Connect with us

Grosseto Calcio

Condanne Cae: l’Fc Grosseto preannuncia appello

Published

on

Grosseto È di oggi la comunicazione ufficiale (C.U. 147/2016) attraverso cui la Cae (Commissione Accordi Economici) della Lnd ha condannato l’Fc Grosseto al pagamento di cinque suoi ex-tesserati (Ungaro, Baylon, Olivieri e i fratelli Palumbo). Il club biancorosso, però, con la nota ufficiale pubblicata questa sera sul proprio sito, ha preannunciato ricorso avverso alla predetta decisione. Ricordiamo che l’importo da saldare entro 30 giorni è pari a € 46.608,29 (più le spese legali). Più in basso, invece, vi proponiamo la in forma integrale la nota ufficiale del club biancorosso.

Decisioni CAE del 16.11.2016. Pronto l’appello della FC Grosseto

Con riferimento al comunicato pubblicato in data odierna da parte della Commissione Accordi Economici presso la Lega Nazionale Dilettanti, la società annuncia che proporrà gravame contro le decisioni emesse dalla Commissione.
In particolare, la FC Grosseto lamenta che la Commissione non ha tenuto minimamente in considerazione le prove dei pagamenti effettuati nel corso della stagione sportiva in favore dei suoi ex tesserati.
Il deposito di estratti conto bancari, contabili di bonifico e assegni a nulla sono serviti.
Le decisioni della CAE danno luogo ad un ingiustificato arricchimento degli ex tesserati della FC Grosseto con grave danno patrimoniale e all’immagine della FC Grosseto.
Informa che in caso di definitiva condanna della FC Grosseto, la società si rivolgerà alla Autorità giudiziaria competente per far accertare (per ciascun caso) l’arricchimento senza causa che le decisioni della CAE hanno fatto maturare in capo agli ex tesserati, i quali, per quanto detto sopra, non hanno diritto a vedersi riconosciuto un importo (esorbitante) come quello stabilito nelle rispettive decisioni.

FC Grosseto

 

Advertisement
17 Comments

17 Comments

  1. attilio regolo

    17 Nov 2016 at 07:45

    Beh, non si puo’ dire che la Dirigenza dell’F.C. Grosseto non stia provando a lottare per evitare il K.O. rovinoso definitivo. C’e’ solo da sperare che i giocatori biancorossi del Grifone nonostante le nuvole temporalesche sulla testa riescano a stare ancora concentrati sul campo in vista dell’importante partita esterna con il Viareggio.

    • Buttero70

      17 Nov 2016 at 08:54

      La vedo dura…

  2. grifo65

    17 Nov 2016 at 08:06

    Che tristezza! Che amarezza! povero amato Grifone che fine che ti fanno fare!!! l’importante è fare BISNES!!! GIOCA GIUE’

  3. Sesto

    17 Nov 2016 at 09:21

    Chi come me è un “diversamente giovane” non può non ricordare un motivetto dei primi anni 70, cantato da Mina insieme ad Alberto Lupo, che poi diventò un formidabile tormentone, faceva:
    PAROLE PAROLE PAROLE, PAROLE PAROLE PAROLE…SOLTANTO PAROLE…

    • Corrado

      17 Nov 2016 at 11:03

      Anch’io sono un «diversamente giovane»! Conosco bene la canzone cantata da Mina e da Alberto Lupo (amico «de la mi’ pora mamma!»), ricordata dal nostro Sesto. Ma alle PAROLE, tra non molto, seguiranno i FATTI («Facta, non verba!», dicevano gli antichi romani!); penso che non saranno tanto positivi per noi (delusissimi) tifosi… Prepariamoci al peggio…

      • Sesto

        17 Nov 2016 at 12:30

        Guarda Corrado, io sono preparato al peggio da almeno 4 mesi, da quando cioè la rinuncia al ripescaggio mi ha fatto capire …… Se poi volessimo fare un discorso più ampio, allora potrei dire che sono preparato al peggio da 4 anni, ossia da quando si tirarono i remi in barca e non si tentò neppure di rimanere in B…da quel momento è stata solo una lenta agonia, che ora sta giungendo all’epilogo.

  4. Futurama

    17 Nov 2016 at 13:33

    Ma che importa che fine farà il Grosseto calcio per i “grossetani”o per una buona parte di loro adesso l’importante è che vinca il Roselle. E allora che Roselle sia.

    • ser

      17 Nov 2016 at 14:23

      Se proprio fossi costretto a scegliere, per mille motivi, sceglierei il Gavorrano

      • Matte

        17 Nov 2016 at 17:32

        Bravo ser, prendici la residenza. Ma dove?? Bagno, filare o gavorrano?? Che ridicolo

        • ser

          17 Nov 2016 at 19:55

          Matte non fai ridere e a quanto pare non hai capito a cosa mi riferivo. Leggi bene : Il Gavorrano e non ” a Gavorrano “

    • attilio regolo

      17 Nov 2016 at 14:48

      Con tutto il rispetto che merita la nostra antica Madre Rusellae, sono ormai mille anni che Grosseto si e’ emancipata da Roselle per diventare nei secoli il capoluogo della Maremma. E che si fa? Cancelliamo e rinunciamo a mille anni di faticosissima storia?

  5. cuorebiancorosso

    17 Nov 2016 at 17:51

    il roselle in quanto luogo non esiste può benissimo chiamarsi ceri ma forse c’è già un paese vicino roma.

    • Massi

      17 Nov 2016 at 18:54

      Voglio vedere il prossimo anno che cosa scriverete. Allora tutti proni a supplicare il “roselle” di salvare il glorioso grifone dalla terza categoria. Sperate che salga in serie D altrimenti dovrete accontentarvi dell’Eccellenza.

      • mezzolitro

        17 Nov 2016 at 19:19

        Bravo Massi, hai abboccato come un luccio in curva!
        Lasciali perdere, sono alla canna del gas, cò la testa dentro il forno, ma il gas è finito!

      • Nino

        18 Nov 2016 at 18:07

        Sale in D ed ecco il titolo sportivo con denominazione US Grosseto 1912, gratis e si ricomincia. La proprietà, ovvio, fate voi!!

  6. Dalla provincia

    19 Nov 2016 at 02:35

    Nino sale in d e se ne frega di chiamarsi Grosseto 1912 e continua chiamarsi Roselle 2012. .come vi illudete facile fate i conti senza l oste

    • ser

      19 Nov 2016 at 11:21

      Mi auguro proprio che sia cosi! Meglio non giocare che ritrovarsi come sponsor il Camilli

Leave a Reply

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

 

Advertisement




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi