Il Roselle perde anche l’imbattibilità esterna

La trasferta di Piombino con la relativa sconfitta fa perdere al Roselle anche l’imbattibilità esterna alla nona di campionato in una partita dai due volti: contenuta nel primo tempo, ma deficitaria mella ripresa dopo l’uno-due dell’Atletico Piombino che ci ha creduto di più e ha giocato meglio, forse caricato anche dalla deficitaria posizone in classifica. È vero che mister DE MASI ha dovuto fare a meno di CONSONNI e BARTALUCCI infortunati e, per scelta tecnica di COSIMI, RAITO e FRANCHI in panchina, ma è altrettanto vero che la scelta è alquanto ampia in una rosa di qualità qual è quella del Roselle. Giocare su due fronti: Coppa Italia e campionato, senza sbavature, non è cosa facile anche nella gestione della rosa a disposizione. Con questa sconfitta, forse inattesa, i termali perdono la testa della classifica, anche se in coabitazione con il Seravezza che con la vittoria esterna (1-0) contro la Larcianese si attesta solitario capolista con tre punti di distacco dal Roselle, al secondo posto. Una sconfitta è sempre mal digerita da chi la subisce, ma a volte può servire da sprone per riflettere su scelte tecnico-tattiche utili a non perseverare e a sempre migliorare le prestazioni della squadra in un campionato difficile come quello d’Eccellenza.

1 Comment
  1. fiore 3 anni ago
    Reply

    Una sconfitta che ci porta alla realtà.La salvezza.Montarsi la testa può far male.Dobbiamo divertirci senza essere stritolati DA false illusioni.Piedi per terra e pedalare ….

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news