Giochi riaperti in Promozione, Cecina torna a far paura

Grazie al pari imposto all’ultimo tuffo dall’Asta al Roselle, torna tutto in discussione in Promozione a tre giornate dal termine. Il Cecina batte 2-0 il Donoratico e riapre i giochi proprio quando i termali sembravano averli chiusi in maniera definitiva.

Basta un alito di vento per passare dall’altare alla polvere ed ora il club di De Masi torna a sentirsi addosso il fiato pesante della rivale. Questo è il momento di stringere i denti e pensare al campo all’ombra del colle di Moscona: sarebbe davvero beffardo vedersi soffiare da sotto il naso un campionato che è stato dominato dall’inizio alla fine a suon di reti e belle prestazioni.

Il gol realizzato allo scadere dalla formazione di Taverne d’Arbia potrebbe aver aperto una crepa nel fortino termale, la paura di vincere potrebbe insinuarsi adesso tra le mura come una goccia di umidità che rischia di sgretolare quanto di buono fatto fino ad ora.

Domenica prossima diventa obbligatoria per Cosimi e soci battere un Donoratico che sta lottando alacremente per la salvezza sperando, magari, che il Manciano riesca a bloccare il rilanciato Cecina. I destini delle maremmane sono legati a doppio filo: da un lato il Roselle che non vuole cedere nel finale, dall’altro il Manciano che sta iniziando a vedere la salvezza. Ognuno aspetta un regalo dall’altra; i tecnici dovranno essere abili a far rimanere concentrati i propri giocatori sulle rispettive partite.

Chi sorride a trentadue denti è il San Donato ormai pressoché salvo dopo aver vinto 2-0 contro la Pecciolese. L’impresa è quasi compiuta, Cinelli sta per festeggiare insieme ai suoi uomini la più incredibile delle imprese dopo un girone di ritorno giocato a ritmi impressionanti.

Se nella prima parte di campionato i biancoverdi avessero potuto contare su tutti gli elementi e se non ci fossero stati infortuni ed un carico enorme di malasorte, probabilmente il San Donato avrebbe potuto puntare anche a qualcosa di più corposo. Meglio non pensarci, meglio non avere rimpianti: prima c’è da conquistare anche matematicamente quella salvezza che la logica sta facendo materializzare in casa biancoverde.

Risultati

Certaldo-Geotermica 1-1
Donoratico-Cecina 0-2
Gracciano-Rosignano 2-1
Manciano-San Miniato Basso 2-1
Perignano-A. Volterra 0-1
Pro Livorno-A. Picchi 0-0
Roselle-Asta 2-2
Acli San Donato-Pecciolese 2-0

Classifica

Roselle 65
Cecina 62
A. Picchi 43
Rosignano 41
Pro Livorno 37
Acli San Donato 36
Donoratico, Pecciolese 35
Manciano, Asta 33
San Miniato Basso 31
Perignano 30
A. Volterra 27
Gracciano 25
Certaldo 24

Marcatori

Angelini (Roselle) 21
Vento (Roselle) 14
Cosimi (Roselle), Mariotti (San Miniato Basso) 13

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news