Grosseto Calcio Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Grosseto, in cerca della D, arbitro dei play-off e delle sorti del campionato. Ecco come

Ciolli abbrraccia Berretti (col numero 24)

Grosseto I biancorossi sono tornati dal Lotti di Poggibonsi con un pareggio che, alla fine, ha accontentato tanto il Grifone che i giallorossi valdelsani. Un punto che ha portato il Grosseto a -7 dal San Gimignano e a -9 dalla capolista Cuoiopelli, ma allo stesso tempo ha tenuto a -6 il Poggibonsi e ha mandato a -14 l’Atletico Piombino. Regolamento alla mano, al momento ci sarebbero i play-off del girone A con una semifinale e una finale. Infatti, se il campionato terminasse oggi, verrebbe disputata una semifinale unica allo Zecchini, tra Grosseto e Poggibonsi, dopodiché, la vincente dell’incontro affronterebbe in finale (in campo neutro) il San Gimignano e da quel match uscirebbe il club che avrebbe titolo per disputare le semifinali nazionali dei play-off (con andata e ritorno) contro la rappresentante della Sardegna. Dalla semifinale nazionale Toscana girone A/Sardegna, invece, è certo che uscirà la finalista che dovrà affrontare la vincente dell’altra semifinale, tra Emilia Romagna girone A e Umbria. Chiaramente, per quello che riguarda i play-off del girone A, stiamo parlando di una situazione fotografata a due giornate dal termine. Teoricamente, l’Atletico Piombino (che è a quota 41) potrebbe ancora entrare nei play-off facendo 6 punti, ma Grosseto e San Gimignano dovrebbero perdere sempre. A quel punto, avremmo Cuoiopelli in D, San Gimignano, Grosseto, Poggibonsi e Piombino ai play-off. Uno scenario alquanto improbabile, che prevederebbe due semifinali (seconda contro quinta e terza contro quarta), dopodiché una finale in casa della migliore classificata. Ci potrebbe addirittura essere l’ingresso nei play-off del San Miniato Basso, che ha 40 punti, ma lo scenario è davvero difficile da realizzare. Come per il Piombino, i samminiatesi dovrebbero fare 6 punti e attendere le sconfitte del Grosseto e del San Gimignano nelle ultime due giornate. Sarebbero ininfluenti, invece, i risultati del Poggibonsi, perché tanto Piombino che San Miniato sono rispettivamente a -8 a -9 dai valdelsani e facendo 6 punti manterrebbero come minimo invariate le distanze. Tuttavia, stiamo parlando di ipotesi davvero difficili da realizzare. A nostro giudizio, gli unici nodi da sciogliere sono se il Grosseto riuscirà o meno a far disputare i play-off e chi sarà la seconda classificata. Questo perché in casa San Gimignano si conta di ottenere 6 punti con i quali superare sul filo di lana la Cuoiopelli o, nella peggiore delle ipotesi, costringere i santacrocesi allo spareggio per la promozione in D. Dunque, volente o nolente, il Grosseto sarà artefice non solo del proprio destino, ma anche di quello di Cuoiopelli, San Gimignano e Poggibonsi. Ecco perché il match di domenica prossima allo Zecchini, tra Grosseto e Cuoiopelli, non sarà una partita come le altre.

LEGENDA: in MAIUSCOLO le partite casalinghe

 

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Conduce la trasmissione web Il lunedì del Grifone ed è il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ammesso che i playoff siano effettuati – e non è per niente scontato – mi sembra evidente che si tratta di un meccanismo alquanto contorto e articolato, direi tipo “mission impossible”, visto che per essere sicuri di andare in D si dovrebbero far fuori una dopo l’altra la bellezza di quattro squadre presumibilmente tutte assai ben attrezzate e determinate: un’ impresa che in non sembra proprio nelle corde di un Grosseto spento e insicuro come quello attuale. Chi ci riesce fa bene a crederci, ma per quanto mi riguarda prevale di gran lunga lo scetticismo.

  • Sesto, io ci credo, perché è ormai l’unica strada percorribile, anche se tortuosa e piena di ostacoli dobbiamo crederci tutti. Finché non avremo giocato l’ultimo secondo dell’ultimo minuto di recupero, abbiamo tutti il dovere di crederci e di sostenere questa squadra, poi alla fine tireremo le somme.
    Dovremo essere forti sopratutto a livello mentale, giocare con sicurezza, quello che fino ad adesso é mancato.
    A sentirti parlare, allora non giochiamo nemmeno queste ultime partite, tanto il campionato non è stato vinto e perciò è tutto da buttare.
    Io ti ricordo, ma già ben lo saprai, dove e come eravamo messi lo scorso anno e sfido chi ad aprile/maggio/giugno 2017 avrebbe scommesso su un Grosseto ancora a calcare un rettangolo di gioco quest’anno!
    Anche se concordo con te sul fatto che sia stata un annata balorda, per tanti troppi motivi, va terminata il meglio possibile e col dovere di crederci fino alla fine!!!

    • Per carità, ci mancherebbe altro: approvo l’ottimismo anche se non lo provo. Mi si darà atto però che, ad oggi, questa stagione non è stata solo balorda, ma ha rappresentato un flop tanto disastroso quanto inaspettato, in considerazione, si capisce, del misero campionato in cui ci troviamo ad annaspare, che, è inutile negarlo, una squadra chiamata GROSSETO doveva assolutamente vincere, non poteva non vincere. Con ciò, lo ripeto per l’ennesima volta, non penso che si debba gettare la croce addosso a nessuno, dato che buonafede e buona volontà non sono in discussione. In altre parole, le mie non sono accuse, ma pure e semplici constatazioni.

  • Fate bene i conti!!! Se la cuoiopellli vince domenica allo zecchini siamo fuori anche dai playoff perche’ andiamo a -10 dal sangimignano che vincerà sicuramente in casa col gambassi!!!!

    • Il Grosseto non deve perdere con la Cuoiopelli, semplice, ma non ha la necessità di vincere, che invece avrebbe avuto perdendo a Poggibonsi. Può bastare un pari con la Cuoio e una vittori a Gambassi. In pratica, il San Gimignano potrebbe fare anche 6 punti, ma la Cuoiopelli ne potrebbe raccogliere al massimo 4 per cui il Grosseto sarebbe dentro i play-off (visto che manterrebbe il -9 attuale dai santacrocesi e andrebbe a -9 anche con i neroverdi).

  • Molto dipendera’dalla situazione mentale della squadra,dalla partecipazione totale dei tifosi biancorossi)mi rivolgo soprattutto alla tribuna)e non ultimo all’atteggiamento dei prossimi arbitraggi nei ns confronti!!!!e su questo ultimo punto la parola passa alla societa’!!!!e comunque forza biancorossi!!!

    • Qui non si tratta di pensare di essere più o meno forti di quello o di quell’altro, qui si parla di CREDERE di potercela fare, si parla del ESSERE presenti a questa (spero tanta altre) partita, si parla di pensare positivo, di ssere convinti che il trend negativo di quest’anno può cambiare, si parla di ragionare che:”qualche squadra il 10 Giugno vincera’ i playoff” potremmo essere noi, anche se abbiamo una possibilità su cento GIOCHIAMOCELA!
      PROCIAMOCI! con le unghie e con i denti e con orgoglio!
      FORZA GROSSETO!!!

      • Vedi Lupo, se si tratta di essere presenti e di sostenere la squadra da parte di noi tifosi, non credo ci siano problemi: il c.d. “zoccolo duro” ( di cui senz’altro faccio parte) ci sarà domenica come c’è sempre stato e sempre ci sarà, ma il cuore oltre l’ostacolo purtroppo non lo gettano la presenza e il sostegno dei supporters né lo gettano i “pensieri positivi”, bensì le capacità tecnico-agonistiche e la grinta di chi scende in campo: per questo, stando a quel che ho visto negli ultimi tempi, in me prevalgono scetticismo e sfiducia.

        • Sesto, io non nutro nessun dubbio riguardo allo “zoccolo duro” spero che domenica siamo presenti tanti altri tifosi diciamo “più occasionali”
          Poi è chiaro che in campo ci vanno i calciatori ed il nostro volere non equivale a potere, però dobbiamo essere il famigerato 12′ uomo in campo, l’esempio lampante è la partita a San Gimignano dove “ci siamo fatti sentire” ecco se andremo ai playoff secondo me è quello che dobbiamo fare noi tifosi, poi avremo tutta l’estate per tirare le somme