Il punto sul campionato: Aldobrandesca, avvio sprint. Bene il Roccastrada.

Tre partite, tre vittorie. La miglior difesa del torneo (un solo gol subito) ed uno spirito che potrebbe portarla in alto. E’ l’Aldobrandesca Arcidosso, la nuova capolista del campionato di Terza categoria che, vincendo a Scansano, si è presa possesso della prima posizione in classifica. Un ottimo avvio per i biancoverdi che quest’anno, nonostante alcune assenze, sono partiti con la giusta mentalità. Nove punti in tre gare sono un buon punto di partenza, ma anche se “una rondine non fa primavera” si nota un netto cambiamento rispetto alla scorsa stagione. Partita con obiettivi di vertice l’anno scorso la truppa di Arcidosso si era arenata su risultati altalenanti fuori casa e su troppe disattenzioni contro squadre alla portata. Quest’anno, per ora, le cose sembrano andare nella direzione giusta. Boscagli sembra essere tornato il finalizzatore di qualche stagione fa, ed il gruppo di Zamperini sembra essere l’arma in più di una squadra che, quest’anno, potrà inserirsi nella lotta al vertice del campionato.

Da sorpresa a mina vagante del torneo. Fino a probabile protagonista? Quale sarà il destino del Roccastrada di Iannuzzi. La vittoria contro il Montiano ha restituito al campionato una squadra veramente compatta ed ostica. In casa, a Roccastrada, sarà difficile per tutti fare punti. La squadra di Iannuzzi, vero mago delle categorie dilettanti, vanta un potenziale offensivo di livello elevatissimo ed una mediana che abbina quantità a qualità. Un organico che, se non si fosse fatto raggiungere dal Campagnatico a tempo scaduto, la settimana passata, avrebbe potuto essere in vetta alla classifica con l’Aldobrandesca. Fanno sul serio a Roccastrada, ma non va sottovalutata neanche la passione e la voglia della Torbiera. I ragazzi di Capalbio viaggiano a suon di reti e, solamente una punizione di Hudorovich, ferma la corsa dei gialloblù verso la vetta. I fratelli Murri quest’anno possono togliersi più di una soddisfazione, visto come davanti Sabbatini, Cardarelli e soci sembrano trovare la porta con maggiore continuità rispetto allo scorso anno. Se i ragazzi di Capalbio sapranno mantenere i nervi saldi anche nei momenti di difficoltà, i playoff potrebbero non essere una chimera.
Giornata importante anche per Cinigiano, Civitella e Punta Ala. La formazione di Toniotti ha messo in cascina la prima vittoria del campionato grazie ad un super gol di Migliori e ad una discreta prova di Corina, probabilmente l’uomo in più della squadra. Avendo già riposato, con quattro punti, il Cinigiano può rifarsi sotto in classifica. Risalgono Civitella e Punta Ala, alla prima vittoria dopo due domeniche anonime. Il Civitella ha rimesso in riga lo Sticciano grazie a carattere ed abnegazione nella ripresa, mentre il Punta Ala sta iniziando a capitalizzare il gioco prodotto.

3 Comments
  1. spettatore 6 anni ago
    Reply

    diciamo che il civitella deve ringraziare l’arbitro autore di un secondo tempo a senso unico, 2 esplusi, un rigore inventato e punizioni invetate a non finire
    comunque complimenti al civitella per la grinta, a cui non posso dare colpe perchè come hanno ammesso li stessi giocatori non hanno di certo chiesto loro quelli aiuti che sono stati lampanti

    • Eleuterio 6 anni ago
      Reply

      Prendo spunto dal commento di Spettatore per non sminuire la portata dei tre punti dei civitellini ai soli aiuti dell’arbitro. Ti ringrazio comunque per i complimenti per il carattere, ribattendo che nel giro di poche settimane, nonostante la sconfitta, ho trovato uno Sticciano cresciuto, magari non sotto l’aspetto nervoso, ma comunque più temibile che non nel match di coppa.
      L’arbitro ha palesemente arbitrato male,ma per entrambe le squadre. Vorrei rinfrescarti la memoria, suggerendoti di ripensare come è scaturita la vostra punizione, dai cui sviluppi è nata la rete. Fallo vostro a centrocampo e sugli sviluppi punizione clamorosamente invertita. BON. Poi rigore è….anche quando il giocatore non cade. Faccio i complimenti a bomber Pepi per aver resistito ai ripetuti calcioni dei vostri difensori! Poi sulle espulsioni, non mi esprimo. Ero troppo distante, ma il clima si era, aimè, molto, anzi troppo, surriscaldato. E’ stato un peccato vedere quello spettacolo e sentire certe cose.

  2. Esperto 6 anni ago
    Reply

    Quest’anno il Roccastrada è la squadra da battere. Ieri abbiamo dimostrato che possiamo vincere con tutti

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW