Grosseto, Orlandi: “I pericoli maggiori ce li creaimo da soli”. Dubbi sul torneo a singhiozzo

Nevio Orlandi allenatore del Grosseto

GROSSETO – Condizione della rosa quasi al completo, mancherà il centrocampista Nikola Olivieri, l’altra assenza per squalifica è quella del difensore Digiorgio (probabile Baylon al suo posto):

<<Olivieri sta recuperando dal fastidio al flessore non è il caso di forzarlo anche perché ha sempre lavorato differenziato in questi giorni. Maciucca ha una condizione fisica limitata, sta dimostrando di recuperare in fretta ed è un elemento su cui puntiamo – spiega Nevio Orlandi che non rivela nulla della formazione – in funzione del sistema di gioco che adotteremo ci sono degli interpreti che posso contribuire meglio in certe posizione. Abbiamo lavorato sempre su due moduli di gioco, quelli che dal mio punto di vista ci danno di più in questo momento. Non è poi questione di numeri ma di fasi – continua Orlandi – cosa si fa con la palla e cosa si fa senza, ecco si tratta di interpretare bene le due fasi e i ragazzi hanno dimostrato di saperlo fare con entrambi i moduli>>.

L’Ostia Mare nonostante una classifica poco tranquilla è squadra che internamente subisce pochi gol: <<L’Ostia credo che sia una squadra che per caratteristiche agisca sul ripartire il che non significa che giochi chiusa – analizza mister Orlandi – a loro mancherà il centravanti che fa da riferimento al loro sistema di gioco. I problemi ce li possiamo creare solo noi, se giochiamo con la determinazione di fare risultato probabilmente vinciamo, se viene meno siamo pericolosi per noi stessi>>.

Bilancio del tecnico dopo il primo mese di gestione?

<<C’è rammarico solo per la partita di Viterbo, a causa del risultato maturato ci troviamo a rincorre e dobbiamo fare il massimo per non avere rimpianti>>.

Tornando alla gara di domani c’è l’aspetto del terreno di gioco da tenere in considerazione: <<I campi sintetici sono un po’ fastidiosi per tutti, noi abbiamo optato per fare una seduta a Paganico proprio sul terreno sintetico per abituare io giocatori al rimbalzo del pallone e alla risposta delle articolazioni>>.

Dopo la gara di Ostia nuova pausa stavolta per la Pasqua, qualcosa non convince Nevio Orlandi: <<Si gioca a singhiozzo perché qualcuno accetta di spostare le partite – viene in mente l’anticipo concesso alla Torres, ma anche il rinvio di Viterbese-Rieti come aggiunge il tecnico – sembra che si giocherà il 30 oppure magari con più comodità ad aprile. In tutte le cose, come nella vita, la colpa è sempre dei più grandi>>.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news