Grosseto: la salvezza si fa durissima, ad oggi spareggio con il Viareggio per evitare la retrocessione

Grosseto. Con la sconfitta interna contro il Sestri Levanti per 4 a 1 l’obiettivo della salvezza (in attesa dei probabili punti di penalizzazioni) diventa compito assai arduo.
Al momento i biancorossi occupano la penultima posizione insieme al Viareggio e con lo Sporting Recco, fanalino di coda, distante solamente due punti.
Ad oggi sarebbe spareggio, come dice il regolamento, per evitare la retrocessione diretta contro i bianconeri.
Da non sottovalutare poi come riportano le stesse normative, che nel caso in cui tra terz’ultima e sestultima ci fossero più di otto punti di differenza allora non si disputerebbero neanche i play out con il passaggio in Eccellenza della prima.

Insomma una situazione davvero molto dura e se il match contro la Fezzanese aveva fatto intravedere qualcosa di buono, quello di domenica scorsa ha nuovamente messo in mostra le lacune della squadra e la mancanza di amalgama per un gruppo che è stato interamente ricostruito nel periodo natalizio.

Altri dato importante: il Grosseto ha conquistato negli ultimi 8 incontri solo tre punti frutto di tre pareggi e cinque sconfitte e non vince in campionato dal 13 novembre quando in casa grazie ad una doppietta di Demartis stese il Jolly Montemurlo per 2 a 1.

20 Comments
  1. Sesto 3 anni ago
    Reply

    La salvezza è, oltre che inverosimile, irrilevante, nel senso che permarrebbe una situazione del tutto priva di sbocchi e prospettive. Anzi, paradossalmente, sarebbe molto più salutare un bel de profundis, così finirebbe uno strazio che serve solo a ridicolizzare il nome di Grosseto.

  2. BlackEagle 3 anni ago
    Reply

    E speriamo che con la retrocessione possa chiudersi questa società e che non ci troviamo dinuovo così l’anno prossimo in Eccellenza..

  3. ser 3 anni ago
    Reply

    Non credo che ci saranno spareggi

  4. ACHILLE2015 3 anni ago
    Reply

    La salvezza?con i punti di penalizzazione che arriveranno non ci salva nemmeno padre pio!!!
    Ma come si fa ,ancora ad oggi,a pensare alla salvezza?anche così come siamo non ci salveremo MAI,figuriamoci con la penalizzazione!!!

  5. MARE 3 anni ago
    Reply

    L’anno prossimo tutti a Roselle!

  6. attilio regolo 3 anni ago
    Reply

    Ma chi l’ha detto che ci sara’ per forza penalizzazione per il Grosseto? La giustizia e’ neutrale ed appunto giusta e non a senso unico obbligato come nel desiderio dei disfattisti o dei pessimisti di questo blog. Il Grifone ha tutto il diritto e le possibilita’ di affrontare questa battaglia difficilissima per la salvezza. Mai arrendersi fino a che i numeri ce lo consentiranno.

    • attilio regolo 3 anni ago
      Reply

      Ma poi la vogliamo far finita una buona volta di puntare su Roselle come trampolino baricentrale per il rilancio del calcio Grossetano? Roselle e’ e non puo’ che restare il centro fondamentale della nostra storia archeologica e della salvaguardia della nostra memoria ancestrale. Cosa diavolo si pensa di poter fare per trasformarla in qualcosa di totalmente diverso proiettato in un futuro improbabilissimo? Si puo’ anche retrocedere di categoria, vorra’ dire che come grossetani del Capoluogo ce lo saremo meritato, anche se ovviamente si deve fare l’impossibile per evitarlo, ma il baricentro di riferimento del nostro calcio cittadino e’ e rimarra’ per sempre lo Stadio Carlo Zecchini e non potra’ essere altro.

  7. Maremmano di ferro 3 anni ago
    Reply

    Caro Attilio, le penalizzazioni arriveranno assai presto. Per tua notizia, se l’ammenda di € 3.000,00 non viene saldata, comunque NON ci potrà essere iscrizione l’anno prossimo.

  8. Sammy 3 anni ago
    Reply

    Io penso solo una cosa: il Roselle è il Roselle e col Grosseto non c’entra niente, ma proprio niente!!!
    Se il Sig Ceri vorrà rilevare il Grosseto io sarò pronto a sostenerlo, ma ripeto attenzione a non mischiare storia e sentimenti….. Roselle Gavorrano ecc NON sono il Grosseto

    • Sesto 3 anni ago
      Reply

      E invece questa squadra del sig. Pincione, grazie alla quale ci facciamo prendere per il sedere a destra e a manca, È il Grosseto?

      • Sammy 3 anni ago
        Reply

        Purtroppo si
        Ma seriamente pensi che a me il Sig. Pincione piaccia?
        Se leggi i miei interventi non puoi avere dubbi….. ma ciò non toglie che il Grosseto adesso è questo qua

      • ser 3 anni ago
        Reply

        Sesto bene o male purtroppo questa è la squadra di Grosseto e il Roselle è la squadra di Roselle, il Gavorrano lo è di Gavorrano

        • Yuri Galgani 3 anni ago
          Reply

          Ser,
          tutto vero quel che dici, ma non del Roselle, che è a pieno titolo una squadra di Grosseto, visto che si tratta di un sodalizio che ha sede e gioca all’interno del nostro Comune.
          Il fatto che porti il nome di una frazione cittadina, poco importa.
          Sarebbe come se il Chievo non fosse considerato di Verona!
          Ovviamente, a Verona c’è soprattutto l’Hellas, ma il Chievo, piano piano, anno dopo anno, si è costruito un’immagine e una reputazione da club di Serie A.
          Dunque, il Roselle è di Grosseto. 😉

          • Rampante 3 anni ago

            Ma non è il Grosseto.

          • Yuri Galgani 3 anni ago

            Infatti, Rampante.
            Ho spiegato chiaramente che AL MOMENTO l’FC GROSSETO è LA SQUADRA principale di Grosseto.
            A giugno, vedremo quello che accadrà, ma per adesso è così, punto e basta.

            P.S. Ad ogni modo, approfitto di questo post per ricordare che il titolo sportivo appartiene alla Figc e non all’Fc Grosseto. La Federazione, dopo la non iscrizione dell’Us Grosseto, ha assegnato il titolo sportivo alla neonata Fc Grosseto, massima espressione cittadina.

          • ser 3 anni ago

            Yuri senza dubbio mi sono spiegato male: non ne facevo una questione di geografia ( altrimenti, e non per spirito polemico, per proprietà transitiva si potrebbe andare all’infinito ) ma mi riferivo a ” società che hanno storia e colori differenti “( il Chievo è di Verona ma si chiama Chievo e ha storia e colori differenti) e sulla maglia il Grifone per il momento e purtroppo ce lo ha la squadra di Pincione

    • Yuri Galgani 3 anni ago
      Reply

      Scusa, Sammy,
      ma a Vercelli, dove è fallita la Pro Vercelli e tale nome è stato assunto dalla Pro Belvedere Vercelli, società che con la nuova denominazione ha riportato i bianchi vercellesi per due volte in B, dove mancavano da tempo infinito, pensi che i tifosi locali si facciano tutti questi problemi mentali? 😉

      • Sammy 3 anni ago
        Reply

        No Yuri, ma permettimi di dirti che – a mio modo di vedere – il paragone è totalmente diverso da quello di Vercelli, vicino peraltro ci ho fatto il militare, e la Pro Belvedere Vercelli non rappresentava un altro paesino come Roselle
        Roselle io l’ho sempre visto come una paesino limitrofo, non come Grosseto….
        Non vorrei che la storia fosse più calpestata di quanto questo anno infausto già non lo sia stata…..

        • Yuri Galgani 3 anni ago
          Reply

          Sammy,
          è la tua percezione che non è corretta. 😉
          Roselle è una frazione di Grosseto, tra l’altro ormai quasi inglobata nel suo territorio cittadino.
          Ad ogni modo, la Pro Belvedere Vercelli fino a che la Pro Vercelli non è fallita, non se la filava quasi nessuno.
          Dopo il fallimento, invece, la Pro Belvedere, assumendo il nome di Pro Vercelli, ha cambiato (in positivo) la storia recente del calcio vercellese, riportando un centro di circa 55 mila abitanti di nuovo in B.
          Insomma, non sappiamo ancora cosa accadrà, ma pensare che Roselle non rappresenti Grosseto è errato.
          Giusto, invece, considerare al momento l’Fc Grosseto LA squadra di Grosseto, visto che è la massima espressione calcistica cittadina.

  9. Sesto 3 anni ago
    Reply

    Comunque sia, signori miei, non ci si può sentire rappresenti da una squadra-fantasma, priva di passato, di presente e soprattutto di futuro, per cui qualunque cosa, anche la terza categoria o la sparizione, è meno umiliante e più dignitosa rispetto alla tristissima fase che oggi i tifosi biancorossi stanno vivendo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news