Connect with us

Grosseto Calcio

Gs intervista Ravanelli: “Mi piace difendere in modo aggressivo, preparo le vacanze con Polidori”

GROSSETO – Mattia Ravanelli, difensore del Grosseto, è stato ospite a D lunedì c’è il Grifone. Figlio di Fabrizio, attaccante campione d’Europa con la Juventus, è nato nel 1999 e del padre ha preso la stazza anzi con 198 cm è più alto, una vera barriera che Magrini schiera spesso a gara in corso.

Difensore centrale è il ruolo che più ti si addice, è stata una scelta naturale?

<<I ruoli l’ho provati tutti – risponde Ravanelli – dai Giovanissimi in poi ho fatto il terzino destro, negli Allievi sono passato a fare il centrale. Devo dire che la mia altezza è aumentata molto in quel periodo – ricorda Mattia – fino agli Allievi ci avevo provato ad abituarmi al ruolo difensivo, però non ero convinto. Ho avuto un allenatore, Alessandro Violetti,  che è riuscito a motivarmi prima nella difesa a tre, poi a quattro>>.

In questa stagione il tuo ingresso in campo coincide con la difesa a tre, con Ciolli e Gorelli, titolarissimi della linea arretrata:

<<Non è un problema il modulo difensivo, mi piace la difesa a tre – risponde – giocando in questa maniera ha modo di dedicarti alla marcatura, giocare uomo contro uomo essere aggressivo e spingerti più avanti, a quattro devi stare attento alla linea, è un tipo di ruolo che mi piace>>.

Con i compagni di reparto come ti trovi?

<<Ho un rapporto sano fra ragazzi più grandi e più giovani. C’è amicizia anche fuori dal campo con Polidori – spiega – già avendo giocato l’anno scorso insieme, ho un rapporto più stretto, stiamo progettando di fare le vacanze insieme>>.

Il legame con Polidori ti ha spinto la scorsa estate ad accettare la chiamata del Grosseto?

<<Grosseto è stata una scelta facile, l’ho colta subito e avevo parlato con il mister in estate, Magrini crede molto nel lavoro>>.

A dicembre hai avuto richieste per trasferirti altrove…

<<C’è stata richiesta da parte di alcune squadre vicino casa, di Eccellenza umbra, però parlandone con amici ho scelto di restare a giocarmi questo campionato. Non capita tutti i giorni di lottare per vincere la Serie D>>.

In questa lunga volata per la promozione (otto turni), secondo te quale può essere il fattore determinante? Il calendario del Monterosi appare più abbordabile rispetto a quello del Grosseto.

<<Dal mio punto di vista abbiamo quattro trasferte tutte difficilissime e chi sbaglia meno vince – spiega Ravanelli – quindi cruciali sono le quattro gare in casa dove non dobbiamo lasciare punti. A Grassina o Gavorrano saranno sfide sicuramente impegnative e noi proveremo a farle nostre>>.

 

 

Giornalista Pubblicista dal 2010. Ha scritto per il quotidiano Corriere di Maremma e collaborato con TMW, Calciomercato.com, Calciopiù, Radio RBC, Vivigrosseto.

Advertisement
6 Comments
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

quando sei entrato contro il Monterosi ho capito immediatamemte che ancora non sei assolutamente pronto per questa categoria, dopo l’uscita di Cretella abbiamo giocato in 10

Marco Fommei grande marco aveva bisogno di un po di fiducia 😂

Marco Fommei non ti chiedi come mai giochi in serie D? se era figlio tuo o mio giocava in 3ª Categoria.

Roberto Martini molto probabilmente si Roby 😜

Tutti tecnici

Ha giocato 13 minuti in tutto il campionato giocatore da promozione e niente più se nn si chiamava ravanelli giocava nel Montieri!!!!

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

6
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x