Coppa Bruno Passalacqua, 3° quarto di finale: il Grosseto esagera e va in semifinale

Us Grosseto

Grosseto – Braccagni: 6-0 (6’pt, 45’pt rig, 26st e 40’st Molinari; 11’st Bicocchi; 40’st Fagnoni)

Grosseto: Mileo, Melfi (dal 32’st Chelini), Polidori, Consonni, Pastorelli (dal 27’st Formicola), Sabatini, De Carolis, Bicocchi, Molinari (C) (dal 37’st Zarone), Rosi (dal 27’st D’Ovidio), Corradi (dal 20’st Fagnoni). A disposizione: Alessandroni, Bulku, Lorini, Tichem. All: Biliotti.

Braccagni: Maccarucci, Kryeziu, Intilla, Chechi, De Carolis, Pecciarini, Khemais (C) (dal 12’st Palmieri), Chiari, Berti (dal 17’st Buschini), Rapino (dal 36’st Casanovi), Brizzi (dal 12’st Zannerini). A disposizione: Criscuoro, Fantoni. All: Calchetti.

Recupero: 1′-0′ Angoli: 1-1 Ammoniti: Pastorelli (G); Berti (B) Espulso Chechi per frasi irriguardose al direttore di gara

Grosseto. Terzo quarto di finale del torneo Passalacqua, con il Grosseto vincitore del girone C che affronta il Braccagni secondo classificato nel girone A. 
La prima occasione della gara è per il Braccagni con Chechi che pesca in area di rigore Khemais ma il suo colpo di testa termina di poco alto. Un minuto dopo arriva subito il vantaggio biancorosso con De Carolis che lancia bene Molinari in profondità, il numero 9 controlla e con un preciso tocco sotto scavalca Maccarucci siglando l’1-0 per i suoi. La reazione del Braccagni stenta ad arrivare con pochi grattacapi portati a Mileo e alla retroguardia del grifone con però la formazione di mister Calchetti brava a non allungarsi e non disunirsi e a tenere bene il campo. Al 34′ il Braccagni troverebbe addirittura il gol del pareggio con una splendida conclusione di Khemais a scavalcare Mileo ma il numero 7 viene fermato per fuorigioco molto, molto dubbio sul passaggio di Brizzi. Sembra potersi chiudere sull’1-0 il primo tempo, ma al 44′ il Grosseto beneficia di un calcio di rigore: Molinari va via sulla sinistra a due avversari con Kryeziu che lo stende in area anche se, bisogna dirlo, il fallo è iniziato fuori dai 16 metri. Molinari dal dischetto è freddissimo e sigla la personale doppietta, ma qui accade un fattaccio: il numero 9 segna, esulta correndo verso i sostenitori del Braccagni (moltissimi e rumorosissimi) zittendoli, non contento si gira di spalle e si abbassa i pantaloncini mostrando il lato B agli spettatori. Si accende immediatamente una bolgia sugli spalti e in campo per questo gesto sconsiderato di Molinari che non riceverà nessun provvedimento disciplinare dall’arbitro (e se pensiamo a Terramoccia dell’Argentario che è stato ammonito per aver saltato sulla recinzione per poi essere espulso per somma di gialli…). Si chiude dunque così la prima frazione.
La ripresa non ha niente da dire, quel fattaccio ha spento emotivamente il Braccagni e tutto lo stadio di via Australia con il Grosseto che si dimostra ancora padrone del campo e del pallone e dilaga. Al 6′ Molinari sfiora la tripletta dopo una prima respinta di Maccarucci ma il numero 9 spara da distanza ravvicinata proprio sul corpo dell’estremo difensore gialloverde. Al 9′ il Braccagni rimane in 10 uomini per una parola di troppo di Chechi all’arbitro. All’11’ il Grosseto cala il tris quando Bicocchi gira bene in porta un angolo di De Carolis. Molinari da qui si scatena e realizza altri due gol, prima al 26′ su suggerimento di Melfi dalla destra poi al 29′ dopo un’azione insistita di Fagnoni, quest’ultimo in gol al 40′ dopo una prima respinta di Maccarucci. Termina 6-0 l’incontro con il Grosseto che attende la vincente di Invicta-Albinia domani sera. 

9 Comments
  1. Paul 1 anno ago
    Reply

    Semplicemente Schifato dall’atteggiamento dell’arbitro, mi fa passare la voglia di andare a vedere questi tornei. Gavorrano e Grosseto ultra privilegiati e senza limitazioni. Una società seria dopo l’atteggiamento del suo attaccante dopo il gol, (fa vedere le mutande al pubblico) lo avrebbe tolto subito, ma la fame di successo e protagonismo è troppo alta. Braccagni ovviamente inferiore al Grosseto ma vittima di una sudditanza provinciali esagerata, il povero attaccante dei giallo verdi letteralmente massacrato ed uscito per infortunio dopo l’ennesimo contrasto.. arbitro mandato a quel paese costantamente dai torelli senza nessuna sanzione, primo esclamazione di un giocatore del braccagni rosso. Gol annullati senza un perchè rigori dati 3 metri fuori area, vabbe tutto normale, poi non vi lamentate se le squadre non si iscrivono al questo bel (sarebbe) bel torneo..

    • malox 1 anno ago
      Reply

      ma che partita avete visto?

  2. Antonio 1 anno ago
    Reply

    Buongiorno le scrivo per specificare alcune cose che non rispecchiano la corretta sintesi della partita di ieri sera. Innanzitutto il fuorigioco fischiato contro il Grosseto a meta primo tempo su ns rimessa laterale e retropassaggio del difensore del Braccagni,quindi inesistente e fischiato, il presunto fuorigioco del Braccagni è stato rilevato dal guardalinee perfettamente in linea quindi di dubbio non c’era proprio nulla. Lei era sulla sedia a centrocampo e quindi in prospettiva impossibile da giudicare a meno che non avesse il VAR. Non si fa menzione alcuna di un totale dominio dei ns ragazzi che hanno vinto 6a 0 e poi mi elenchi le occasioni goal del BRACCAGNI di tutta la partita ,tranne il colpo di testa del primo tempo. Io credo che l’obiettività debba essere la prima cosa di un cronista, poi non so se lei è un giornalista professionista ed esprimersi per conoscenze e competenze OBBLIGATORIE altrimenti raccontiamo le cronache da bar che sono tutt’altra cosa. FIRMATO ANTONIO CAVA (dirigente Us Grosseto)

    • Yuri Galgani 1 anno ago
      Reply

      Antonio,
      il nostro cronista è giornalista praticante.
      Al termine del praticantato sarà giornalista pubblicista, ovvero giornalista a tutti gli effetti.
      La partita l’ha raccontata come l’ha vista e non è detto che ciò coincida con la tua visione.
      Sul dominio assoluto del Grosseto, però, non nutro dubbi, visto il divario tra le due formazioni, una delle quali ha vinto il titolo regionale nel proprio girone, mentre l’altra ha disputato un modestissimo campionato provinciale.

      • sportivo 1 anno ago
        Reply

        bravo galgani quando un dirigente come cava parla a nome della società si capisce da quello che scrive quale è il livello ormai raggiunto

    • sportivo 1 anno ago
      Reply

      sei fuori tema poi sei l’accompagnatore della società, spiegaci se parli a titolo personale o sei autorizzato a parlare per la società dal momento che sei il dirigente accompagnatore

  3. .... 1 anno ago
    Reply

    Mai visto una partita tanto oscena senza rispetto senza professionalità quale dovrebbero avere i giocatori del grosseto visto che rappresentano una società importante, la società dovrebbe prendere provvedimenti su questi tipi i giocatori. peccato che l’avversari non erano tanto fulminei da farsi rispettare e fargli abbassare la cresta.
    Per il resto grosseto troppo piu superiore

  4. sportivo 1 anno ago
    Reply

    brutte pagine di sport ieri sera al passalacqua.parlo al plurale perchè sono molte le persone a cui dobbiamo chiedere riscontro.caro molinari ricordati che simili gesti non ti aiutano a diventare calciatore e che per essere tale non basta fare i gol. caro arbitro e segnalinee spero che voi non dite che non avete visto niente e speriamo in una squalifica da parte dell’aia.caro biliotti hai giocato in serie a , cerca di far capire alla tua squadra che con quei gesti si va poco lontano tutti.hai aspettato che facesse la 4 rete per toglierlo.cari ceri mi pare che ieri sera eri tutti presenti alla partita ,date una punizione esemplare al giocatore e toglietelo immediatamente dal torneo sarebbe un bel gesto di una società gloriosa prima in città.

    • Lupo1912 1 anno ago
      Reply

      Molinari ha sbagliato a reagire, ma i cori beceri ed offensivi ai suoi danni prima del “fattaccio” sono inaccettabili e deprimenti.
      Voto a quella parte di pubblico ZERO.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news