Trastevere-Grosseto 0 a 2. Zotti e Di Gennaro regalano il primo successo stagionale al Grifone

TRASTEVERE (4-3-3) Apruzzese, Vendetti, Savatteri, Gissi, Battistelli, Moauro, Lorusso, Luciani, Rocchi (72’, Mastromattei), Delgado (cap.), De Vincenzi A disposizione Dosmi, Fagiolo, Paolacci, Schiavon, Panico,  Voltattorni, Proietti, Merli Allenatore Sergio Pirozzi

GROSSETO (3-5-2) Lanzano; Baylon, Ciolli, Schettino; Libutti, Platone (87’, Lauria), Vaccaro, Cremonini, Lavopa; Zotti (cap.) (82’, Nappello); Murano (57’, Di GennaroA disposizione Di Iorio, Battaglia, Cocciolo, Daleno, Marino, Migliaccio Allenatore Domenico Giacomarro

Arbitro: Giuseppe Trischitta (Messina)
Assistenti: Francesco D’Apice (Castellammare di Stabia) e Antonio Manco (Caserta)
Reti: 57’ Zotti, 66’ Di Gennaro
Ammoniti: 24’ Schettino, 29’ Moauro (Tra), 50’ Platone, 82’ Lanzano
Espulsi:
Calci d’angolo: 4 a 4 (primo tempo 4 a 2)
Recupero: 1′ nel primo tempo e 3′ nel secondo.
Note: Trastevere in maglia bianca, Grosseto rossa. Presenti circa 400 spettatori (oltre 120 da Grosseto).

Roma Il Grosseto inizia col piglio giusto la nuova avventura in D espugnando il Bachelet di Trastevere con due reti chirurgiche giunte nella ripresa, segnate da Zotti (il migliore in campo) e da Di Gennaro, in una fase di stanca dell’incontro. Da lì in avanti è stato tutto facile, ma nel primo tempo i giovani trasteverini hanno tenuto testa ai più quotati toscani e hanno recriminato per la mancata espulsione di Schettino, un fallo al limite dell’area maremmana sanzionato col giallo. Aldilà di tutto, chiara e meritata la vittoria grossetana, anche perché i romani hanno provato a impensierire Lanzano solo su calcio piazzato e hanno trovato un tiro pericoloso nei minuti di recupero. Il Grifone, invece, dopo aver saputo subire senza grossi affanni la freschezza iniziale dei laziali, ha colpito nei momenti topici dell’incontro, gestendo al meglio il resto della gara. Insomma, tre punti che fanno cominciare nel migliore dei modi il campionato dei biancorossi e che infondono una grossa iniezione di fiducia a tutto l’ambiente grossetano.

Primo tempo equilibrato Il Grosseto torna a giocare tra i dilettanti dopo 13 stagioni consecutive tra i professionisti. La nuova avventura inizia a Roma, nel quartiere storico di Trastevere, contro l’omonima formazione, neopromossa dall’Eccellenza Lazio. L’impianto, il campo Vittorio Bachelet, è praticamente stracolmo. Si tratta di una struttura inadeguata per la categoria, ma anche per chi deve fare il giornalista in un campionato di livello nazionale, seppur tra i dilettanti. Note a parte, il match inizia e si sviluppa con una lunga fase di studio. Le conclusioni su azione non arrivano proprio. Il primo tiro giunge così solo su calcio piazzato, al 18’ e sono brividi per Lanzano, che vede passare la sfera calciata da Delgado poco sopra la traversa. Al 26’, capitan Delgado, anima e cuore del Trastevere, replica su punizione, ma questa volta di potenza. Lanzano è costretto a respingere con i pugni, ma lo fa in modo efficace e allontana il pericolo. Col passare dei minuti, poi, i padroni di casa acquisiscono sicurezza e provano ad osare di più, ma il Grosseto, un po’ contratto, riesce ad allungarsi e, al 30’, a trovare un calcio piazzato vicino all’area di rigore trasteverina. Zotti calcia la punizione e sfiora il vantaggio, visto che Apruzzese riesce ad evitare che la palla entri. Al 39’, poi, Delgado, notato Lanzano fuori dai pali, tenta di sorprenderlo con una conclusione da circa 30 metri che termina sul fondo. Quindi, nei minuti finali del primo tempo torna a farsi vedere il Grifone, che crea un paio di azioni pericolose, ma nulla più.

Zotti e Di Gennaro fanno male Nel secondo tempo non si registrano particolari novità, se non per il fatto che il Trastevere sembra leggermente affaticato. Al 57’, però, subito dopo il cambio di Di Gennaro per Murano, i biancorossi passano in vantaggio con Zotti, che, servito in profondità da Vaccaro, entra in area e batte Apruzzese con un perfetto rasoterra. Il Trastevere accusa il colpo e il Grifone chiude i conti al 66’ col gol di Di Gennaro che mette in rete l’assist al bacio di Zotti. Il resto dell’incontro scorre senza ulteriori sussulti e il triplice fischio finale regala un importante e meritato successo alla truppa biancorossa.

CRONACA DELLA PARTITA
PRIMO TEMPO

18’ Punizione per il Trastevere calciata da Delgado. Palla sopra la traversa.
24’ Ammonito Schettino.
26’ Sventola di Delgado direttamente su punizione. Lanzano respinge con i pugni.
29’ Ammonito Moauro (Tra).
30’ Punizione di Zotti dal limite sinistro dell’area trasteverina. Apruzzese vede arriva la sfera all’ultimo momento, ma riesce a respingerla con i pugni prima che possa entrare in rete.
39’ Delgado prova a sorprendere Lanzano con una conclusione dalla lunga distanza. Fuori.
45′ Concesso 1′ di recupero.

SECONDO TEMPO

50’ Ammonito Platone.
57’ Primo cambio della partita. Nel Grosseto esce Murano ed entra Di Gennaro.
57’ GOL! Zotti, servito in profondità da Vaccaro, entra in area e fa secco Apruzzese con un perfetto rasoterra.
66’ GOL! Raddoppio biancorosso con Di Gennaro che batte Apruzzese su assist al bacio di Zotti.
72’ Cambio nel Trastevere: entra Mastromattei ed esce Rocchi.
80’ Delgado su punizione dalla lunghissima distanza. Pallone sul fondo passando vicino al primo palo.
82’ Ammonito Lanzano per perdita di tempo.
82’ Esce Zotti ed entra Nappello.
87’ Platone sostituito da Lauria.
90′ Concessi 3′ di recupero.
90’+2’ De Vincenzi entra in aerea e prova a segnare, ma Lanzano para.

1 Comment
  1. Io sono il calcio 4 anni ago
    Reply

    E mancava Palumbo…..avanti GRIFOOOOOOOOOO !!!!!!!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW