Connect with us

Altre notizie

Lega sull’Inceneritore di Scarlino: “Pieno sostegno al Sindaco Travison, il Pd che amministra la Regione è una continua contraddizione”

Il segretario provinciale della Lega Andrea Ulmi sulla vicenda dell’Inceneritore di Scarlino, con il pieno sostegno all’azione del sindaco Travison e con la conferma delle contraddizioni del Pd sul tema

Published

on

“Pieno sostegno al Sindaco di Scarlino Francesca Travison ed al Comune nel dire un forte no alle previsioni dell’ attuale inceneritore di Scarlino, indipendentemente dalle nuove prescrizioni o ipotesi di ammodernamento dell’impianto. Lo faremo sensibilizzaando i nostri rappresentati a tutti i livelli”. La Lega provinciale di Grosseto ribadisce la propria contrarietà ad un impianto che, nonostante vari stop, continua ad essere al centro del dibattito e che, attraverso Scarlino Energia, ha avviato l’iter regionale per valutarne la ripartenza. “Ci sorprende – sostiene Ulmi- questo nuovo iter dopo che il Pd che ancora amministra la Toscana aveva dato più di una rassicurazione sul fatto che l’impianto sarebbe stato fermato in via definitiva. La posizione del partito, però, su questo fronte è sempre stata contraddittoria, come lo sono state le politiche della Regione. Senza dimenticare che il via all’inceneritore, poi bloccato a suon di ricorsi al Tar, fu dato dalla Provincia all’epoca guidata dall’attuale consigliere regionale Marras, lo stesso che, negli ultimi tempi, si è convertito sul fronte del No”. Un gioco delle parti del Partito Democratico che non convince Ulmi, soprattutto in vista delle Regionali. “La politica contraddittoria del Pd – afferma il segretario della Lega- emerge chiaramente anche dal puntare su Eugenio Giani per la poltrona di Governatore, un candidato per tutte le stagioni politiche, iper presenzialista, che già assicurava, a seconda della convenienza, le risposte nella sua campagna prima dell’emergenza Covid-19, per poi riciclarsi con nuove soluzioni nel post-emergenza in vista della fissazione della nuova data delle elezioni. Un candidato che ha attaccato il Governo nazionale di cui il suo partito fa parte, insieme all’attuale Governatore Rossi sulla possibilità di anticipare le ripartenze, sostiene l’esecutivo regionale di cui, sempre il Pd cui è iscritto, è parte integrante, per la riapertura dell’impianto di Scarlino e smentisce, dopo averlo sostenuto nei fatti, il Governatore Rossi sulla depauperizzazione degli ospedali periferici e con la costituzione delle maxi Asl, dichiarando di volerle riportare ad un numero maggiore. Un soggetto – prosegue il candidato della Lega – che non ha idee proprie, sfuggente, che si presenta ai tagli dei nastri ed ai brindisi che ne conseguono, cercando di avvertire da che parte tira il vento e raccontare ciò che l’ascoltatore del momento si vuole sentir dire, incurante del fatto che, magari, poche ore prima e a pochi chilometri di distanza avesse detto esattamente il contrario. Insomma scegliere Giani sarebbe come pensare di sostituire dieci anni di gestione personale della Regione da parte del burocrate vetero-comunista Rossi, con un elegante amministratore di condominio che non si scompone mai, neppure di fronte alle proprie, e ovvie, contraddizioni”. La vicenda dell’Inceneritore è una di queste. “Evidentemente – afferma Ulmi- da parte della Regione si agisce a parole, ma nei fatti l’obiettivo di realizzare l’Inceneritore a Scarlino resta concreto, tanto che Scarlino Energia non ha mai rinunciato ai suoi propositi. Noi saremo vigili, ma per essere sicuri che ci sia una posizione netta contro un impianto ormai datato e che nel concreto non dà garanzie, occorre un cambiamento netto in Regione e non scegliendo personaggi che in Maremma raccontano una storia che viene prontamente smentita nelle stanze fiorentine in cui vengono prese le decisioni”.

 

 

Advertisement




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi