Gavorrano, Nofri è il nuovo tecnico. Cacitti diventa direttore tecnico

a destra Giordano

Il Gavorrano prova a voltare pagina. Lo fa affidandosi a Federico Nofri Onofrofi da oggi nuovo allenatore della formazione rossoblu. Un cambio di marcia, reso necessario nel tentativo di di fermare la caduta libera della squadra mineraria dopo, l’ultima incredibile sconfitta subita solo domenica scorsa in casa con il San Giovanni Valdarno. Cambia anche il quadro dello staff tecnico con Marco Cacitti nominato direttore tecnico con il compito di fare da tramite tra la società, la prima squadra e la juniores nazionale di mister Andrea Telesio e che lavorerà a stretto contatto con il Direttore Generale Filippo Vetrini. Federico Nofri 44 anni, perugino, vanta esperienze sulla panchina dell’Arezzo Castel Rigone e Todi e Foligno. Nofri torna così in panchina dopo avere conquistato un brillante secondo posto con il Foligno nella passata stagione. In precedenza, oltre ad Arezzo e Todi, con una salvezza da record, e due stagioni a Castel Rigone, terminata con la promozione in serie D e arrivata attraverso la Coppa Italia. Prima di diventare tecnico, da giocatore mister Nofri, annovera una lunga e brillante carriera cominciata ad Ellera in serie D dalla stagione 1989-1990, continuata fino alla stagione 1993-1994. Nella stagione 1994-1995 e 1995-1996 ha giocato nel Gubbio, il primo anno in serie D e l´anno successivo in C2. La stagione 1996-1997 lo ha visto protagonista ad Arezzo in C2, e successivamente in C1 per due stagioni a Montevarchi. Ancora nelle stagioni 1999/2000 e 2000/2001 a Livorno in C1 e nelle successive due stagioni ancora in C1 a Castel di Sangro. Nella stagioni 2002/2003 torna in C2 all´Aglianese e l´anno successivo ancora in C2 alla Valenzana. Conclude la cariera di calciatore nel Montevarchi in serie C2 dalla stagione 2004-2005 alla stagione 2008-2009. Questo il primo commento del neo allenatore del Gavorrano “ La prima impressione è buona. Sono venuto in una società ottima composta da persone per bene che hanno la passione e la voglia di fare un campionato importante anche se in questo momento la squadra è in difficoltà altrimenti non sarei qua, ma con la disponibilità dei giocatori, di tutta la società e un grande spirito di forza, possiamo risalire la

classifica. Gavorrano è una società negli ultimi anni ha fatto sempre la serie C. C’è una proprietà importante, gestita in maniera efficiente. L’ impiantistica è buona. L’intelaiatura della squadra non merita per il potenziale che di cui dispone di trovarsi in questa difficili situazione di classifica. Situazione che si sono venute a creare durante la gara e che hanno condizionato parecchio il rendimento del gruppo. Cercheremo tutti insieme di riprenderci quello che fino ad oggi ci è stato tolto per un motivo o per l’altro. Questo è il mio compito.

9 Comments
  1. critico 5 anni ago
    Reply

    Cacitti altro raccomandato a Gavorrano. Se uno è stato un buon giocatore non’è detto sia un bravo tecnico.

    • tifoso 5 anni ago
      Reply

      L’anno scorso ottavi di finale con la berretti, con una squadra cotta più punti dei due titolati predecessori
      Ma che film hai vistio??

      • numero 7 5 anni ago
        Reply

        Piu ché squadra cotta io scriverei una grande squadra. Cosa ché passeranno anni prima di vedere in zona, berretti Grosseto e gavorrano fare le finali nazionali.

      • grifo1912 5 anni ago
        Reply

        Sono d’accordo in generale sul concetto che spesso un bravo giocatore può essere un pessimo allenatore. Nel caso specifico di Cacitti, invece, penso che sia un allenatore capace. Forse dovrebbe essere solo un po’ più cattivo con i giocatori. Probabilmente è piu adatto per questo motivo a gestire una squadra di giovani che di scafati e a volte malandrini calciatori piu anziani.

        • numero 7 5 anni ago
          Reply

          Grifo leggo tante fesserie, finalmente leggo qualcosa ché condivido in pieno. Cacitti si e fidato troppo di giocatori ché hanno ricambiato la sua fiducia facendolo esonorare. E ripeto vero avrà sbagliato in qualcosa, ma anche vero ché in campo scendono giocatori ché fino ad ora…….

          • grifo1912 5 anni ago

            Io stimo molto Cacitti, ma lo ritengo troppo buono di carattere per poter gestire gli adulti. Mi ricorda tanto Nilo Palazzoli, un altro che era una pasta d’uomo

  2. rocco 5 anni ago
    Reply

    Cacitti persona eccezionale, ma la squadra aveva bisogno di una scossa! Ha ben fatto la società a inserirlo in un altro ruolo.

  3. il bomber 5 anni ago
    Reply

    …io ho avuto a che fare con cacitti e nn mi è sembrato un gran che come uomo nel senso che come genitore mi ha raccontato fregnacce quando ho avuto a che fare cn lui…si vede che doveva fare così ma nn è stato coerente e x questo motivo mi è scaduto come persona…

  4. Perpetua 5 anni ago
    Reply

    Cacitti e’ un buon allenatore per i dilettanti —eccellenza-promozione cosa che ha fatto fino a qualche anno fa……poi
    per una serie di cose…e’ rientrato nella societa’ gavorrano….piano piano…
    lo scorso anno fini’ onorevolmente la stagione…e qualche buona prestazione la face , la societa’ ha scelto giustamente di riconfermarlo e poi e’ della zona….

    Ma essendo nel 2015 quasi , qualcosa manca a livello sul campo….

    Onore a Cacitti….
    Ma se ero Nofri che vuol dire che fara il direttore tecnico ? Bah…

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news