Grosseto-Arzachena 4-2, match per cuori forti. Il Grifone soffre, ma vince

I giocatori biancorossi si abbracciano

Grosseto. Vittoria di platino del Grifone sull’Arzachena. Un successo sofferto e meritato, giunto dopo un doppio vantaggio (con reti di Nappello e Palumbo) vanificato dal temporaneo pareggio ospite, ma poi ottenuto con le segnature decisive di Lavopa e Vaccaro. Si è trattato di un match dalle emozioni forti, concentrate praticamente tutte nella ripresa, dove il Grifone ha fatto vedere il meglio e il peggio di sé, sciorinando un gran possesso palla, contenendo i sardi e trovando un meritato raddoppio, salvo poi crollare mentalmente dopo il gol di Branicki. Tuttavia, rispetto ad altre volte, i biancorossi dopo il pareggio ospite non si sono disuniti e hanno trovato le energie mentali e fisiche (come dimostrato dal gol del 4 a 2 con un contropiede tre contro uno) con le quali hanno affossato le speranze dell’Arzachena. Ora restano sette incontri nei quali cercare di ottenere il massimo per non avere nessun tipo di rimpianto, sia in chiave di vittoria finale che in ottica play-off.

Sblocca Nappello Il Grifone torna allo Zecchini dopo la sconfitta nel match di testa contro la Viterbese. Ospite dei maremmani quest’oggi è l’Arzachena, il sorprendente club sardo che nella partita di andata ha rifilato un umiliante 4 a 0 ai biancorossi. Da allora sono cambiate molte cose sia in campionato che in casa maremmana e l’incontro odierno ha una grande importanza in chiave play-off. Il mister grossetano Orlandi sceglie il 4-4-2, mentre il suo collega Giorico il 4-3-1-2. Le squadre sembrano temersi e l’equilibrio regna sovrano, anche se i biancorossi al 16′ sfiorano la rete col tiro di Nichele che esce lambendo il palo alla destra di Ruzittu. Per lunghi tratti, però, non si assiste altro che a dei corpo a corpo in ogni zona del campo, tutti regolari, tranne al 22′, quando il sardo La Rosa si becca un giallo indiscutibile. Gli ospiti riescono anche a collezionare un paio di corner, ma il Grifone si fa preferire anche nel conteggio dei calci d’angolo, ben 6. Sul finire del primo tempo, poi, l’equilibrio viene rotto dal contropiede grossetano, che, al 44′, produce il gol del vantaggio messo a segno da Nappello dopo un’azione personale prolungata. L’assist per la punta biancorossa arriva da Palumbo.

Ripresa per cuori forti Nella ripresa gli animi si scaldano presto, complice l’aggressività dei sardi che rimediano alcuni gialli. Al 52′, poi, il Grifone invoca un rigore su Palumbo e ripete il copione al 57′. Al 58′, poi, proprio Palumbo porta a 2 le marcature maremmane con un perentorio colpo di testa sugli sviluppi di un corner di Olivieri. Il match sembra mettersi nel verso giusto per i ragazzi di Orlandi, ma l’Arzachena, squadra tosta e capace di rimonte memorabili, accorcia al 64′ con Branicki, in sospetto fuorigioco e, sempre col polacco, pareggia al 71′ su rigore. Il morale dei biancorossi potrebbe sprofondare, ma Zotti con una giocata da urlo entra in area ospite dall’out sinistro e, anziché tirare, mette una palla al bacio per Lavopa, che di piatto batte Ruzittu per il 3 a 2. Una grande iniezione di fiducia, che rischia di essere vanificata dall’espulsione di Digiorgio all’84’, costretto al fallo da ultimo uomo su Sanna. All’88’, però, il Grifone chiude i conti con un contropiede micidiale, tre contro uno, col gol decisivo di Vaccaro. All’89’, invece, l’Arzachena vede annullare una rete a Branicki per probabile fuorigioco del polacco. Infine, nei 5′ di recupero finale il Grosseto è bravo a limitare la manovra sarda e a portare a casa un successo sicuramente meritato.

10 Comments
  1. Mariuccia domenico 4 anni ago
    Reply

    E anammmmmmmmmo da cisterna di latina

  2. Fabrizio Fabbrini 4 anni ago
    Reply

    Conta solo il risultato……….il vantaggio del Grosseto va benissimo …..bisogna solo vincere………Perplessità sulla posizione di Palumbo, forse fuorigioco? ……..Comsunque Grosseto troppo inconcludente………Arzachena mai al tiro…………Speriamo anche nel secondo tempo……….Comunque devo ammettere che la squadra biancorossa non ha mai avuto ed ha la forza per primeggiare in questo girone……..spero di essere smentito………

  3. Dario 4 anni ago
    Reply

    Diciamo che la forza ce l’avrebbe anche..ma di certo la fortuna e qualche decisione arbitrale a favore come i Viterbesi….no di certo…
    Anche oggi gol clamoroso annullato al Trastevere….

  4. Fabrizio Fabbrini 4 anni ago
    Reply

    Vittoria sofferta, ma sempre vittoria è. Come al solito siamo maestri a farci del male da soli…….oggi però è andata bene…….Ribadisco che la nostra non è mai stata e non è una squadra da poter vincere questo campionato……..il secondo posto sarebbe un bel traguardo…..Viterbese superiore su tutte le altre compagini…..

  5. Dario 4 anni ago
    Reply

    Tutta questa superiorità domenica scorsa non l’ho vista…anzi…se il campo era bono non so come finiva…poi che siano squadra solida non lo metto in dubbio, ma talmente superiore a noi, no di certo..

    • guazza 52 4 anni ago
      Reply

      Danni negli spogliatoi

  6. attilio regolo 4 anni ago
    Reply

    Coraggio ragazzi, va bene cosi’. I Viterbesi stiano pure avanti in allungo ma noi stiamogli dietro senza perdere ulteriore terreno tenendoli sotto tiro pronti ad approfittare di qualsiasi loro eventuale cedimento.

  7. m 4 anni ago
    Reply

    caro fabbrini prima di criticare sarebbe bene che tu venissi più spesso a vedere le partite. ti faccio presente che domenica scorsa a Viterbo, a noi stava stretto il pareggio immaginati la sconfitta.

  8. Angelo 4 anni ago
    Reply

    A Dario me lo potevi di’ eri a Roma a vede’
    La partita che andavamo al bar a berci qualcosa

  9. Angelo 4 anni ago
    Reply

    Prima Dario ora m a questo punto non so più che dire ma le partite come le vedete?giocando a morra?

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news