Padalino: “Voglio un campionato da protagonisti”. Di Napoli: “Chiediamo scusa per l’infortunio”

Pasquale Padalino

Grosseto. Ecco le dichiarazioni rilasciate in sala stampa dai due mister al termine di Grosseto-Savona.

Pasquale Padalino (allenatore del Grosseto): <<Quando c’è un cambio di allenatore è inevitabile che ci sia una reazione, ed è anche giusto che sia così. Ai ragazzi non ho detto niente, però probabilmente hanno percepito il mio desiderio di non farli sentire anonimi in questo campionato dove possiamo essere protagonisti. In quattro giorni non è semplice trasferire certi concetti. Alcune cose sono state fatte, altre vanno messe a posto, come va perfezionato il comportamento delle due punte. Il risultato è rotondo, ma serve il giusto equilibrio nel calcio: non sempre giocando bene si fanno tre reti. Vengo da una scuola calcistica offensiva ed il 3-4-1-2 non lo scarto di certo. Andranno valutate le caratteristiche di alcuni ragazzi, e ci dovremo adeguare anche in base all’avversario>>.

Arturo Di Napoli (allenatore del Savona):  <<A nome della società e dei ragazzi siamo dispiaciuti per l’infortunio occorso a Masia. Si è trattato di un infortunio di gioco non intenzionale. Quintavalla è un ragazzo corretto, non è di certo un tipo cattivo. Siamo vicini a Masia, chiediamo scusa per l’accaduto e speriamo che possa recuperare. Il 3-0 è eccessivo, abbiamo avuto occasioni, alcune clamorose per riaprire la partita. Potevamo rimetterla su un binario diverso. È mancato l’atteggiamento, il passivo è comunque troppe eccessivo. Eravamo molli, venivamo da tre risultati, adesso torniamo sulla terra. Questo deve essere lo schiaffo che ci fa capire che senza voglia non andiamo avanti>>. 

18 Comments
  1. sturm und drung 5 anni ago
    Reply

    Di Napoli, pigliati ‘ste 3 pere!

  2. toro 5 anni ago
    Reply

    Mister di napoli, sei un pappone, prenditi ste 3 sberle

  3. carter 5 anni ago
    Reply

    Vergognati Di Napoli! Come fai a dire intervento non intenzionale? Io querelerei pure te

  4. Doc55 5 anni ago
    Reply

    É stato un fallo intenzionale con il risultato di una frattura biossea, angolata e scomposta, di gamba. C’era il rosso diretto per questo Quintavalla che non puó essere un giocatore corretto. Men che meno é corretto un allenatore che non cambia subito il proprio uomo, per motivi di opportunitá e rispetto, visto che l’arbitro lo ha clamorosamente graziato. Quindi, personalmente, rimando al mittente le scuse, grottesche ed inverosimili, invitando Di Napoli e tutta la sua squadra ad una vera riflessione. Vergognatevi…ipocriti!

    • Yuri Galgani 5 anni ago
      Reply

      Doc,
      che tipi di operazioni si fanno in casi come questo per accorciare i tempi di guarigione?

      • grifo1912 5 anni ago
        Reply

        Posso risponderti io? Dipende da dove è la frattura. Io non ero alla partita e non ho idea del fattipo. Ma una frattura biossea della gamba è sempre un infortunio molto grave per un calciatore anche se oggi con i sostemi di osteosintesi si risolve meglio. Se vi ricordate Mora dovette smettere di giocare e non è stato il solo. Diverso è il discorso se la frattura è in diretta vicinanza con la caviglia. Se c’e anche uan lesione ligamentosa e soprattutto una grave diastasi della pinza malleolare sara bene affidare Masia ad un chirurgo con le classiche palle. Un infortunio cosimlo ebbe Totti che è tornaro a giocare grazie al miracolo artistico del prof. Mariani

        • Yuri Galgani 5 anni ago
          Reply

          Grazie, Grifo!
          Esauriente ed esaustivo come sempre!

      • Doc55 5 anni ago
        Reply

        Guarda, non ho visto gli esami di diagnostica per immagini, ma ho solo notizie, credibili, di spogliatoio. Ci sará una fase di trazione se la frattura é tale come annunciata per riallineare i ‘pezzi’, poi l’intervento per la c.d.osteosintesi (placca? Endomidollare?). Consolidamento e riabilitazione. É dura, molto dura, é un atleta giovane. Il campionato finisce qui, secondo me. Mi dispiace veramente, é un bravissimo e sfortunatissimo ragazzo. Stiamogli vicino. Grazie per la fiducia.

        • Yuri Galgani 5 anni ago
          Reply

          Grazie, Doc.
          Personalmente ho avuto un gravissimo incidente lavorativo tanti anni fa e so bene cosa sta passando il ragazzo.
          Dunque, probabile o possibile un chiodo endomidollare di Kuntscher per la tibia o qualcosa di simile?

          • Doc55 5 anni ago

            Il mitico Grifo1912 é stato chiarissimo. La scelta tecnica é sempre seconda alla specifica situazione che, nel caso, non ho potuto constatare globalmente. La tua esperienza personale, però, ti dá modo di comprendere come la vicenda sia intrisa di estrema delicatezza. La tua idea potrebbe, tuttavia, essere una delle soluzioni.

  5. Amiatensis 5 anni ago
    Reply

    Per cortesia, qualcuno sa indicarmi dove posso andare a vedere gli highlights della partita e, magari, la dinamica del fallo subito da Masia ( a cui vanno tutti i miei auguri per una completa guarigione)?
    Vi ringrazio anticipatamente.

  6. Mazzolatore 5 anni ago
    Reply

    Oltre che dell’autore del fallo veramente delinquenziale di cui abbiamo detto già tutto vogliamo parlare dell’arbitro che si è limitato ad ammonire il giocatore? Tutti e due si meritano almeno 6 mesi di squalifica, ma tanto già sappiamo che non succederà nulla.

  7. sturm und drung 5 anni ago
    Reply

    DOMANDA: ma il presidente cosa ha detto o fatto dopo una carognata simile??????????
    in altri tempi sarebbe sceso negli spogliatoi ed avrebbe massacrato di botte un personaggio simile; oggi e’ stato zitto oppure si e’ in qualche modo fatto valere?????????
    grazie x la risposta

  8. grifo1912 5 anni ago
    Reply

    Mi risulta che Masia sia stato messo in trazione e con tutore ma dovra essere operato. Comunque una frattura biossea, ammesso che non abbia lesionato gravemente tendini, muscoli, vasi ecc, richiedera comunque almeno 5-6 mesi minimo di guarigione. Timeo multum…
    .

    • Yuri Galgani 5 anni ago
      Reply

      Grazie, Grifo!

      • grifo1912 5 anni ago
        Reply

        Diverso è il discorso se la frattura è limitata al perone con lesione dei legamenti della tibiotarsica. Con un buon intervento chirurgico riparatore il recupero potrebbe avvenire anche in “soli” 3 mesi. A meta febbraio potrebbe ritornare a correre. Naturalmente parlo a scatola chiusa.

  9. Emilio Cavelli 5 anni ago
    Reply

    Vai Padalino a Foggia hai fatto bene…… sarà così anche a Grosseto…..

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news