I guantoni di un grossetano per i successi dell’Amiata. “Raffa” Ferioli non smette di volare

Tra i protagonisti dell’ultimo turno in Seconda categoria c’è Raffaele Ferioli. Portiere grossetano in forza all’Amiata, Ferioli domenica è stato tra i protagonisti della vittoria contro l’Aurora Pitigliano.

Contro l’Aurora Pitigliano è arrivato un successo doppio. Sia per la classifica che per aver vinto contro una diretta concorrente.
“Diciamo che è stata la domenica perfetta. Una vittoria molto importante. Sapevamo l’importanza di questa partita in quanto il Pitigliano oltre ad essere una delle principali concorrenti per la vittoria finale è, a mio avviso, una delle migliori squadre del campionato. L’abbiamo affrontata con la giusta mentalità e voglia di sacrificio, e alla fine è arrivata una vittoria meritata”.

Amiata con la miglior difesa del girone. Quanto c’è di Ferioli in questo risultato?
“Ferioli fa parte di un grande gruppo, un gruppo speciale composto da giocatori giovani ma veramente bravi, e che meriterebbero sicuramente categorie diverse. Io cerco di mettere a disposizioni la mia esperienza e mentalità, essendo un “tantino” più grande di loro. Ad oggi essere la miglior difesa del campionato fa sempre piacere soprattutto per un portiere. E’ sempre bello e gratificante poter fare parate che possano risultare decisive per una vittoria. Poi se ci metti il fatto che in una partita importante come questa sono riuscito a parare un rigore anche per me posso dire che è stata una domenica perfetta. Ho sempre pensato che per provare a vincere i campionati non è solo importante fare gol, ma è anche importante subirne pochi. Il merito è giusto condividerlo con tutti i ragazzi che mi sopportano durante la settimana, con il preparatore dei portieri, e con chi nonostante potesse giocare titolare in qualsiasi altra squadra ha accettato di indossare la maglia numero 12, mi riferisco a Marco Pierguidi, affiancandomi e sostenendomi in questa avventura”.
Chi vede lei come antagoniste per la vittoria finale?
“E’ un campionato molto equilibrato e lo dimostra il fatto che siamo più squadre racchiuse in pochi punti. A mio avviso bisogna aspettare le prossime 4 o 5 partite dove ci saranno anche degli scontri diretti per vedere chi realmente può prendere il sopravvento sulle altre. Comunque per la vittoria finale logicamente dico Santa Fiora e Orbetello, che sono le due squadre che sono subito dietro di noi e che stanno disputando un gran campionato, ma non escludo di certo il Pitigliano che nonostante la sconfitta contro di noi non mollerà e fino alla fine, e cercherà di recuperare i punti di distacco. Non scordiamoci che il campionato è ancora lungo”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news