Grosseto: vincere a Cenaia per rimanere attaccato alla vetta. Giallini: “Ho visto il salto di qualità”

da sinistra Giallini e Consonni sulla panchina del Grifone

Grosseto. Vincere per continuare a mettere pressione a Cuoiopelli e Sangimignano. Questo sarà l’obiettivo del Grosseto nella prossima trasferta contro il Cenaia.
La squadra, specialmente nella prima frazione di gioco contro il Fucecchio, ha fatto passi in avanti sotto l’aspetto della qualità e della mentailtà.

<<Ho visto un’altra squadra rispetto al match di Aulla e l’ho confidato anche a Consonni>> ha commentato l’allenatore in seconda Nicola Giallini, ospite ieri sera a “Il lunedì del Grifone”, trasmissione che va in onda ogni lunedì alle 21,15 su Gs Tv (tramite la piattaforma social di Facebook).

Ricordiamo anche che la sfida di domenica potrà essere guardata in maniera gratuita tramite GrossetoSport sulla nostra testata giornalistica o sul nostro canale Gs Tv su YouTube.

6 Comments
  1. Sesto 2 anni ago
    Reply

    Beh, che si debba vincere a Cenaia (come altrove) se si vuole restare in corsa, è fuori discussione, ma si sono persi per strada troppi punti in modo imperdonabile – vedi Aulla – e la sensazione è che riacciuffare il (o la?) Cuoiopelli sarà difficilissimo: 5 punti quando siamo praticamente a due terzi del campionato, con la capolista che marcia come un treno, possono rappresentare un abisso.

    • Yuri Galgani 2 anni ago
      Reply

      LA Cuoiopelli. 😉

    • Lupo1912 2 anni ago
      Reply

      Io la penso come Giallini, Domenica al di là dei gol falliti la squadra ha espresso un buon calcio, io ci metterei la firma per giocare sempre così in campionato, I risultati positivi saranno una logica conseguenza.
      Chiaro e’ che recuperare 5 punti in 11 giornate non è uno scherzo, ma secondo me abbiamo 2 vantaggi:
      1) la Cuoipelli viaggia a mille, ma come il San Gimignano può avere un calo e noi dobbiamo essere pronti ad approfittarne.
      2) alla penultima avremo lo scontro diretto in casa dove in caso di vittoria recipereremo 3 punti e saremmo in vantaggio negli scontri diretti in caso di arrivo a pari punti.
      Quindi senza farci prendere dallo sconforto dobbiamo giocare per recuperare 2 punti nella precedenti 9 gare che precedono lo scontro diretto in modo da presentarvi al massimo a tre punti di distacco e cercare la vittoria che varrebbe l’aggancio nello scontro diretto.
      Chiaramente in un campionato tirato così la differenza la può fare un episodio e quindi trovo semplicemente vergonoso l’arbitraggio di Aulla che ci ha privato di 2 punti sacrosanti dove il Grosseto è stato derubato di una vittoria legittima senza nessuna colpa, secondo me i punti da recriminare sono quelli con il castelnuovo e con la Cuoipelli non certo quelli di Aulla., come dicevo prima, in un campionato così equilibrato il Grosseto per vincere ha bisogno di essere trattato con giustizia e noi tifosi abbiamo il diritto di protestare per i torti subiti ed il dovere di difendere la squadra la questa “ladrata”
      Concludo aggiungendo che non regge nemmeno la storiella che “il Grosseto deve essere più forte degli arbitri” oppure “al 90′ non devi far entrare in area gli avversari per rischiare il rigore”.
      Al 90′ in area c’è entrato anche il Benevento contro la Juve (2-1 per la Juve) ed il Milan (1-1e pareggio dei sanniti all’ultimo tuffo) quindi in area ci può entrare anche la portuale contro il Grosseto, è soltanto l’arbitro che non si può permettere dopo gli orrori del primo tempo di assegnare al 92’un rigore inesistente che non era stato nemmeno reclamato dai locali.
      Forza Grosseto!!!!!!!

      • Sesto 2 anni ago
        Reply

        Ognuno è libero di vedere le cose dal punto di vista che più gli aggrada: io non ho problemi a rispettare anche opinioni molto diverse dalle mie, ma sono fermamente convinto che il fatto che il Grosseto debba essere “superiore” agli arbitri, ossia il fatto di essere in grado di imporsi a dispetto di eventuali sviste da parte del direttore di gara, non sia affatto una “storiella”, ma un obbligo e una necessità per una realtà che (si suppone) con l’Eccellenza non c’entra niente e che non può sostare per più di un anno in una categoria infima e priva di qualsivoglia visibilità. È evidente che l’andamento del campionato sta indicando qualcosa di molto diverso e cioè che il Grifone non riesce affatto ad essere superiore agli errori arbitrali, ma questo è un altro paio di maniche, anzi proprio questo è il guaio.

  2. Paologr69 2 anni ago
    Reply

    Giallini: “Ho visto un’altra squadra”.

    Sì, era il Fucecchio.

    E’ una battuta…

    Forza Grifone, avanti così.

  3. Bailon 2 anni ago
    Reply

    Io credo che il Grosseto debba necessariamente ragionare di vincerle tutte e 11, come può fare nonostante il passo fino ad oggi non sia stato dei più continui, ed i tanti inciampi che hanno maledettamente complicato il percorso.

    Vincendole tutte, a quel punto obblighi la Cuoiopelli a vincere le altre 10, e il Sangimignano a vincerle tutte e 11, impresa molto più complicata per organici molto meno attrezzati, seppur assai competitivi.

    Molto dipenderà certo da quante motivazioni avranno via via i loro avversari, e se si staranno giocando ancora qualcosa.

    Perdendo altri punti per strada, o peggio ancora non vincere lo scontro diretto, le cose si complicano assai, perchè oggi è difficile immaginare il crollo della capolista, in serie positiva da 18 giornate mi pare.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW