Cresce l’esercito dei crossfitter italiani: tutto quello che c’è da sapere sul mondo del CrossFit

Il CrossFit è una particolare modalità di allenamento basata sul “cross training”, ovvero sulla fusione di esercizi e gesti atletici derivanti da molte discipline diverse, nata nei primissimi anni Duemila negli Stati Uniti ed esplosa in tutto il mondo dal 2010 in poi.
Chi tacciava il CrossFit di essere solo l’ennesima moda del fitness destinata ad un rapido tramonto oggi si trova a doversi ricredere: dalle grandi capitali alle sperdute isole esotiche frequentate solo dai turisti, non esiste luogo in cui non sorga un “box CrossFit” ovvero una delle strutture ufficialmente affiliate all’interno delle quali si tengono i WOD (Workout Of the Day) i programmi di allenamento, sempre diversi, tipici di questa particolare disciplina.

Se le fila dell’esercito dei “crossfitter” continua a crescere in tutto il mondo, Italia compresa, sono numerose anche le manifestazioni sportive ufficiali che si tengono nel corso dell’anno, richiamando un numero sempre più importante di appassionati.
Anche nel Belpaese, si moltiplicano i cosiddetti “throwdown”, i tornei nei quali i migliori atleti amatoriali e non si sfidano per mettere alla prova le proprie capacità, e aumenta la partecipazione ad avvincenti manifestazioni sportive legate al CrossFit, come la “Spartan Race”: l’ormai celebre corsa ad ostacoli campestre che si tiene in varie città italiane, e che con l’edizione di Orte di quest’anno ha registrato il numero record di oltre 7.200 iscrizioni.

A testimonianza della maturità di questo sport, ci sono anche i “CrossFit Games”, i campionati internazionali giunti alla loro undicesima edizione, che richiamano atleti straordinari da ogni angolo del mondo.
L’edizione 2017 dei CrossFit Games si è tenuta dal 3 al 6 agosto presso la città di Madison, negli Stati Uniti, ed è risultata una delle più seguite di sempre: nel corso della tre giorni a base delle dure prove che hanno spaziato dal nuoto al cyclocross, passando per una lunga serie di intensi WOD, i professionisti di questo sport hanno offerto strabilianti performance di forza e resistenza. A conquistare la vittoria della competizioni sono stati lo statunitense Mathew Fraser per la categoria maschile, l’australiana Tia-Clair Toomey per quella femminile e gli atleti della Wasatch CrossFit per le gare a squadre.

L’Italia spicca tra i paesi europei per numero di box CrossFit, da nord a sud ben ben 531, e soprattutto per quello degli appassionati, che crescono ad un ritmo sorprendente.

CrossFit: le ragioni del successo

Viene spontaneo domandarsi come una disciplina, in alcuni casi vista come “estrema” per via dell’intensità delle sue sessioni di training, possa aver ottenuto un riscontro così positivo nel corso degli anni.

Le lezioni di CrossFit fondono momenti dedicati all’apprendimento della corretta tecnica di esecuzione della grande varietà di movimenti previsti a circuiti di allenamento ideati di volta in volta dai “coach”, composti da una serie di esercizi da svolgere in rapida sequenza.
I punti di forza di questo sport sono rappresentati proprio dalla velocità degli allenamenti e dalla loro notevole varietà: dalla corsa al nuoto, dal sollevamento pesi alla ginnastica, dai movimenti isometrici a quelli dell’atletica leggera, il CrossFit permette di stimolare costantemente e mantenere motivati gli atleti, proponendo sfide sempre nuove.
Il bello dei programmi di allenamento proposti nei box CrossFit sta nel fatto che essi possono sempre essere modellati sulla base delle capacità del singolo atleta, ragion per cui questo sport può rivelarsi adatto davvero a tutti, indipendentemente dalle condizioni atletiche di partenza.

Il CrossFit unisce sforzi aerobici e anaerobici, contribuendo allo smaltimento di un elevato numero di calorie con ogni allenamento e, parallelamente, stimolando in modo intenso la muscolatura, che è portata a tonificarsi e a crescere in modo armonico. In più, nel corso delle lezioni gli atleti lavorano sullo sviluppo di abilità come la coordinazione dei movimenti e la propriocezione del corpo, ad esempio attraverso esercizi propeduetici per l’apprendimento del gesto della verticale.
Componente importante del CrossFit, infine, è il fatto che gli allenamenti si svolgano in gruppo, creando un forte affiatamento tra i partecipati alle lezioni, senza dubbio difficile da sperimentare nel corso delle tradizionali lezioni di fitness o in una comune sala pesi.

Il giro di affari del CrossFit

Il boom del CrossFit ha ovviamente portato allo sviluppo di un giro di affari sempre più florido, che comprende le innumerevoli linee speciali messe a punto da grandi e piccoli realtà del settore dell’abbigliamento sportivo, ma soprattutto l’ampia varietà di forniture sportive indispensabili per allestire un box CrossFit funzionale e sicuro.

In effetti, sono poche le discipline che richiedono un’attrezzatura sportiva così variegata: bilancieri olimpionici, comprensivi di dischi bumper e appositi fermi, kettlebell nelle varie pezzature, e, ancora, wall ball, speed rope per il salto della corda, ma anche strutture per l’allenamento in sospensione, come le impalcature in acciaio spesso definite “gabbie”, indispensabili per esercizi chiave del CrossFit, come le trazioni e i muscle-up.
All’attrezzatura sportiva vera e propria, si aggiungono materassi di protezione, ma anche speciali rivestimenti per i pavimenti, che devono offrire una superficie salda e, allo stesso tempo, garantire protezione e resistenza agli intesi urti dei bilancieri.
Persino attrezzi tradizionali della pesistica, come i classici manubri richiedono accorgimenti particolari per la pratica del CrossFit: i manubri con pesi crescenti impiegati in questa disciplina presentano una inconfondibile forma esagonale, che serve per aumentarne la stabilità, ed un rivestimento in gomma, che ne migliora la sicurezza.

La notevole varietà di attrezzi ed accessori necessari per allestire un box CrossFit di buona qualità fa sì che l’investimento necessario per l’acquisto dell’attrezzatura possa oscillare tra i 10mila e i 20mila euro, cifre che spiegano l’aumento di imprese, anche italiane, specializzate nella realizzazione e nella distribuzione delle forniture sportive per il CrossFit.

Gli appuntamenti da non perdere per gli amanti del CrossFit

Se gli appassionanti CrossFit Games sono ormai giunti al termine, gli appuntamenti da non perdere per gli amanti di questa avvincente disciplina proseguono anche nel corso dell’autunno.
Dal 20 settembre al 2 ottobre si terranno i CrossFit Team Series 2017, una competizione molto speciale, che si svolgerà in modalità telematica, con l’invio di prove video attraverso il web o l’esecuzione dei WOD proposti di fronte alle commissioni ufficiali della propria città, riservata a coppie di atleti pronti a dare il massimo per dimostrare il proprio affiatamento.

Tornano anche gli appuntamenti con la Spartan Race, che il prossimo 23 settembre si terrà a Misano Adriatico e, poi, il 28 e il 29 ottobre a Taranto, dove è prevista anche una gara “beast”, ovvero su un percorso di 21 chilometri, reso ancora più duro da ben 30 ostacoli.

1 Comment
  1. Matteo Amenti 11 mesi ago
    Reply

    Un articolo di un anno fa ma molto ben scritto complimenti. Il CrossFit è uno sport conosciuto, ma molto bistrattato secondo la mia opinione. Viene considerato un’imitazione poco riuscita fi altre discipline quando invece non fa altro che prendere movimenti che spaziano tra ante abilita diverse e riunirle in un unico programma di allenamento…piu che essere un limite io questo lo trovo un vantaggio. Ed amche il capitolo infortuni…ho giocato a calcio per anni e visto infortuni tremendi anche nelle partitelle tra amici, da quando pratico crossfit l’incidente peggiore a cui ho assistito è una mano schiacciata sotto una pizza per bilanciere (ma sarebbe potuto succedere anche in una qualunque sala pesi). Io invito tutti a provare almeno una volta.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news