Connect with us

Altre notizie

Da domani al via l’apertura alle vendite di abbigliamento per bambini: Confcommercio spinge anche sulle calzature

Confcommercio Grosseto si esprime sul Dpcm del 10 aprile che apre, oltre che le librerie, cartolerie e cartolibrerie, le attività di vendita al dettaglio di abbigliamento per bambini e neonati.

L’associazione di categoria si è attivata da subito per chiarire con il Ministero che anche le calzature per bambini devono essere considerate tra gli articoli che possono essere venduti. La Confederazione infatti ritiene che l’orientamento del legislatore fosse quello di soddisfare l’esigenza di rinnovare il vestiario dei più piccoli, perchè i capi invernali non sono più adatti e perchè i bimbi crescono in fretta, piedini compresi.

In attesa di avere risposte dal Ministero, Confcommercio Grosseto prosegue: “Riteniamo che la concessione del Governo ad aprire alcuni articoli non corrisponde solo ad un’esigenza oggettiva, come quella dei bambini appunto, ma si tratta di una prima sperimentazione per quella che sarà la cosiddetta fase 2”.

L’associazione invita le attività che apriranno al pubblico ad attenersi scrupolosamente alle norme indicate nell’allegato 5 dello stesso decreto, ovvero il mantenimento del distanziamento interpersonale, pulizia e igiene ambientale con frequenza almeno due volte giorno ed in funzione dell’orario di apertura, adeguata aereazione naturale e ricambio d’aria, ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani (in particolare, questi ultimi devono essere disponibili accanto a tastiere, schermi touch e sistemi di pagamento), utilizzo di mascherine, uso dei guanti “usa e getta”.

Inoltre, massima attenzione nel disporre gli accessi regolamentati e scaglionati secondo le seguenti modalità: attraverso ampliamenti delle fasce orarie; per locali fino a quaranta metri quadrati può accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori; per locali di dimensioni superiori, l’accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita, ed anche predisporre dei cartelli, o comunque una informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata.

Sempre su quella che sarà la Fase 2, da Confcommercio Grosseto conclude con un commento amaro: “Ci rendiamo conto che non è possibile sapere se, prima dell’estate, potranno riaprire tutte le attività e che questo dipenderà dalla capacità di contenimento dell’epidemia. Ma possiamo stare certi che, se non ci saranno sostegni economico-finanziari adeguati, molte imprese non si porranno neanche il problema, perchè moriranno prima. Il decreto Liquidità non possiamo considerarlo una soluzione, intanto perchè ad oggi non abbiamo nessun elemento per considerarlo già operativo a livello di misure, e poi perchè costringe le aziende a indebitarsi con tempi di rientro assolutamente non idonei”.

Advertisement
Click to comment
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x