Connect with us

Grosseto Calcio

Giudice Sportivo, offese verso Grosseto multa al Gubbio

Published

on

Le decisioni del Giudice Sportivo relative all’ultima gara del campionato di Lega Pro hanno al centro l’accenno di rissa andata in scena al temine dell’incontro dello Zecchini. Multato il Gubbio, fermato per tre turni l’allenatore in seconda degli eugubini ritenuto responsabile del finale incandescente. Due giornate di stop che sconterà a decorrere dal prossimo campionato per  Giuseppe Torromino, l’attaccante del Grosseto sanzionato col cartellino rosso dal direttore di gara dopo il fischio di chiusura.

Queste le motivaizoni dei provvedimenti:

Sanzione di € 2.500,00 al GUBBIO per indebita presenza negli spogliatoi al termine della gara di persone non identificate ma riconducibili alla società, i quali rivolgevano reiterate espressioni offensive verso la squadra avversaria e la città di Grosseto.

SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE:

VECCHINI GIOVANNI (GUBBIO) perché al termine della gara assumeva comportamento minaccioso ed offensivo verso diversi tesserati della squadra avversaria la cui reazione scatenava un principio di rissa, sedata dall’intervento degli addetti alla sicurezza.

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE:

TORROMINO GIUSEPPE (GROSSETO) perché al termine della gara reagiva alle provocazioni di un tesserato della squadra avversaria spingendolo e rivolgendogli una frase offensiva.

Giornalista Pubblicista dal 2010. Ha scritto per il quotidiano Corriere di Maremma e collaborato con TMW, Calciomercato.com, Calciopiù, Radio RBC, Vivigrosseto.

Advertisement
1 Comment

1 Comment

  1. G. Maremmano

    12 Mag 2015 at 19:55

    He si cha proprio da offende.. Bella parecchio Gubbio!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

 

Advertisement




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi