Connect with us

Grosseto Calcio

Grifone, un dovere ascoltare tutte le proposte

Published

on

di Yuri Galgani e Fabio Lombardi

Grosseto. Quella che sta per chiudersi è stata una domenica bella movimentata, accesa dalle dichiarazioni ufficiali del vice-sindaco Borghi, che, nel pomeriggio, ha confermato in esclusiva a Gs l’esistenza di due contatti molto recenti con due diversi imprenditori decisi a prendere il Grosseto. In tarda serata, poi, tramite Tv9 e il Corriere di Maremma, il sindaco Bonifazi ha detto di non voler prendere in considerazione altre ipotesi che non siano quelle del progetto legato a Salvatore Caiata, ribadendo che è una decisione già presa e che spetta al primo cittadino. Insomma, prima si dice che non ci sono alternative a Caiata, poi viene dimostrato che ce ne sono due pronte da essere vagliate, ma non serve a nulla, visto che è tutto deciso. Perché? Perché non prendere in considerazione due proposte (una concreta, l’altra da essere concretizzata) che potrebbero essere migliori oppure peggiori di quella di Caiata? Perché rimanere col dubbio di aver agito a senso unico? Si vuole il bene supremo del Grosseto o no? Oltretutto, poiché il nuovo club unionista è un bene di tutta la città di Grosseto, reputiamo giusto prendere in considerazione anche le proposte giunte all’ultimo, perché c’è ancora il tempo tecnico per fare la scelta migliore in assoluto, sempre nell’interesse dei tifosi grossetani. Sia chiaro, noi non parteggiamo per nessun attore, vogliamo solo il bene del Grosseto e se venisse dimostrato che la migliore soluzione è rappresentata da Caiata, allora, viva Caiata! Lo stesso discorso, però, vale per gli altri due possibili nuovi proprietari. Ad esempio, esaminando attentamente le nuove proposte si potrebbe capire se esistono o meno possibilità per far convivere i tre imprenditori in un unico progetto, con l’idea di creare un club ambizioso e solido economicamente. Sappiamo, poi, che l’imprenditore romano è disposto ad accollarsi per intero la proprietà del club, ma anche a cedere delle quote societarie ad altri soggetti, compresi i tifosi organizzati sotto forma di supporter trust. Dunque, di cosa si ha paura? Di dover tornare su scelte già compiute? Di rimangiarsi accordi fatti? Lo  ripetiamo: perché è tutto deciso? Col massimo spirito costruttivo, invece, ribadiamo che è doveroso per Bonifazi e la Giunta comunale prendere in seria considerazione anche ciò che Borghi avrà già portato alla loro attenzione. Facendolo, nessuno potrebbe rimproverare alcunché all’amministrazione comunale, perché avremmo la certezza che l’opzione scelta per far nascere il nuovo Grosseto sarebbe sicuramente la migliore. A questo punto, invece, non facendolo si alimenterebbero solo ingiusti sospetti. Ovviamente, in un senso o nell’altro, chiediamo che siano date notizie dettagliatissime delle scelte fatte. Soprattutto, sia chiaro che non siamo contro nessuno e che esercitiamo soltanto il nostro diritto di informazione e di critica, cercando di essere, se e quando possibile, collaborativi e costruttivi. In fin dei conti, sappiamo che molti dei soggetti coinvolti sono dei veri grossetani, tifosissimi del Grosseto, ma questo potrebbe non bastare ad assicurare un futuro al vecchio e glorioso Grifone, soprattutto se le scelte fatte dovessero risultare sbagliate. Indipendentemente da quello che accadrà, però, consentiteci questa piccola licenza… FORZA GROSSETO!

Advertisement
14 Comments
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

14 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Sono d’accordo con voi, se il sindaco chiudesse oggi con caiata, senza prendere in considerazione le altre proposte, farebbe un errore gravissimo. Ci sono ancora 11 giorni per l’iscrizione, non sono tanti, ma c’è il tempo per vagliare tutte le proposte e scegliere la migliore, nell’interesse della città e di noi tifosi.

Non ricordavo di avere un sindaco così decisionista., stile novello De Luca. Ma in questa vicenda l’opposizione vigila? Normalmente sono fiducioso ma quando si trattano cose a me care, ed il Grifone e’ una di questa divento sospettoso.

Le altre proposte non ci sono….mania di protagonismo..qualcuno gioca sulla pelle di noi tifosi..

James lo ha detto Borghi, il vicesindaco non quello della lega o l’ex giocatore, e’ lui che ha manie di protagonismo?

L’Unica regola per prendere il Grosseto e ‘ : ce l’hai il possssss??? Se non lo possiedi il Grosseto non lo compri! Però ci sono possssss e posssss non tutti sono uguali…

A me sempre più sembra che il ruolo ed il comportamento del comune, da quel 10 giugno in cui ricevette la famigerata comunicazione di Camilli ad oggi, abbiano gravemente mancato di trasparenza e linearità. Cominciano ad essere troppi i “perché” che sorgono spontanei nei tifosi che non hanno risposte, e di conseguenza illazioni e sospetti hanno vita facile.
Perché la lettera fu taciuta ai tifosi per 3 settimane? Perché oggi ci si rifiuta di prendere in considerazione tutte le proposte che pervengono? Perché la decisione è già stata presa, a quanto risulta unilateralmente, dal sindaco senza che neppure i vicesindaco lo sapesse?

Sarebbe il caso che la tifoseria organizzata si facesse sentire, non per mandare via Caiata a priori come hanno fatto a Siena ci mancherebbe, ma per far si che si valutino correttamente tutte le offerte, visto che il tempo c’è, non limitandosi agli amici degli amici.

bene in dieci anni non ha mai preso una decisione cosi forte hahahahah si assumerà tutte le responsabilità del caso come si dice DOPO APRILE VIENE MAGGIO E ALLORA …….. NON VORRA’ESSERE IL SINDACO DELLA SCONFITTA ….

ora il vostro futuro Sindaco ha rettificato e ha detto di aver incontrato le altre persone interessate all’acquisto del Grosseto, ma di essere in linea con il vostro Sindaco! Una domanda spontanea, ma questi vostri amministratori, prendono in giro??? Gli Uffici del Comune sono aperti anche la notte? Chi se’ presentato Alibaba e i 40 ladroni??

Quasi quasi credo che l’ex presidente aveva ragione…senza questa giunta eravamo in serie A..

Ma in questo momento camilli puo ancora mettere bocca sugli eventuali acquirenti?

Un grosso ringraziamento a Yuri e tutto il suo staff per tenerci costantemente aggiornati con le notizie sul nostro amato grifone biancorosso in questa (ennesima) estate calda (da tutti i punti di vista). Forza Grosseto!!!

Ragazzi andate a leggere sul sito http://www.sportviterbo.it nell’articolo “Piero camilli sette giorni per le nuove ambizioni”che cosa ha dichiarato “quello che non ci ha iscritto” alla domanda sul Grosseto…..

Ma scusate, facciamo a capirci, ma chi comanda? Il sindaco, il suo vice o la Banca?
A me sembra la solita storia della politica italiana. Prima si dice che il “referente unico per l’amministrazione comunale è la Banca della Maremma”, secondo me scaricando le responsabilità del comune.
Poi esce fuori Borghi facendo quelle dichiarazioni. Ma non doveva essere la Banca il referente unico?
E ora che si fa???

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

14
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x