Franzoni: Ogni giorno a Grosseto era una festa

Emanuele Franzoni (1975) giunse a Grosseto a metà degli anni Novanta ed era poco più di un ragazzo, ma seppe conquistarsi un posto nei cuori degli appassionati che ancora lo ricordano con affetto dopo Vent’anni dalla sua militanza in biancorosso. Livornese, non ama soltanto il calcio che lo ha visto protagonista con una lunga carriera: tra le sue passioni spicca quella per il baseball. Inevitabile, allora, rivolgergli qualche domanda anche sul “vecchio gioco”.

– Arrivasti a Grosseto che eri molto giovane, ma ti ritagliasti subito spazio. Cosa ricordi del tuo arrivo a Grosseto?

Il mio arrivo a Grosseto fu un esperienza fantastica e unica. Arrivavo dalla Primavera del Pavia e, a dire la verità, a quell’epoca ero molto giovane e non mi rendevo pienamente conto dell’importanza della piazza in cui stavo per approdare. Tuttavia, grazie ai miei compagni, alla società e sopratutto grazie al mister Bresciani mi ambientai subito e riuscii a dare il meglio di me stesso in campo. Un validissimo contributo me lo diede anche il meraviglioso pubblico grossetano che ci incoraggiava sempre ad ogni partita.

– Hai qualche aneddoto curioso o divertente da ricordare sulla tua permanenza in Maremma?

Aneddoti divertenti ce ne sarebbero tantissimi, dovrei stare qui a raccontarteli e mi ci vorrebbe una giornata! Ogni giorno era una festa, nonostante i duri allenamenti. Ricordo con gioia una giornata passata a Milano a vedere la partita Inter-Juventus insieme a mio fratello Simone ed al mitico Roggi. Vivere questa giornata indimenticabile fu possibile grazie al grande Galletti, che ricordo con affetto.

– Quale pensi sia stata la tua partita più bella con la maglia biancorossa?

Non c’è stata una partita in particolare, ma ricordo con piacere la vittoria a Camaiore. Fu una grande partita da parte nostra, grazie anche all’apporto dei molti tifosi biancorossi al seguito della squadra.

– Dopo i fatti del Luglio 1995, tornasti a Grosseto per qualche mese nel 1995-96.

Dopo la bufera del Luglio 1995 tornai per qualche mese al Grosseto, ma fu un’esperienza brevissima: me ne andai dopo poco tempo, dispiaciuto per la situazione che si era creata. Non ricordo se mi trasferii al Trento o al Viareggio: gli anni passano e comincio ad invecchiare…

– Che ricordo hai dei colori biancorossi?

I colori biancorossi mi sono rimasti marchiati nel cuore, tanto che ho ancora il completino e la sciarpa di quella fantastica annata. La sciarpa è quella che mi fu regalata da quei favolosi ultras.

– Come è proseguita la tua carriera?

Non mi lamento della mia carriera, anche se sono consapevole che in qualche occasione potevo dare di più. Ho girato molto per l’Italia da Nord a Sud, da Marsala in serie C1 a Viareggio in serie C2 senza contare le molte società dilettantistiche in cui ho militato.

– Tra le tue passioni, però, non c’è soltanto il calcio. E’ noto che sei un appassionato di baseball. Come nasce questa tua passione?

Il baseball mi ha conquistato definitivamente in questi ultimi Cinque anni. Seguo soprattutto il baseball americano, la Major League, e tifo Detroit Tigers. La mia passione per il baseball è presto spiegata. ho un amica a Chicago che mi ha fatto avvicinare a questo meraviglioso sport pulito, educativo e corretto.

– Quando giocavi in Maremma sei mai stato allo Jannella a vedere le partite di baseball del Grosseto?

No, nonostante i tuoi inviti e mie le buone intenzioni non sono mai potuto venire a vedere il Grosseto Baseball. Non mancherà occasione per venire a tifare Grosseto.

– Siamo nella fase più calda della Major League. Chi vincerà?

Visto che i miei amati Detroit Tigers sono usciti per mano dei Baltimore Orioles, penso che la Major League la vinceranno i St. Louis Cardinals…

– Come vuoi concludere questa intervista? A te la parola.

Saluto tutti i tifosi dell’Unione Sportiva Grosseto, che mi sono rimasti nel cuore, ma anche quelli del Grosseto Baseball che ha vinto lo scudetto di serie A federale. Vorrei salutare anche i miei compagni di squadra, lo staff che ci ha seguito ed il grande mister Carlo Bresciani. Forza Grosseto sempre!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW