Coppa Bruno Passalacqua, le pagelle di Atletico Grosseto – Nuova Grosseto: Temperani decisivo nella lotteria dei rigori; Bojinov sfortunato. Keita ottimo impatto

Juniores Provinciali Nuova Grosseto

Atletico Grosseto:

Michele Bromo 8: perché è lui a tenere a galla i suoi in più circostanze. E’ lui che salva a più riprese sui tentativi rossoblù. E’ lui che respinge il calcio di rigore di Amorfini nel secondo tempo supplementare. E quando non ci può arrivare, viene salvato dai vari legni. 
Diocou 5,5: tanti palloni toccati nel primo tempo dove prova a farsi trovare smarcato fra le linee. Si eclissa un po’ con il passare dei minuti. (dal 9’st Fuschi 6,5: entra bene in campo, spirito giusto e combattivo, ingredienti giusti per tentare la rimonta. Dagli 11 metri però si fa respingere il tiro da temperini, peccato)
Franci 6,5: gioca prima basso a destra poi viene alzato sulla linea degli attaccanti. Trova il gol che permette ai suoi di andare avanti fino ai calci di rigore. Splendido il suo destro volante. 
Betti 5: nel mezzo al campo prova a fare lo stesso lavoro di Bangoura, ma ci riesce poco. Si prende la responsabilità sia di calciare il rigore nei 90 minuti sia il primo tiro della lotteria spedendo entrambe le volte la palla a lato tradito dall’emozione. 
Giorgi 6,5: dietro tiene bene la linea e la posizione. Ottimi recuperi difensivi in velocità dimostrando di avere ottime doti fisiche. 
Tronchi 6: capitano che nel primo tempo commette qualche fallo di troppo. Cresce nella ripresa dove si carica la squadra sulle spalle portandola al pareggio. 
Barzagli 5: un tiro improvviso dal limite dell’area e un tiro parato da Temperani nel primo tempo. Questa. è la sua partita, un po’ troppo poco. (dall’11’st Keita 7: entra e con la sua velocità, soprattuto nel finale, spacca la partita. Si procura il rigore poi fallito da Betti ma sulla sinistra è una ontinuo scappare via mettendo in apprensione la retroguardia avversaria)
Kellner 5: anche lui opaco rispetto alle precedenti uscite. Risucchiato nella morsa difensiva rossoblù, non riesce a spiccare come vorrebbe. (dal 17’st Vitali 6,5: si mette a destra nella linea di difesa facendo salire di posizione Franci. Attento e deciso in copertura, commette solo un errore nel secondo tempo supplementare quando stende Aprilini in area, per fortuna errore ininfluente)
Mirko Bromo 5: prima terzino sinistro le vede nere al cospetto di Martini; avanzato ad esterno non sembra essere la sua serata e infatti viene sostituito ad inizio ripresa . (dal 1’st Yildiran 6,5: si mette a sinistra in una sorta di 4-2-3-1 per poi chiudere punta insieme a Ferrini in un 4-2-4. Tocca tantissimi palloni servendoli bene in avanti per i compagni. Frizzante e positivo il suo ingresso)
Fommei 5: anche lui molto sottotono nel primo tempo, lo si vede pochissimo. (dal 1’st Ferrini 7: entra e ha il merito di segnare il gol che riapre tutto a 5 minuti dal termine. Chiude come mediano per i crampi che hanno colpito Betti, dimostra di avere spirito di sacrificio e determinazione. Peccato per il rigore respinto da Temperani che condanna i suoi, meritava qualcosa in più)
Tozzi 6,5: parte esterno alto per poi arretrare al posto di Mirko Bromo terzino. Sempre concentrato, commette l’unica sbavature quando Amorfini gli va via nel primo tempo in occasione del gol. Per tutto il reso della gara però, è una continua corsa su e giù per la fascia nonostante i crampi lo affliggano per lunghi tratti della partita.

Allenatore Riitano 6,5: ha il merito di aver stravolto tutto nel secondo tempo operando 5 cambi in pochi minuti impendendo anche alla Nuova di riorganizzarsi. E’ fortunato bisogna dirlo perché i 4 legni della Nuova gridano vendetta, ma la sua squadra ha dimostrato cuore e voglia di crederci fino al triplice fischio e solo la lotteria dei rigori lo ha escluso dal torneo. Applausi comunque, per il loro splendido cammino, sicuramente una nota lietissima di questa 44^ edizione.

Nuova Grosseto: 

Temperani 8: chiamato in causa nel primo tempo si esalta con due ottimi interventi; nella ripresa è spettatore non pagante fino al 44′ quando Ferrini aziona la rimonta per l’Atletico ma suoi gol non può nulla. Nella serie di rigore è però decisivo respingendo con due ottimi balzi e due ottime intuizioni due calci di rigore dei giocatori avversari regalando la semifinale ai suoi con un tiro in anticipo. 
Baldanzi 6,5: non gioca per niente male il terzino sinistro della Nuova che spinge bene con continuità sulla sua corsia. Nel finale, forse stanco e poco lucido mentalmente causa il rigore su Keita poi sbagliato da Betti per sua fortuna. (dal 43’st Quadalti 6: nei tempi supplementari copre bene la sua corsia facendosi trovare pronto e concentrato fin da subito)
Amorfini 6: non gioca male per tutto l’arco della gara, anzi, sforna l’assist per l’1-0 di Maiorano nella prima frazione e si rende pericoloso in varie circostanze sulla destra. Ha la personalità di andare a calciare il rigore nel primo tempo supplementare da vero leader e capitano ma Bromo glielo para. Errore che poteva costare caro ma anche a lui va bene e la Nuova riesce comunque a trovare la semifinale. 
Pallucca 6: mediano davanti alla difesa, quest’oggi si preoccupa di recuperare più palloni che impostare il gioco lasciando il compito ad Angelino e compagni. Buona prova. (dal 29’st Topada 6: buon ingresso in mezzo al campo, nel finale si abbassa anche lui come tutta la Nuova, ma dimostra di avere giocate e qualità.)
Magini 6,5: attento in difesa, sbaglia pochissimo concedendo poco ai vari Barzagli e Kellner. Si abbassa un po’ nel finale di gara e questo dà coraggio all’Atletico. Centra la traversa dagli 11 metri ma è un errore ininfluente ai fini del risultato.
Ferraro 7: leader difensivo, classe 2001 dimostra di avere personalità da vendere oltre ad essere un difensore sempre concentrato e preciso. La retroguardia lo segue a memoria e lui ricambia la fiducia con una prestazione solida e senza errori. 
Angelino 6,5: è uno dei più positivi dei suoi, sempre nel vivo del gioco punta costantemente la difesa granata palla al piede. Impegna severamente Bromo dalla distanza con il numero 1 avversario chiamato agli straordinari. Freddissimo dal dischetto realizza il suo penalty alla perfezione. 
Biancalani 6,5: tanta, tantissima corsa da mezz’ala destra. Corre e lotte su tutti i palloni non mollando mai un centimetro per tutto l’arco della gara, neanche nei tempi supplementari. Inesauribile. 
Maiorano 7: doppietta d’autore. Il primo gol è solo all’apparenza semplice con il numero 9 bravo a impattare il pallone violentemente tenendolo basso rasente al suolo. Coglie anche una traversa clamorosa nel primo tempo per poi trovare il gol del raddoppio dopo 50 secondi della ripresa dopo un bello scatto in profondità sul filo del fuorigioco. (dal 35’st Aprilini 6: entra bene, soprattuto nei tempi supplementari dove è il più pericoloso delle due formazioni. Si procura il rigore al 4′ del secondo tempo supplementare e avrebbe una ghiottissima chance quando saltato Bromo in uscita viene chiuso da Giorgi in ripiegamento con il numero 17 che stava calciando verso la porta vuota dal limite)
Bojinov 7: è quello più nel vivo del gioco e più cercato della Nuova Grosseto. Nel primo tempo sforna palloni interessanti per i compagni che però non vengono sfruttati, nella ripresa è sfortunatissimo cogliendo non una ma due traverse che gli negano a gioia del gol. Freddo anche lui dagli 11 metri realizza il suo rigore che manda in vantaggio nella serie la Nuova.
Martini 6,5: il primo tiro in porta della partita è suo con un super Bromo che gli dice di no. Suo l’assist per il 2-0 di Maiorano. Prima della sua uscita, sempre propositivo e pimpante sulla destra. (dal 14’st Brasini 6: entra bene sulla corsia destra dove cerca di tamponare al meglio le discese di Tozzi)

Allenatore Leone 6,5: al di là del risultato, per lunghi tratti della gara la sua squadra domina in lungo e in largo sul campo. E’ anche sfortunato perché coglie 4 legni durante i 120 minuti (5 se ci mettiamo anche la traversa di Magini su calcio d’angolo). Peccato per il black out finale perché la partita sembrava essere assolutamente in controllo per i rossoblù. 

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news