I risultati della 5° giornata: Manciano stoppato a Barberino, un sontuoso Roselle si fa sotto. Bene Alberese e Fonteblanda

Nella foto di Fiorenzo Linicchi l' Ac Roselle

 

GIRONE D

ALTA MAREMMA – VENTURINA CALCIO 2 – 2

ALTA MAREMMA: Bigoni, Bartolini (15’ st Tiralongo), Solinas, Poli, Mucci, Cervetti, Scrivano, Boschi, A. Falciani (35’ st Accarigi), Felici, Ferrari. A disposizione: Gelli, Accarigi, Pesucci, Zoni, Tiralongo. All. Papini.

VENTURINA CALCIO: Brunacci, Novelli, Marrazzo, Donati, Severini, Pompizzi, Ghelardini (10’ st Morlè), Carmignani, Cipriani (17’ st Raspanti), Govi, Lunghi. A disposizione: Pietrelli, Ghelardini, Sorbi, Raspanti, Pietricci, Morlè, Cozzolino. All. Barocci.

ARBITRO: Benedetti di Firenze.

RETI: 16’ Lunghi, 32’ Cervetti, 43’ (rig.) Scrivano, 45’ Govi.

NOTE: espulso Pompizzi al 15’ st per doppia ammonizione.

Primo tempo scoppiettante in Alta Maremma, con il 2 a 2 che si protrae fino al fischio finale. Vantaggio ospite con Lunghi, ma Cervetti riporta il match in parità su palla inattiva. Al 43’ i gialloneri mettono la testa avanti con il rigore di Scrivano, ma Govi, con una punizione dal limite impatta prima dell’intervallo. Nel secondo tempo Venturina in dieci per il rosso a Pompizzi, ma sono i livornesi a rendersi più pericolosi: decisivi Cervetti con un salvataggio sulla linea e Bigoni con una grande parata.

DONORATICO – FOLLONICA 2 – 0

DONORATICO: Reali, Bartolini, Chiechi, Simoncini (17’ st Faraone), Lancioni, Beretti, Caroti, Lorenzi, Locatelli (36’ st Spinelli), Periccioli, Libardo (15’ st Colombo). A disposizione: Sandri, Tosolini, Colombo, Zuardi, Faraone, Spinelli, Biagi. All. Bani.

FOLLONICA: Marroccella, Sem, Decembrini, Batistoni, Errico, Ceccotti, Tino, Mazzuca (Parente), De Giulli, Tonelli (Cantini), Duranti (7’ st Uliano). A disposizione: Montagnani, Uliano, Zinali, Cantini, Parente, Caca, Barbosa. All. Silvestro.

ARBITRO: Trapani di Pisa.

RETI: 19’ st Faraone, 34’ st Lorenzi.

Trasferta amara per il Follonica a Donoratico: la squadra di Silvestro viene battuta per 2 a 0 dai livornesi che riescono a emergere nella ripresa.

Nel primo tempo, infatti, pur essendo padrona del campo, la squadra di casa non riesce a sfondare, mentre i biancoazzurri reclamano per un contatto in area su Tino.

Al 19’ Faraone, appena entrato, risolve un’azione di angolo: è l’episodio che decide la gara, visto che, poco più tardi, il Follonica si fa trovare scoperto su una ripartenza e incassa il raddoppio di Lorenzi.

MONTEROTONDO – CALDANA 4 – 0

MONTEROTONDO: Bugelli, Lorenzini, Landi, Gragnani, Lonzi, Ciaravolo, Romeo, Vezzi (Toscanelli), Khouribech (Raddi), Perciavalle (Flori), Monterisi. A disposizione: Fatale, Raddi, Flori, Gafur, Serini, Cascinelli, Toscanelli. All. Cavaglioni.

CALDANA: Albonetti, Giorgetti, Salusti, Tani, Zurlo, Gryka, Di Federico, Santini, Di Leo, Paumgharden, Rotelli. A disposizione: Frattini, Telesio, Creatini, Filippini, Di Fiore, Totti, Paradisi. All. Ruggeri.

ARBITRO: Iacobellis di Pisa.

RETI: 9’ Romeo, 33’ Lonzi, 22’ st Khouribech, 44’ st Raddi.

NOTE: espulso Di Federico al 38’ per proteste.

Il Monterotondo sfata il tabù casalingo con il rotondo 4 a 0 nel derby contro il Caldana, superato per due volte negli ultimi quattro giorni se si considera l’esito della partita di Coppa di mercoledì. Per i biancocelesti, invece, dopo i segnali di ripresa di domenica scorsa, un nuovo passo indietro che inguaia non poco il team di mister Ruggeri.
Dopo appena nove minuti, i rossoverdi sbloccano subito il parziale, grazie alla pregevole iniziativa di Romeo che entra in area e supera Albonetti.
Il Monterotondo è padrone della situazione, anche se il Caldana prova a farsi vedere in avanti, ma Bugelli si fa sempre trovare presente. Al 33’ i padroni di casa raddoppiano con Lonzi, anche se forse in extremis è arrivata la leggera deviazione di Monterisi che ha messo fuori casa l’intervento di Albonetti. Per il Caldana, poi, la mazzata decisiva arriva al 38’, quando l’arbitro Iacobellis decide di espellere (rosso diretto) il centrocampista Di Federico, reo di eccedere troppo nelle proteste.
Sotto di due reti e di un uomo all’intervallo, il Caldana non trova più la forza di reagire, con il Monterotondo che ha gioco facile nell’amministrazione del risultato e nel proporre con insistenza i propri uomini dalle parti di Albonetti.
Il tris che arriva a metà ripresa è la logica conseguenza e porta la firma di Khouribech, che va in rete con un siluro da fuori area che lascia impietrito il portiere ospite. Sul finire di gara, poi, c’è gloria anche per l’appena entrato Raddi, che, in solitudine, griffa il definitivo 4 a 0.
Un successo che permette ai padroni di casa di rilanciare le proprie ambizioni in chiave playoff, mentre il Caldana mastica amaro con la consapevolezza di dover lavorare tanto per uscire da questa situazione.

GIRONE F

ARGENTARIO – SORANO 0 – 1

ARGENTARIO: Milani, Amato, V. Moriani, Giovani, C. Schiano, S. Moriani, Perrone, Sclano (40’ st A. Della Monaca), S. Schiano, Fanciulli, Atzori (32’ st Alocci). A disposizione: Bianciardi, Russo, S. Della Monaca, De Pirro, A. Della Monaca, Solari, Alocci. All. Ferrante.

SORANO: Cappelletti, Coli, Di Mario, Brizi, Onori, Bufalini, Santinami, Bacci, Sequino (20’ st Buosi), Ventura (34’ st Papini), Di Carlo (40’ st Sonnini). A disposizione: Tramontana, Sonnini, Dominici, Papini, Tondi, Buosi. All. Gaggi.

ARBITRO: Valenti di Siena.

RETE: 5’ st Ventura.

Debutto amaro sulla panchina santostefanese per il neoallenatore Ferrante: il Sorano sfrutta l’acuto di Ventura a inizio ripresa (0-1) e porta a casa i tre punti dal Maracanà.

La partenza dei padroni di casa è però incoraggiante, con un Perrone molto attivo: al 14’ il fantasista serve l’accorrente Schiano che però manca l’aggancio del pallone, mentre un minuto dopo, su un’azione costruita sullo stesso asse, il tentativo dell’ex attaccante di Fonteblanda e Manciano sfiora il palo alla destra di Cappelletti. Al 43’ azione molto pericolosa del Sorano: punizione dal limite su cui Milani sventa il primo pericolo, si accende un furioso batti e ribatti in area che però viene sventato, seppur a fatica.

La ripresa si apre con la bella iniziativa di Fanciulli che libera Schiano, ma anche in questo caso il pallone finisce di poco a lato. Al 5’ il gol partita del Sorano: Sequino suggerisce per Ventura, il numero 10 in diagonale trafigge l’incolpevole Milani. L’Argentario si buta in avanti a capofitto, ma la reazione è confusa lascia spazio ai contropiedi ospiti: al 31’ è Buosi a fallire una ghiotta occasione, mentre a cinque minuti dal termine ci vuole tuttal a bravura di Milani per sventare il raddoppio. Ma l’Argentario non riesce a schiodarsi da quota 3 punti.

BARBERINO VAL D’ELSA – MANCIANO 0 – 0

BARBERINO: Lastrucci, Concato, Lotti, Agnorelli, Rigacci, Brettoni, Bellosi, Giannini, Andreucci, Mazzuoli, Fusi. A disposizione: Santoro, Bartali, Santagati, Lotti, Giannini, Bellosi, Mazzuoli, Fusi. All. Coli.

MANCIANO: Sabatini, Alborino, Brizi, Margiacchi, M. Laghi, De Nardin, Manini, Berna, Paoloni, Spirito, Giustacori. A disposizione: Ballerini, Chiaranda, Contini, Rossi. All. Renaioli.

ARBITRO: Delgadillo di Pontedera.

NOTE: espulso Agnorelli al 15’ st per fallo da ultimo uomo.

Si stoppa a Barberino la striscia vincente del Manciano (0-0 il finale in terra fiorentina), che comunque riesce a mantenere la leadership del girone anche se ora il Roselle fa veramente paura. I biancorossi si sono presentati in formazione abbastanza rimaneggiata, con mister Renaioli che aveva poche opzioni da pescare dalla panchina.

Non è bastato neanche giocare l’ultima mezz’ora in superiorità numerica per l’espulsione di Agnorelli, perchè i padroni di casa si sono arroccati dietro per portare a casa il prezioso pareggio.

CASOLESE – VALDARBIA CALCIO 0 – 2

CASTIGLIONESE – ROSELLE 1 – 7

CASTIGLIONESE: Speroni, Grascelli, Grossi, Greco, Marchi, A. Guerriero, Cerboneschi, Toninelli, Bonelli, Mariottini, Rosi. A disposizione: Marrocolo, Lorenzoni, G. Guerriero, Magrini, Mollo, Armellini, Caldelli. All. Tosini.

ROSELLE: Cipolloni, Montomoli, Minucci, Franchi, Lupi, Boni, Cosimi, Saloni, Vento (25’ st Angelini) , Consonni (1’ st Maggio), Polla (20’ st Pacinotti). A disposizione: Borracelli, Pacinotti, Di Fiore, Maggio, Angelini, Kudinov. All. De Masi.ARBITRO: Bertolini di Livorno.

RETI: 15’, 27’ st e 35’ st Cosimi, 25’ Polla, 35’ e 40’ Vento, 45’ st Angelini, 13’ st (rig.) Toninelli.

Il Roselle annichilisce con una prova superlativa la Castiglionese, con l’1 a 7 che però è una lezione troppo dura per i rossoblù di casa. Ma la qualità e le risorse offensive a disposizione dei termali (scatenato l’ex Cosimi, autore di una tripletta) hanno fatto la differenza. Il festival rosellano inizia al 15’: lancio di Consonni per Cosimi che stoppa palla, dribbla un avversario e con una parabola a girare va a insaccare sul palo più lontano. Il raddoppio è servito dieci minuti più tardi dal giovane Polla, che si gira e dall limite fa partire il sinistro del 2 a 0. Sul finire di frazione si scatena Vento, che nel giro di cinque minuti confeziona la sua doppietta: prima l’ex San Quirico recupera palla sulla trequarti, semina due avversari e il portiere prima di depositare a porta sguarnita, poi approfitta di un traversone in area per calare il poker che chiude la prima frazione.

Nella ripresa, reazione di orgoglio dei padroni di casa che con Toninelli siglano il rigore della bandiera, poi è ancora Cosimi ad andare a referto in due occasioni, l’ultima con un pallonetto di pregevole fattura. Il gol finale è opera del subentrato Angelini che, in diagonale, converte in rete l’assist di Saloni. Per la Castiglionese una domenica da dimenticare al più presto.

FONTEBLANDA – QUERCEGROSSA 2 – 0

FONTEBLANDA: Bartali, Amadii, Ricci, Guglione, Lubrano, Batazzi, Falciani (15’ st Censini), Picchianti, Casamonti, Melchionda (35’ st Guidi), Ingrossi (33’ st Silvestro). A disposizione: Angiolini, Santini, Silvestro, Giani, Guidi, Censini. All. Ripaldi.

QUERCEGROSSA: Mastrandrea, Bagnacci, Galini, Bimbi, Chellini, Carli, Giannopolo (16’ st Sarmiento), Tollapi, Vadi, Machetti (29’ st Lorenzini), Magliozzi. A disposizione: Vitiello, De Pau, Lorenzini, Giacomini, Sarmiento, Attuoni, Merka. All. Borghi.

ARBITRO: Cinque di Firenze.

RETI: 23’ Ingrossi, 5’ st (aut.) Galini.

NOTE: espulso Bartali al 40’ st per fallo da ultimo uomo; Casamonti respinge un calcio di rigore di Magliozzi al 41’ st.

In casa il Fonteblanda non conosce ostacoli e con il 2 a 0 contro il Quercegrossa centra la terza vittoria in altrettanti incontri.

Partenza al piccolo trotto per le due squadre, complice anche il gran caldo, con poche emozioni da una parte e dall’altra. Al 5’ si fanno vedere gli ospiti con Magliozzi, ma il suo tiro risulta impreciso, mentre al 23’, alla prima occasione, il Fonteblanda passa in vataggio: angolo dalla sinistra di Melchionda, perentorio stacco nel cuore dell’area di Ingrossi e l’1 a 0 è servito. Non particolarmente pericolosa la reazine dei senesi, affidata a Machetti, ma il suo tiro si perde alto sulla traversa.

La ripresa si apre con il raddoppio dei ragazzi di Ripaldi: angolo del solito Melchionda, Galini, nel tentativo di spazzare, infila nella propria rete per la più sfortunata delle autoreti. Il Quercegrossa accusa il colpo e i padroni di casa sfiorano a più riprese il tris, con Falciani e Melchionda, che colpisce l’esterno del palo. A cinque minuti dal termine, però. l’episodio che rischia di riaprire il match: Magliozzi, lanciato in area, viene steso dal portiere Bartali, nell’occasione espulso. Il Fonteblanda, terminati i cambi, è costretto a mandare in porta l’attaccante Casamonti che però riesce a neutralizzare il tentativo di Magliozzi: è la mazzata decisiva sui senesi, con il Fonteblanda che può fare festa.

MONTALCINO – ALBERESE 1 – 1

MONTALCINO: Caporali, Mariotti, Zullino, Kokora (84′ Mari), Bindi, Carli, Foresta (68′ Ferretti), Colonnese, Bovini, Beligni (60′ De Marco), Bellandi

ALBERESE: Allegro, Pastorello W (83′ Camarri), Massieri, Mennella, Girardini, Pastorello F., Liberali, Cucini, La Rosa, Ferri, Iacobucci (70′ Esposito)

Arbitro: Pezzatini sez. Valdarno

RETI: 9’ st Liberali, 42’ st (rig.) Bovini.

PONTE D’ARBIA – SAN QUIRICO  1 – 2

STAGGIA – PAGANICO3 – 1

STAGGIA: Cervelli, De Luca(A), Marinelli, Amore, Milat, Cortigiani, Ndiaye(82′ Schillaci), Vojdulla(57′ Lavanga(A)), Schiano, Guarino, Papini(57′ Cuccia);

A disposizione: Cinquegrana, Fossati, Tanzini, Cuccia, Lavanga, Taliani, Schillaci. All: Zanelli

PAGANICO: Marzocchi, Cavaliere, Lavorgna, Noferi(A)(87′ Machetti S), Agresti, Pialli(A), Savini, Angeli, Pieri, Magnani, Savelli.

A disposizione: Machetti A, Cavaliere, Paolini, Machetti S, Paoletti, Lamba R, Lamba C. All: Agresti

Arbitro: Natale di Pontedera

Reti: 8′ e 77′ Ndiaye, 59′ Cuccia, 89′ Machetti S

 

 

 

 

11 Comments
  1. Montalcino-Alberese 5 anni ago
    Reply

    Il risultato e’ 1-1, al 50′ Liberali e al 88′ Bovini su rigore

  2. your name 5 anni ago
    Reply

    Non male questo ferrante!!!!

  3. rigorino 5 anni ago
    Reply

    rigorino generosino !!!

  4. Amiatensis 5 anni ago
    Reply

    Per quanto dispiaciuto per l’attuale andamento del “mio” Paganico, sono invece davvero contento per quello del Fonteblanda che, in tempi non sospetti avevo catalogato come possibile sorpresa del Campionato, vista la qualità dei giovani in rosa, messi, tra l’altro, agli ordini di un tecnico che di giovani se ne intende, eccome!
    Visti i risultati dei neroverdi, forse così rincoglionito (quantomeno in ambito calcistico) ancora non sono….
    Il Roselle oggi è stato finalmente capace di sprigionare tutta la sua forza al cospetto di una squadra che, fino a domenica scorsa aveva fatto solo bene, mentre l'”antico avversario”, il Montalcino, ancora non sembra riuscire ad ingranare come dovrebbe.
    Al Manciano non deve preoccupare il pari di Barberino in una partita difficile da giocare anche dal punto di vista emotivo, dopo i luttuosi accadimenti in settimana .
    Ma stasera, secondo me, cominciamo ad avere senz’altro più di qualche certezza: abbiamo due squadre, Manciano e Roselle, che hanno già dimostrato di essere perfettamente in grado di spezzare l’egemonia senese di questi ultimi anni e abbiamo almeno altre tre squadre, Fonteblanda, Sorano e Alberese ( e ci metto anche la Castiglionese, anche se per la penalizzazione è più giù!) che, di immediato rincalzo alle prime due, stanno facendo assaporare agli appassionati grossetani il gusto di rileggere dopo parecchio tempo, domattina sul giornale e insieme al caffè, il nome di ben cinque squadre grossetane nelle prime cinque nella classifica di Prima!
    Questo accade al tempo delle castagne: guardiamo che succeda lo stesso anche al tempo dei carciofi….
    Buona settimana a tutti!

  5. Info 5 anni ago
    Reply

    La valdarbia ha vinto a casole e il San quirico ha vinto a Ponte d’arbia

  6. Tifoso 5 anni ago
    Reply

    Proprio non male questo Ferrante

  7. Realtà 5 anni ago
    Reply

    Esagerato???inesistente!!! Ahhhh come gioca l’Alberese!!!

  8. usd monterotondo 5 anni ago
    Reply

    nessuno è stato espulso del caldana casomai è il Monterotondo che ha giocato in 10

  9. Dal parco 5 anni ago
    Reply

    Rigorino genereso ma che si può dare..ingenua trattenuta su un calcio d’angolo calciato alto e lungo per tutti..risultato giusto se si pensa alle due paratone di Allegro e la traversa di Bellandi..Alberese che non è riuscita a chiuderla sfruttando le occasioni che ha costruito..peccato, i ragazzi ce l’avevano quasi fatta e comunque un punto a Montalcino l’avrebbero firmato pure i cinghiali, bene così!

  10. muoh 5 anni ago
    Reply

    Ma fatelo lavorare in pace ferrante….fenomeni

  11. usd monterotondo 5 anni ago
    Reply

    nessuno del caldana è stato espulso casomai è il Monterotondo che ha giocato in 10

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW