Inchiesta GS: viaggio nel mondo degli allenatori (1 parte)

Nella foto la panchina del Sorano, con mister Gaggi ora al San Quirico

GROSSETO. Inizia quest’oggi il nostro viaggio all’interno del mondo degli allenatori dei campionati dilettanti per capire quali siano veramente le regole e chi può sedere regolarmente in panchina.
Un problema che negli ultimi anni si è accentuato e che quest’anno è stato messo ancora più in rilievo.
Il nostro viaggio che sarà suddiviso in più parti vuol capire cosa dicono le normative e come è l’effettiva realtà. Ma partiamo con calma ed andiamo ad analizzare cosa dicono le leggi federali.
Chi può allenare?
Si diventa allenatore dilettante frequentando un corso della FIGC-Settore Tecnico. Il primo livello di corso previsto dalla FIGC è quello per l’abilitazione ad Allenatore di Base – Uefa B.

Ogni quanto, dove ci sono i corsi e chi vi può partecipare? I corsi che ci sono annualmente vengono svolti di anno in anno nelle sedi dei comitati provinciali. Può essere che un anno venga svolto a Firenze, uno a Grosseto, uno a Pisa e via discorrendo.
In questo caso vale il principio della residenza regionale, ossia un aspirante tecnico residente a Grosseto può fare il corso a Firenze, ma non a Roma.
Vi possono partecipare chiunque (il diploma di scuola media è fondamentale) , o meglio chiunque può farvi domanda, ma essendo i corsi a numero chiuso verrà preso in considerazione un punteggio calcolato soprattutto sulle esperienze professionali del richiedente.
Il corso che ha un costo totale di circa 700 euro e la durata circa dai 3-4 mesi, prevede lezioni (in genere pomeridiane) con esercitazioni in aula e sul campo.
L’abilitazione che è immediata permette di allenare tutte le squadre dilettanti, tutte le squadre del settore giovanile ad esclusione della Pimavera o di essere allenatore in seconda fino alla Lega Pro.
Solo nei campionati dilettanti si può avere la doppia figura di allenatore/giocatore con il tesseramento come calciatore.

Queste precisazioni ci sembravano più che doverose, per analizzare la problematica in tutta la sua complessità.
Nella puntata di domani parleremo di deroghe e soprattutto di casi che possono accadere o sono in essere nel nostro calcio provinciale.

2 Comments
  1. Balle 6 anni ago
    Reply

    Durata circa di 3-4 mesi??????

  2. precisazione 6 anni ago
    Reply

    I corsi durano 6 settimane ed è possibile che vengano svolti in più province contemporaneamente e non solo una provincia all’anno.
    Quest’anno sarà a Siena.
    Grosseto ne ha fatti 2 negli ultimi 4 anni.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news