Ripaldi: “Annata buona, ma cercheremo di migliorare la prossima stagione”

Nella foto, Ripaldi "in azione"

Francesco Ripaldi è stato sicuramente l’allenatore-rivelazione della stagione di Prima Categoria appena trascorsa. Al primo anno alla guida di una prima squadra, l’ex tecnico delle giovanili del Gavorrano è giunto terzo in campionato con il Fonteblanda, venendo sconfitto in semifinale playoff dal San Quirico. Con lui abbiamo ripercorso l’anno appena trascorso e iniziato a “spulciare” i preparativi dei neroverdi per l’anno 2015/16

Ripaldi, lei è senza dubbio il tecnico che più ha sorpreso in questa stagione. Nel primo anno alla guida di una prima squadra ha centrato il terzo posto in campionato dietro a due corazzate come Roselle e Manciano. Come giudica questa annata e quali sono state le differenze e le difficoltà più grandi che ha riscontrato nel passaggio tra allenare le giovanili e una prima squadra?

“E’ stata una stagione particolarmente divertente, caratterizzata da risultati importanti e un buon gioco specie nella prima parte di campionato. Le difficolta’ maggiori tra allenare i grandi in confronto ai giovani sono soprattutto state nella gestione delle sedute di allenamento, ma grazie ad un gruppo predisposto al lavoro ed al mio callaboratore Aldo Andreini le abbiamo superate brillantemente”.

Ci dica però la verità, quanto è grande il rammarico per come è maturata l’uscita nella semifinale playoff?

“A distanza di giorni la delusione per la sconfitta con il San Quirico è ancora grande perché al 40′ del primo tempo vincevamo 1 a 0, poi l’ espulsione di Cozzolino per doppia ammonizione, secondo me frettolosa, ha rotto gli equilibri. Il secondo tempo è stato estremamente difficile ma grazie ad un super Bartali siamo arrivati a cinque minuti dalla fine della partita ancora in vantaggio, poi purtroppo abbiamopreso i due gol che ci hanno eliminato. Complimenti ai nostri avversari che hanno fatto una bella partita”.

Nel complesso, quanto si darebbe come voto per questa stagione e quale voto darebbe alla sua squadra?

“Abbiamo fatto bene, ma come ho detto anche alla squadra non benissimo, infatti le sconfitte che abbiamo subìto in rimonta stanno a significare la ristrettezza numerica di un gruppo
di ottima qualità. Quindi alla squadra mi sento di dargli un 8, per quanto riguarda me preferisco siano gli altri ad esprimersi”.

Guardando anche le altre squadre, chi sono i giocatori che maggiormente l’hanno impressionata? E, tra i giovani, chi crede che possa esplodere nella prossima o nelle prossime
stagioni?

“Saloni, Raito, Franchi, Spirito, Paoloni, Bellandi sono stati i giocatori che più mi hanno impressionato. Per quanto concerne i giovani, credo che il Fonteblanda ne avesse di ottimi, ma mi ha impressionato la punta del San Quirico D’Aniello, classe 1997”.

Terminata l’annata calcistica, è già tempo di pensare alla prossima, con il calciomercato che inizia a monopolizzare l’attenzione. Innanzitutto, rimarrà alla guida del Fonteblanda?

“Sì, io e Aldo Andreini rimarremo al Fonteblanda per cercare di migliorare questo gruppo”.

Riuscirete a tenere tutti i vostri pezzi pregiati? E avete già in mente qualche rinforzo?

“Credo che il gruppo che si è creato quest’anno abbia il desiderio di rimanere unito e la volontà mia e della società è confermarlo in blocco. Per quanto concerne i rinforzi la nostra attenzione è rivolta soprattutto ai fuoriquota”.

Le lascio campo libero per una sua considerazione finale…

“Auguro al Manciano di vincere domenica e di ritornare in Promozione”.

1 Comment
  1. Gordon Strachan 4 anni ago
    Reply

    Tra le squadre del girone F di 1° categoria, quella che è scesa al Maracanà- Aldo Bussi,e ha espresso il miglior calcio(nonostante sia stata sconfitta 2-1, proprio in rimonta) è stata secondo me proprio il Fonteblanda, squadra forse(escluso il Paganico?), con l’età media più bassa. Sicuramente se la società neroverde saprà mantenere, guida tecnica e gruppo di giocatori, il prossimo anno sarà sicuramente protagonista del campionato di 1° categoria.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news