Il punto dopo la 24° giornata in Prima Categoria: il Sant’Andrea ci crede, Scarlino in ascesa

Nella foto Massimo Cavaglioni ai tempi del CasottoMarina (foto di F.Linicchi)

SANT’ANDREA AVANTI TUTTA! ARGENTARIO SEMPRE IN QUOTA, SCARLINO IN ASCESA. MASSA VALPIANA IN FORMA  La 24esima giornata di Prima Categoria lancia definitivamente il Sant’Andrea nella corsa per il titolo. Nonostante le varie defezioni, il team di Tommasi sfodera una prestazione maiuscola in casa del Pianella (che una settimana prima aveva battuto a domicilio la capolista Gracciano) calando un poker che è un vero e proprio segnale per tutte le antagoniste. Le prime marcature stagionali di Belhijou e Scozzafava, insieme al rigore di Pira, sopperiscono alle assenze e danno dimostrazione che tutti gli effettivi biancocelesti sono pronti a combattere per un “back to back” che sarebbe un’impresa straordinaria. La concorrenza è comunque sempre ampia e agguerrita, con lo stesso Gracciano che dimostra forza e spirito di reazione andando a violare l’ostico campo del Torrenieri e mantenendo così tre punti di vantaggio proprio sul Sant’Andrea. Cade la Fonte Belverde nel derby contro l’Amiata, mentre il Quercegrossa riprende il cammino espugnando il “Francioli” di Alberese. Aria di grande sfida quella che si è vissuta al Maracanà di Porto Santo Stefano, con Argentario e San Quirico che hanno dimostrato tutto il proprio valore, con la massima sportività, in una cornice da categoria superiore: quasi logico che uscisse fuori un pareggio, con le gerarchie della zona playoff che sono ben lontane ancora da essere definite. Otto punti in quattro gare è lo score raccolto finora da mister Cinelli alla guida dello Scarlino: un impulso nuovo, dopo il comunque buon avvio che aveva avuto Romagnoli nella prima parte di stagione, che riallontana la zona rossa e fa scivolare indietro il Manciano, che deve un po’ riassestarsi dopo le energie spese sul doppio binario campionato/coppa. Il Fonteblanda incassa il secondo 0 a 0 consecutivo dopo Sant’Andrea sul campo del Torrita con il reparto difensivo che sta cercando di bilanciare al meglio le difficoltà della fase offensiva, e muovere la classifica in queste due partite non è certo risultato di poco conto Sconfitta casalinga che invece fa male per l’Alberese, che vede riavvicinare lo spettro dell’ultima posizione dopo i tre punti conquistati dalla Virtus Chianciano: la sfida contro il Quercegrossa non era certo tra le più morbide, ma con sei gare al termine si assottigliano sempre di più le possibilità di recupero. Nel girone D gran momento per il Massa Valpiana, con la vittoria contro il Fornacette che chiude la pratica salvezza con due mesi di anticipo. Una grande soddisfazione che però non fa tirare i remi in barca ai ragazzi di Cavaglioni: c’è ancora un timido spiraglio per sognare e, giocando con leggerezza, perché non provare?

 

 

 

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news