Connect with us

Calcio

Manciano: Renaioli resta alla guida

Published

on

Advertisement
3 Comments

3 Comments

  1. Informato

    10 Mag 2014 at 11:17

    Fra Reanaioli e la società non c’ è stato nessun chiarimento in quanto non c’era stata mai nessuna divergenza.
    Il mister è stato confermato nella più assoluta normalità anche perchè i motivi della retrocessione non erano imputabili al mister ma a una serie di circostanze negativa che si sono manifestate nel corso di tutta la stagione.

  2. sturm und drung

    10 Mag 2014 at 19:48

    sicuramente i punti persi dal manciano durante il campionato sono stati un’enormita’ le cui cause vanno attribuite x lo piu’ ai vari arbitrucoli capitati di volta in volta (vedi i 2 rigori REGALATI al piombino, il gol del 3-2 possibile col Montecalvoli annullato non si sa bene il motivo, il furto clamoroso subito a taverne nel girone d’andata, e via discorrendo) ma non sono solo loro la causa di tanto insuccesso poiché la squadra e’ apparsa piu’ volte priva di una trama di gioco accettabile, scelte tecniche strane (che solo il “mister” ha capito) e soprattutto e’ mancato un tantino di cinismo in trasferta che in queste categorie farebbe molto comodo, ma d’altronde si sa: quando in campagna acquisti fai il “prezioso” che qualsiasi giocatore ti viene proposto lo rifiuti, che la squadra la vuoi fare come ti pare a te e che fai giocare gente che questa categoria dovrebbe vederla solo con il binocolo e’ facilmente intuibile il finale. Peccato, perché il calcio grossetano va a perdere ulteriore terreno (e peso politico) nei confronti del resto della toscana

  3. mancianese

    10 Mag 2014 at 22:13

    cmq il giornalista c’ha ripreso un altra volta….

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

 

Advertisement




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi