Grosseto Calcio Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Sondaggio su Tifo Grosseto: Pinilla indicato come il giocatore unionista più forte di sempre

Mauricio Pinilla (immagine tratta da YouTube)

Grosseto La scorsa settimana, su Facebook, è stato lanciato un piccolo sondaggio all’interno del gruppo Tifo Grosseto. La domanda proposta è stata la seguente:

<<Chi è il giocatore unionista più forte di tutti i tempi?>>.

Ebbene, con l’aiuto degli stessi iscritti al gruppo, sono stati indicati 34 nominativi. Tra questi, in ordine sparso, troviamo Dolso, Consonni, Ferri, Barbana, Sforzini, Immobile, Palazzoli, Zecchini, Ore, Pucci, Cavallo, Cipolla, Meacci, Bistazzoni, Borghi, Trevisan, Carpenetti, Cordova, Tendi e molti altri. Un sondaggio che non ha valore assoluto e nel quale è possibile votare anche più nomi. Tuttavia, a distanza di sette giorni, il dato è inequivocabile: Mauricio Pinilla è stato indicato come il più forte biancorosso di sempre con il 65% delle preferenze. Un larghissimo gradimento per l’Extraterrestre, un giocatore formidabile, capace di segnare a Grosseto 24 reti in 24 partite in Serie B e di far registrare il record italiano di segnature consecutive in cadetteria con 13 giornate (in Serie A, Batistuta, con 11 giornate consecutive, è stato superato recentemente da Quagliarella con 12, ndr). Dietro di lui, il secondo più votato è stato Arrigo Dolso, il Sinistro di Dio. Al terzo posto troviamo percentualmente la voce “altri”, tesa a indicare giocatori unionisti non presenti nella lista creata. Subito dietro, poi, c’è Stefano Ferri, estroso attaccante rimasto nel cuore dei maremmani dopo l’indimenticabile stagione 1994-95. La graduatoria continua con un ex-aequo tra Giovanni Cipolla e Gigi Consonni e un altro tra Meacci e Barbana. In nona posizione, invece, c’è il portiere Guido Bistazzoni, mentre alla decima troviamo il trio composto da Nando Sforzini, Carlo Zecchini e Ciro Immobile. Insomma, senza stare a fare l’elenco completo della classifica, è chiaro che Mauricio Pinilla, numero 51 di maglia, pur avendo giocato un solo campionato in biancorosso, ha lasciato un segno indelebile nella memoria e nei cuori dei grossetani.

Ricordiamo che l’Us Grosseto ha creduto in lui quando la carriera del cileno è giunta a un punto di non ritorno. Infatti, dopo aver esordito in A in Cile, nell’Universidad, Pinilla è giunto in Italia all’Inter, che l’ha girato subito al Chievo. Poche apparizioni in gialloblù, poi il passaggio in Spagna al Celta Vigo e in Portogallo allo Sporting Lisbona. Dai biancoverdi lusitani il ritorno in Spagna al Racing Santander, dopodiché il viaggio in Scozia per indossare in due occasioni la maglia degli Hearts of Midlothian, inframmezzati da una toccata e fuga in Cile, sempre all’Universidad. Il fondo, poi, Mauricio arriva a toccarlo andando a giocare nella A cipriota col Limassol. A quel punto, la sua carriera è ai minimi termini. Lo bocciano dopo un provino i belgi dell’Eupen (Serie B), ma il Grosseto brucia il Perugia e lo tessera dopo averlo fatto provare quasi per scommessa. Sarà una stagione indimenticabile per il cileno che farà impazzire di gioia il popolo unionista e a suon di gol riconquisterà anche la nazionale del suo Paese dopo un’assenza di cinque anni. Col Cile, in carriera saranno 45 presenze e 8 gol, con l’ottavo di finale raggiunto ai Mondiali di Brasile 2014. Da Grosseto, invece, la carriera di Mauricio decolla e dopo il biancorosso la Serie A lo accoglie a braccia aperte. Nella massima divisione italiana 167 presenze (comprese le 6 nel Chievo) e 47 reti (ma anche diversi infortuni) indossando le maglie del Palermo, del Cagliari, dell’Atalanta e del Genoa prima del ritorno definitivo in Cile per chiudere la carriera nel suo amato club, l’Universidad.

LO SPEAKER DELL’US GROSSETO FESTEGGIA UN GOL DI PINILLA

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Conduce la trasmissione web Il lunedì del Grifone ed è il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Scontato e troppo facile!!!tornando sulla erra…Giorgio Barbana e Nando Sforzini!!!!scusate se insisto🔵⚪️Ooh scusate mi sono sbagliato🔴⚪️🔴⚪️🔴⚪️

  • Pinilla ovviamente non si discute, tuttavia, fermo restando che fare paragoni fra giocatori che hanno calcato i campi a distanza di 30/40 anni è solo un gioco, mi fa specie che non siano stati menzionati elementi come Si curani e Di Prete, che io, benché giovanissimo (nel primo caso in pratica bambino) ricordo perfettamente: due giocatori indimenticabili, di una caratura tecnica che oggi farebbe invidia a giocatori di serie B come minimo.

      • Prendo atto. Ribadisco che Sicurani, benché giunto a Grosseto a fine carriera, si rivelò un centrocampista/mezza punta di altissimo livello oltre che generosissimo e trascinatore; purtroppo per averlo visto all’opera bisogna avere ben più di 50 anni…