Seconda Categoria: crollo del Paganico, fuga per l’Amiata

Nella foto il Sant'Andrea

9 Comments
  1. Orso 4 anni ago
    Reply

    Quei ……….. del santa fiora non lo vincono manco quest’anno! Hahahahah

  2. tony 4 anni ago
    Reply

    Lo dicevo io che mago non era nessuno! Basta manca qualche giocatore e a Paganico perdono, ma lo sanno che per vincere i campionati ci vogliono i giocatori, l’allenatore, il presidente, la società, e i dirigenti? sicuri che c’avete tutto? buon campionato

  3. DS 4 anni ago
    Reply

    Vorrei porgere i miei saluti ai 4 tifosi di Casciano di Murlo!!!!! Bravissimi! Ogni squadra maremmana che va su poi torna parlandone male … Un motivo ci sarà!!! Non ci sono altre parole sennò ci vuole un papiro per scriverle tutte !!!!! Poveri.

  4. zanzara 4 anni ago
    Reply

    Oggi ad Abbadia si giocava la gara più importante,l’Amiata lo sapeva e con la rosa finalmente al cntoraompleto.La panchina avrebbe fatto invidia anche in prima categoria. La gara e stata molto bella e non cattiva,la differenza sicuramente la fatta l’organizzazione di squadra con un bomber come Bonelli che mancava e un portiere come Ferioli che sicuramente fanno la differenza. Aggiungo che le trecento persone che erano presenti hanno fatto il resto, ora tutti domenica a Grossetto. Aspettando il Santa Fiora sempre forza amaranto.

    • Mandrioli 4 anni ago
      Reply

      ma sei sicuro che la rosa era al completo…………???????????

  5. DS 4 anni ago
    Reply

    Premetto che ha segnato Tonelli su assist di Bibi.
    Poi dico vergogna a Chi era al campo di Casciano di Murlo!!! Poveri!!!!!!!

  6. Il Vero "Tony" 4 anni ago
    Reply

    Ho messo in discussione solo la parola” Mago” per il resto una battuta d’arresto ci può stare anche per le grandi squadre. .buon campionato e in bocca al lupo!

  7. Caro Tony non so se quello vero o quello finto, per me è indifferente, non credo che l’obiettivo iniziale del Paganico fosse quello di vincere il campionato e forse non lo è neppure oggi, per cui la squadra è stata allestita per affrontare un campionato dignitoso in un girone in sostanza sconosciuto, con l’apporto di giocatori d’esperienza nell’intento di valorizzare al meglio i prodotti del proprio vivaio. I risultati sono andati al di la di ogni aspettativa e ciò grazie al Mister Amedei che ha saputo amalgamare al meglio tutti gli elementi a sua disposizione, facendo in questo caso una magia. Poi capita di perdere, il gioco del calcio è questo e ieri non c’è stata storia l’Audace ha giocato meglio e ha meritato la vittoria, senza se e senza ma. Recriminare per le assenze di Tiberi, La Rosa, non avrebbe senso.

  8. Uno qualunque 4 anni ago
    Reply

    Avere Tino, Tiberi e Vacchiano davanti, un cemtrocampo con La Rosa, Pialli e Cavaliere e una retroguardia con un portiere come Marzocchi diveso Da Pifferi Paolini e Ferrini per un campionato dignitoso mi sembra brutto da dire! Perché ho paura di sapere se volevate vincere il campionato chi sarebbe potuto arrivare mai! Avete una buona squadra che può competere tranquillamente per i play off poi come ogni stagione ci vuole un’insieme di fortuna, di gruppo unito, di un mister capace di sfruttare al meglio gli uomini a disposizione e una società sempre presente nel bene e nel male! Gli invidiosi fanno parte del gioco anzi ae ci sono vuol dire chestai facendo più che bene! In bocca al lupo

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news