Gs Tv – Emilijan Prela, il protagonista negativo di Marina La Portuale-Us Grosseto 2 a 2. Ecco i clamorosi errori arbitrali contro i biancorossi

Aulla (Ms) A volte le immagini sono più eloquenti di tante parole, soprattutto se si tratta di raccontare gli errori arbitrali di Emilijan Prela della sezione di Pistoia e dei suoi assistenti, colpevoli, come terna, di aver condizionato il risultato di Marina La Portuale-Us Grosseto 2 a 2. Chi c’era sa che tanta enfasi non è un’esagerazione, anche perché non siamo soliti inasprire gli animi. Purtroppo, però, il Grosseto ieri ha subito un danno enorme a causa di decisioni arbitrali totalmente sbagliate, come confermato dalle immagini che andiamo a proporvi. Un danno che ha tolto due punti meritati ai biancorossi, ora -5 dalla Cuoio (in serie positiva da 16 giornate) e superati dal San Gimignano, vittorioso sulla Larcianese. Un successo ad Aulla, invece, avrebbe lasciato tutto inalterato a 12 turni dal termine. Chiaramente, il sodalizio maremmano dovrà farsi sentire nelle sedi opportune, ma, soprattutto, è necessario che l’arbitro Prela venga messo a riposo per un bel po’ e poi che non sia più designato per le partite degli unionisti. Tra l’altro, è lo stesso direttore di gara che si erse a protagonista nel successo del Grifone ad Avenza, quando lasciò in dieci i ragazzi di Consonni, espellendo (giustamente, sia chiaro) Gorelli, di solito molto corretto, innervosito dall’atteggiamento indispondente di Prela. Tornando al video, potrete vedere i due rigori concessi al Marina La Portuale, quello non dato al Grosseto e costato l’ammonizione a Salvestroni nonché il fuorigioco inesistente (e non fischiato dall’arbitro), ma segnalato a più riprese dal primo assistente, tanto da mandare in confusione tutti. Buona visione.

 

8 Comments
  1. ser 2 anni ago
    Reply

    Che dire! Due interventi sulla palla in anticipo ( forse sul secondo ha voluto punire un’entrata a gamba tesa ?) Mentre sul rigore negato l’intervento del difensore non è sulla palla che infatti non devia dal suo percorso,. Così è ma rimane la consapevolezza di non saper portare in porto il risultato

    • Sesto 2 anni ago
      Reply

      Esattamente…gli errori arbitrali esistono da quando esiste il gioco del calcio e fanno parte di esso, ma a questi livelli (infimi), se ambisci alla promozione e ci credi sul serio devi in ogni caso saper gestire la gara e devi COMUNQUE arrivare al triplice fischio facendo tua l’intera posta. Se come ieri le cose vanno in tutt’altro modo, vuol dire che qualcosa non funziona e che molto probabilmente non si va da nessuna parte.

      • Lupo1912 2 anni ago
        Reply

        Mi sembra che il senso dell’articolo sia un altro, cioè ieri il Grosseto è stato privato di 2 punti sacrosanti, a causa di 4 (QUATTRO) sviste arbirali. Poi i nostri difetti sono un altro paio di maniche.
        Traduzione: ieri il Grosseto non ha vinto la partita per colpa dell’arbitro, anche perché se non ci lamentiamo di un arbitraggio del genere non ho capito quando ci dovremo lamentare, mi sembra che il servizio di GS descriva fedelmente l’ingiustizia che abbiamo subito e che HA DECISO IL RISULTATO A NOSTRO DANNO.
        Secondo me la verità di ieri è questa

        • Sesto 2 anni ago
          Reply

          Nessuno vuole negare l’evidenza di un arbitraggio penalizzante per il Grifone, ma resto fermissimo nella mia convinzione: a questi livelli, una squadra che si chiama Grosseto e che vuole/deve vincere il campionato non può non fare propri i tre punti in palio contro Marina La Portuale, qualunque siano le difficoltà, gli ostacoli, i problemi, le sviste arbitrali, la sfortuna e quant’altro. Se ciò non avviene è un pessimo segnale.

          • Fuoriquota 2 anni ago

            Sesto ma perché una squadra come il grosseto deve vincere il campionato? Perche? C’erano 40 tifosi, 40. Ma noi ci meritiamo la promozione. E basta con questi discorsi. Ci sta bene, e ringraziamo Mario e Simone.

  2. Sesto 2 anni ago
    Reply

    Probabilmente non possiedo il dono della chiarezza. Quando sostengo che il Grosseto “deve” vincere il campionato non mi baso sul fatto che ciò sia previsto dalla Costituzione o nella Bibbia o tra le leggi di Mendel, ma semplicemente sulla convinzione che una realtà come la nostra in Eccellenza, a vedersela con Cenaia, Gambassi, San Miniato Basso (ma c’è anche quello Alto?) costituisca un assurdo calcistico, che genera frustrazione e umiliazione. So per certo che buona parte degli sportivi grossetani la pensano come me e sono sicuro che se a settembre prossimo saremo (come purtroppo probabile) ancora nell’attuale categoria, ci sarà un crollo dell’interesse e del seguito. Per questo, solo per questo mi “lamento”. Nulla vieta che altri vedano le cose in modo completamente diverso e non ho difficoltà a rispettare il punto di vista di chi ritiene oro colato il semplice fatto di sopravvivere calcisticamente sia pure in Eccellenza, Promozione o non so dove e, in forza di ciò, sente di dover essere grato a Mario, Simone e – perché no – alla Divina Provvidenza. Ripeto: assoluto rispetto per questa posizione, nella quale però non mi riconosco.

    • Fuoriquota 2 anni ago
      Reply

      Ma se hai 40 tifosi in trasferta, dove meriti di stare?? Rispondi a questa domanda ..

      • Sesto 2 anni ago
        Reply

        Non spetta a me stabilire a quale campionato una realtà calcistica come quella grossetana meriti di partecipare in rapporto al pubblico che la segue, anche perché non necessariamente grande seguito vuol dire alta categoria e viceversa…Se la dimensione calcistica di un club andasse rigorosamente di pari passo col seguito che tale club ha – tanto per dirne una – il Sassuolo non giocherebbe in serie A ma in D. Sia come sia, mi sento di dire che attualmente il Grifone ha un seguito stratosferico in rapporto al modestissimo livello del campionato cui partecipa, anche in considerazione del fatto che abbiamo alle spalle un quinquennio di disastri sportivi con la perdita di qualcosa come tre categorie: un trend catastrofico che avrebbe disamorato e disgregato tifoserie ben più strutturate ed appassionate di quella grossetana.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW