Calcio Prima Categoria

Il punto in Prima Categoria dopo la 15° giornata: grossetane a secco di vittorie nel girone F, Torrenieri in grande ascesa

L'allenatore del Torrenieri Magneschi, qui ai tempi della sua avventura al Montalcino

IL QUERCEGROSSA RIAPRE TUTTO, TORRENIERI TERZO INCOMODO. GROSSETANE AVANTI A SINGHIOZZO, BENE IL MASSA VALPIANA NEL GIRONE D Il più classico dei gol dell’ex riapre tutti i giochi nel girone F di Prima Categoria: il girone di andata si chiude con il botto, con il Quercegrossa che ritorna al successo nella gara più importante, nella tana della capolista Gracciano grazie al gol dell’esperto Sani. Primo posto nelle mani sempre del team di Calà Campana, ma Giacomini e compagni tornano a -2, mentre il Torrenieri pone la propria candidatura a entrare nel lotto delle pretendenti al titolo: il mercato invernale sembrava proprio andare in questo verso, con la rosa a disposizione di Magneschi rinforzata sia numericamente che in qualità, un maggiore assortimento che ha subito trovato conforto nei risultati sul campo. La prima parte di stagione va in archivio con un dato poco incoraggiante per le squadre grossetane, cioè quello di non essere riuscite a cogliere un successo in questa domenica dell’Epifania, anche se gran parte di ciò è dipeso dai pareggi scaturiti nei due derby Sant’Andrea-Argentario e Fonteblanda-Scarlino. E se il punto ottenuto dal Manciano a San Quirico è da considerarsi estremamente positivo viste le assenze in casa biancorossa e il momento di forma dei padroni di casa, quello che stona è il ko interno dell’Alberese con la Fonte Belverde, che inguaia non poco il team del Parco. Per trovare l’unica soddisfazione piena di giornata bisogna quindi spostarsi nel girone D, dove il Massa Valpiana gira la boa con un bottino confortante di punti: ben 23 grazie al successo maturato nel primo tempo con la Volterrana, “superando” al fotofinish in una fusione virtuale le squadre del girone F.

Davide Sbrolli

Pubblicista, responsabile della Prima Categoria. Ha lavorato anche per il Corriere di Maremma.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.