oggi, ma è comunque una storia che si snoda principalmente tra i campionati dilettanti, con una sola incursione tra i semi-professionisti nell’immediato secondo dopo guerra. Curiosa rimane, però, a come siamo arrivati all’assunzione dei colori sociali attuali della società; infatti all’inizio la società assunze i colori rosa nero (sul sito ufficiale della società si dice che era una divisa stile Juventus primi anni, prestata dalla squadra del Siena loro avversaria nel primo incontro ufficiale disputato). Successivamente i colori diventarono bianco e rossi e richiamavano lo stemma della città di Castelfiorentino; la curiosità arriva quando, ad un certo punto, la società rimase senza maglie e le uniche rimediate da qualche dirigente locale furono proprio di colore giallo e blu che da allora diventarono i colori ufficiali della squadra. Inutile sottolineare le difficoltà della partita di sabato prossimo (si giocherà infatti sabato alle ore 16,30 per lasciare libero per domenica il campo al Gavorrano), ma proprio il fatto di giocare in anticipo rispetto al resto del programma potrebbe mettere una certa pressione alle altre squadre che scenderanno in campo già sapendo il risultato del big match.
Il resto del programma prevede Atletico Piombino (8) – Castelnuovo Garfagnana (7), partita tra due squadre partite con il freno a mano un po’ tirato, ma con potenziali superiori a quanto espresso fino ad adesso; Cuoiopelli (13) – San Miniato Basso (5), partita che per quanto visto fino ad ora sembrerebbe a senso unico; Gambassi (9) – Ponte Buggianese (8), suqdre immediatamente a ridosso della zona importante di classifica.
Si prosegue con Larcianese (2) – San Marco Avenza (8), con la bilancia che pende in favore degli ospiti; Marina La Portuale (4) – Atletico Cenaia (5), forse uno dei primi veri spareggi salvezza; Sangimignano (14) – Fucecchio (6) con la squadra di casa, capolista del girone, reduce da un pareggio a Castelfiorentino, che vorrebbe consolidare il primato in classifica.
Il turno si conclude con Urbino Taccola (4) – Poggibonsi (11), con la squadra di mister Bifini pronta ad approfittare della situazione per cercare di risalire ancora di più la classifica. (AS)

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news