Serie D: il Grosseto pronto alla trasferta di Ostia

Le squadre salutano il pubblico a inizio partita
GROSSETO. Strano turno quello che andiamo a giocare domenica prossima nel girone G del campionato di serie D; intanto è un turno che, stranamente, anche se all’inizio non doveva essere così, si inserisce tra due soste, quella di domenica scorsa, dettata dall’approssimarsi della partecipazione della nazionale dilettanti al torneo di Viareggio, e l’altra di domenica prossima in concomitanza con la SS Pasqua,se poi consideriamo che una partita è già stata giocata sabato scorso (Astrea 14 – Torres 51) ed è terminata 0 a 0, mentre altre due partite si giocheranno una il 30 Marzo (il big match Viterbese 59 – Rieti 55), e l’altra il 6 Aprile (Cynthia 26 – Muravera 25), si capisce come la prossima sia una giornata non vista molto bene da tutti. Infine dobbiamo dire che sarà l’ultima nella quale le partite cominceranno alle 14,30, visto che con l’arrivo dell’ora legale (domenica 27 marzo), l’orario d’inizio delle partite sarà spostato alle ore 15,00.
Dopo questa ampia premessa diciamo che il Grosseto (53) viaggerà alla volta di Ostia per affrontare l’Ostiamare (32); Queste settimane a Grosseto si è parlato più di futuro che di presente; forse nel pubblico il sogno di vincere il campionato è già stato abbandonato, ma sarà molto importante arrivare secondi e cercare di vincere questi benedetti play off che daranno diritto a dei posti di privilegio in vista dei ripescaggi che, quest’anno, le previsioni, danno per molto numerosi.
Quanto al derby Arzachena (49) – Olbia (50) probabilmente per la prima volta la squadra di casa si trova fuori dai play off proprio a vantaggio della formazione di Golfo Aranci che proverà a consolidare questa posizione per arrivare, quasi inaspettatamente, alla post season; in Castiadas (27) – Flaminia (32) ci si giocherà una bella fetta di salvezza, diretta per i laziali, probabilmente passando par i play out per la formazione di casa; un disperato San Cesareo (24) cercherà punti play out a spese della Nuorese (41), formazione che ormai non ha più nulla da chiedere a questo campionato. Budoni (27) – Trastevere (33) si giocheranno la salvezza diretta possibile per entrambe, ma se qualcuna dovesse prevalere arriverebbe quasi alla meta, mentre in Albalonga (44) – Lanusei (27), ad una squadra che non avrà più nulla da chiedere, si contrapporrà la formazione sarda ancora impegnata per uscire dal pantano dei ply out. (AS)

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news