La Pianese mette fine alla serie positiva del Gavorrano ed ipoteca il titolo

Gavorrano-Pianese 0-1

GAVORRANO (3-4-2-1): Salvalaggio; Ferrante, Placido (dal 6′ s.t. Costanzo), Bruni; Bracciali, Conti, Berardi (dal 26′ s.t. Lamioni), Mastino;  Gomez, Grifoni; Jukic. A disp. Alexandroae, Capozzi, Pardera, Costanzo, Fontana, Lamioni, Carlotti, Brunacci. All. Marco Cacitti.

PIANESE (4-3-1-2): Wroblewski; Selimi (dal 43′ s.t. Ravanelli), Grea, Gagliardi, Dell’Aquila; Bianchi Simeoni, G. Benedetti (dal 31′ s.t. Sakaj); Catanese (dal 45′ s.t. Brenci), Rinaldini (dal 34′ s.t. Buongiorno), L. Benedetti. A disp. Giachetta, Bernardini, Bonati, Di Mascio, Simoni. All. Marco Masi.

ARBITRO: Bracaccini di Macerata (assistenti Meloni di Olbia, Russo di Napoli)

RETI: nel s.t. al 22′ Lorenzo Benedetti.

NOTE: espulso Grifoni al 30′ s.t. (proteste); ammoniti Giacomo Benedetti, Simeoni, Catanese, Grifoni, Rinaldini; tiri in porta 4-5, tiri fuori 2-4, angoli 5-3; rec. p.t. 0′, s.t. 3′.

La Pianese interrompe la rincorsa al vertice del Gavorrano espugnando il “Malservisi Matteini”  (1-0) con un colpo di testa del bomber Lorenzo Benedetti alla metà della ripresa. Un successo, quello della capolista (che fa un passo importante verso la serie C), meritato per il gioco complessivamente messo in mostra nel corso dei novanta minuti. I ragazzi di Marco Cacitti, che hanno fatto vedere le cose migliori ad inizio secondo tempo e ha avuto una grossa occasione nel finale con Jukic, hanno giocato comunque alla pari con l’undici dell’ex Masi   e rimane il rammarico di aver subito il gol sull’unica vera palla gol del secondo tempo.

Nella prima frazione si è fatta preferire la Pianese, che ha cercato con maggiore insistenza il gol.

Il primo tentativo dei bianconeri, al 4′, è di Rinaldini ma la palla finisce ampiamente fuori; al 17′ è Lorenzo Benedetti a cercava la via della rete ma il tentativo va sopra la traversa.  Al 19′ Rinaldini si gira bene in area e lascia partire un tiro che Salvalaggio devia con i piedi. Al 29′ la punizione dalla sinistra di Mastino finisce tra le braccia di Wroblewski. Al 35′ colpo di testa centrale di Catanese su assist di Rinaldini. Al 41′ il colpo di testa di Rinaldini sul corner. Al 42′ la prima vera conclusione del Gavorrano: la punizione di Grifoni supera la barriera ma il portiere Wrloblewski para a terra.  Nella ripresa parte meglio il Gavorrano. Al 7′ la bella rovesciata di Gomes viene parata dal portiere senese e qualche istante dopo un colpo di testa del neoentrato Costanzo mette in difficoltà la difesa della Pianese.  Al 13′ la conclusione di Grifoni viene sporcata da un difensore che permette un facile intervento di Wroblewski. Al 14′ colpo di testa di Simeoni con la palla che attraversa tutta l’area. Al 18′ è Lorenzo Benedetti a impegnare Salvalaggio in tuffo con un destro dal limite. Al 22′ il vantaggio della Pianese: Rinaldini trova lo spazio per crossare da fondo campo, Lorenzo Benedetti è ben apposto in area e di testa trafigge Salvalaggio. Al 24′ il tiro di Lorenzo Benedetti è alto. Al 26′ mister Cacitti gioca la carta Lamioni per dare maggior peso all’attacco. Alla mezzora il Gavorrano rimane con l’uomo in meno per l’espulsione di Giulio Grifoni. Nonostante l’inferiorità numerica i rossoblù maremmani provano a recuperare lo svantaggio: al 39′ un miracolo di Wroblewski nega la gioia del gol a Jukic, servito in area da Gomes. Al 45′ il sinistro di Lamioni supera di poco la traversa. Al 46′ il numero uno pianese si ritrova tra le braccia la palla dopo una carambola, mentre al 47′ il tiro di Gomes finisce alto. E’ l’ultimo sussulto di una partita che ha comunque confermato la bontà del gruppo del Gavorrano, che s’è arreso solo al triplice fischio finale e che vuole finire in bellezza la stagione, guadagnandosi, nelle ultime quattro giornate, i playoff.

Le dichiarazioni del fine partita. Andrea Jukic: «Nel calcio alla fine contano i risultati. Non siamo riusciti a vincere ma abbiamo dato il massimo fino all’ultimo. Siamo comunque stati all’altezza degli avversari, Dobbiamo cercare di finire il campionato comportandoci come abbiamo fatto fino ad adesso. Il nostro obiettivo rimangono i playoff che vanno raggiunti continuando a giocare su ogni palla».

Il mister Marco Cacitti si rammarica «per aver preso il gol nel corso della ripresa nel quale i miei ragazzi avevano preso le misure agli avversari. Nel primo tempo eravamo un po’ contratti e non abbiamo fatto la fase difensiva come sappiamo, ma nel secondo tempo abbiamo giocato alla pari. Dopo il gol è diventato tutto più difficile per l’espulsione di Grifoni, anche se alla fine abbiamo avuto delle buone occasioni con Jukic e Lamioni. A questo punto cerchiamo di entrare nei playoff anche se non contano niente».

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW