Il punto dopo la 10° giornata in Prima Categoria: Albinia stellare, domenica difficile per le altre grossetane

Angelini esulta dopo un gol (di F.Linicchi - Maremmapress.it). Oggi la sua doppietta ha ribaltato il risultato con il Torrenieri.

ALBINIA GIGANTE, MA DOMENICA NEGATIVA PER LE ALTRE GROSSETANE Domenica strana la 10° del girone F di Prima Categoria, tra il caos provocato dal maltempo e l’apprensione e le difficoltà di mettersi in strada che ha pervaso gran parte degli sportivi. In mezzo a tutto ciò, comunque, la garanzia da due mesi a questa parte è sempre la vittoria dell’Albinia. Il primo terzo di stagione va in archivio con il percorso netto dei rossoblù, 10 vittorie su 10, una conquista pazzesca fatta da una squadra che abbina alle indubbie qualità una ferocia agonistica e una voglia di vincere davvero non comune. Poi è chiaro, senza togliere meriti a nessun componente di un gruppo che sta girando a mille, quando il tuo attaccante di riferimento piazza 14 gol è proprio il caso di dire che i rossoblù partono da (ben più) di 1 a 0 appena l’arbitro fischia l’inizio dell’incontro. L’incidenza di Federico Angelini è pazzesca, e non si esaurisce solamente nei gol segnati, vista anche la qualità che mette nei panni del rifinitore. Dopo aver giustamente incensato una squadra che punta a infrangere record importanti nei campionati dilettantistici, domenica da leggera tirata di orecchie per le altre grossetane, forse quella più negativa da quando è cominciato il campionato (considerando comunque il rinvio di Manciano-Massa Valpiana): cadono Aurora Pitigliano e Scarlino, due delle maggiori accreditate alla zona playoff, e lo fanno contro due avversarie dirette come Pienza e Amiata. Una brusca frenata per le ambizioni dei due team, ma che non deve fiaccare l’animo e lo spirito di due formazioni che si sono ben comportate in questo inizio di stagione. Tra l’altro ci saranno incroci da big match, con lo Scarlino che ospiterà il lanciato Pienza, mentre l’Aurora sarà nuovamente in trasferta contro un Argentario uscito ko dalla trasferta di San Miniato. Il team di Legler fatica a trovare la continuità che aveva contraddistinto la straordinaria passata stagione, con un andamento a corrente alternata. Tempo e uomini per risalire la china ci sono, e magari in questo senso è importante che il Maracanà torni ad essere fortino imperforabile. In zona salvezza, pareggiano in rimonta Caldana e Sorano, scongiurando la discesa all’ultimo posto ma al contempo mancando i tre punti che potevano fungere da trampolino dell’annata: ci sarà ancora da soffrire quindi, partendo dal dato positivo di saper reagire, segno di due squadre che non si vogliono arrendere tanto facilmente.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW