Editoriale – Il gol del millenial Villani, punto da cui ripartire con i tanti giovani allo stadio

Grosseto. Un punto da cui partire non per il presente, ma per il futuro. Il gol di Villani che in pratica ha quasi consegnato la Serie “D” al Grifone è il frutto di un lavoro che la società unionista ha fatto con il settore giovanile e che ha portato alla juniores regionale èlite a lottare per il primo posto e le altre compagine a giocarsi il titolo anche se in campionati provinciali.
Forse questa è la più bella notizia di tutte, perchè è inutile nascondersi o si diventa grandi con la crescita del proprio vivaio o in città e provincia penso sia chiaro a questo punto che non ci sono magnati che vogliono investire sul calcio o tantomeno emiri arabi e di questi ultimi purtroppo ne abbiamo avuto la prova.
Il progetto sta crescendo e in questa ottica deve andare avanti il più velocemente possibile il nuovo impianto di Roselle, dove ci sarà la casa dei giovani dell’Us Grosseto. Andare avanti di pari passo per dare un futuro certo alla società con o senza la famiglia Ceri.
E’ lampante che se vuoi cedere una squadra con un centro sportivo è molto più semplice e puoi attirare anche attenzioni dall’esterno. Ma credo che dopo diverse “fregature” (e passatemi il termine) il tifoso biancorosso ha capito che è meglio se le cose vengono fatte in “casa”, magari con più tempo e con più fatica, ma sono più sicure.
Parlando di futuro e di giovani non possiamo che evidenziare la bella cornica di pubblico di ieri con molti ragazzi e bambini delle scuole calcio. Addirittura sono arrivati anche da Pitigliano e mai come questa volta  si è vista la provincia così unita, forse era dai tempi della Serie B che non si assisteva ad un fenomeno del genere.
E allora proprio adesso non possiamo lasciarci fuggire questo passaggio per cavalcare il momento per porre le basi solide del futuro unionista. 

2 Comments
  1. Bailon 7 mesi ago
    Reply

    Articolo totalmente condivisibile. Prendiamo ad esempio l’Ajax o, per restare un pochino più a casa nostra, l’Atalanta o l’Empoli. Il settore giovanile non è un optional, ma è la base di tutto. Speriamo di andare avanti su questa strada

  2. Diego Murzi
    Diego Murzi 7 mesi ago
    Reply

    Complimenti Patrick

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news