Albinia KO all’esordio

Nella foto Michele Cinelli, allenatore dello Scarlino

RETI: 23′ Angelini, 32′ Regoli, 42′ Aldovrandi, 15′ st Rinaldini, 25′ st Regoli ( su calcio di rigore), 33′ st Nieto.

ALBINIA: Saletti,Coli, Masini, Sgherri, Signorini (17′ st Nieto), Lorenzini, Toninelli (9′ st Anichini), Saloni, Machetti, Raito, Angelini. A disposizione: Ginanneschi, Lucherini, Delle Piane, Casamonti, Canuzzi. All: Cinelli.

SESTESE: Fedele, Mazzucco, Sanni (29′ st Bianchi), Fancini, Biondi, Ravanelli, Balli, Aldrovandi, Marzierli(23′ st Orlando), Regoli ( 29′ st Bianchi). A disposzione: Leoni, Pelegatti, Cappelli, Bettazzi,Senese. All. Gutili.

ARBITRO: Riviello di Valdarno.

NOTE: Espulsi: 40′ Machetti, per doppia ammonizione, Raito al 35′ st per gioco violento e Cinelli (tecnico Albinia) per proteste.

ALBINIA. Sbatte contro una indomita Sestese l’Albinia all’esordio stagionale e rimedia una sconfitta per 4-2 che lascia l’amaro in bocca agli sportivi che erano accorsi allo stadio Combi in questa Domenica di Settembre sperando in un risultato positivo.

A conti fatti, l’assenza forzata dello squalificato Consonni ha finito per condizionare la partita dei rossoblu che hanno saputo offrire, comunque, una prestazione fatta di cuore e grinta: tra le fila degli sfortunati ragazzi di Cinelli hanno impressionato in maniera positiva Angelini e Nieto, autori delle reti di marca rossoblu, ma ciò non è bastato a Sgherri e compagni per evitare la sconfitta.

Dopo un quarto d’ora di studio l’Albinia è passata in vantaggio con Angelini imbeccato dall’assist di Machetti (Poi espulso al 40° per doppia ammonizione), ma una Sestese ben disposta in campo ha trovato il pareggio alla mezz’ora con Regoli ed è passata in vantaggio sul finire del primo tempo grazie al goal di Aldrovandi.

Alla ripresa delle ostilità i rossoblu hanno cercato di rimettersi in carreggiata, subendo, però il 3-1 con Rinaldini: Mister Cinelli è corso ai ripari effettuando alcuni cambi, ma al 25° del secondo tempo il direttore di gara ha fischiato un dubbio penalty in favore degli ospiti e la successiva trasformazione del solito Regoli ha fatto lievitare il risultato sul 4-1 in favore dei fiorentini.

Nel finale di gara Nieto ha accorciato le distanze e l’Albinia ha cercato di completare la rimonta, ma l’espulsione di Raito ha chiuso le porte in faccia ai rossoblu che contro il Lanciotto dovranno fare a meno dell’allenatore, allontanato quest’oggi dal rettangolo di gioco dal solerte uomo in nero.

I maremmani, stando ai pronostici della vigilia, sembravano in grado di poter superare un avversario che, però, si è rivelato ben più ostico del previsto ed ha avuto il merito di credere fino in fondo nel colpaccio esterno; oltre all’Albinia è caduto anche il San Giovanni Valdarno sul terreno del San Gimignano con il punteggio di 2-1, confermando la tradizione dei risultati a sorpresa nelle prime giornate.

Non è il caso di allarmarsi in riva all’Albegna per questa sconfitta, il valore della squadra non si discute e questo passo falso non deve essere preso a pretesto per farne un dramma: in avvio di stagione una défaillance ci può stare ed il prossimo impegno contro il Lanciotto Campi può rappresentare un trampolino per lanciare il team verso la conquista dei primi punti stagionali.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW