Alla scoperta della Salernitana di mister Gregucci

GROSSETO. Fino ad ora si è parlato spesso e volentieri di crocevia di stagione, di gare da vincere per dare senso a quest’annata, per riportare alto il morale e per dare continuità. Lo abbiamo fatto spesso, e se ancora siamo qui a dire ciò, significa che non sempre la squadra è riuscita nel superare queste difficoltà. Ma questa gara rischia di essere veramente una gara da dentro o fuori, perchè una sconfitta (e una vittoria del Pontedera) significherebbe sprofondare, nella migliore delle ipotesi, a -7 da quel faticosissimo nono posto in classifica. Vincere invece, significa avvicinarsi, approfittare del turno di riposo del ritrovato Prato e avere un vantaggio nei confronti della Salernitana per quanto riguarda il confronto diretto. Mister Gregucci, da quando è subrentrato a Perrone, ha collezionato 4 vittorie ed un pareggio, oltre alla doppia vittoria in semifinale proprio contro il Grifone. E’ una squadra ritrovata, ma domenica allo Zecchini sarà piuttosto rimaneggiata: sono ben 7 i giocatori di cui dovrà fare a meno, e i problemi più grandi si registrano in difesa, dove saranno fuori Molinari, Bianchi e Tuia. Accanto a Sembroni (unico centrale di ruolo) dovrebbe trovare posto Perpetuini, scuola Lazio ma di mestiere centrocampista. Mancherà anche Ginestra, che sembrava avesse recuperato ma che invece è stato escluso dalla lista dei convocati. Confermato invece il 4-2-3-1, con Mendicino unica punta (Guazzo in inverno è passato al quasi promosso Virtus Entella) davanti al trio Foggia-Mancini-Mounard. Probabili rientri di Scalise (squalificato dopo il 5-0 a Viareggio) e Volpe che dovrebbe prendere il posto dell’ex capitano dell’Ascoli Pestrin.
Lo Zecchini attende buone nuove dai suoi giocatori, e tutti speriamo in qualcosa di buono che possa proiettare il Grosseto più avanti, facendo dimenticare lamentele, delusioni e quant’altro si è avvicendato dall’estate 2012 ad oggi.

La probabile formazione:
Gori; Luciani, Sembroni, Perpetuini, Piva; Montervino, Volpe; Foggia, Mancini, Mounard; Mendicino

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news