Calcio Prima Categoria

Il punto dopo l’11° giornata in Prima Categoria: regna l’equilibrio nel campionato

Mattia Tamalio (Usd Manciano)

POKER SANT’ANDREA, CLASSIFICA CONGESTIONATA Impossibile non celebrare il Sant’Andrea dopo l’11° giornata in Prima Categoria: dopo le iniziali difficoltà dettate da assenze e infortuni il team di Luciano Tommasi ha inanellato quattro successi in fila, con la vittoria che è tornata usuale come nella stratosferica passata stagione, l’annata dei record. Brava la società a evitare isterismi e stravolgimenti che hanno permesso di rientrare ben presto nel gruppone e non porsi più traguardi. C’è ancora tanto da lavorare, ma il solco tracciato è quello giusto. Vietato abbassare la guardia comunque, visto il grandissimo equilibrio che regna in classifica: dal terzo posto del Torrenieri al penultimo dell’Alberese ci sono solamente nove punti, quindi tutto ancora è da delineare. Se, nonostante il ko del Quercegrossa, la sfida per il primato può comunque essere ristretta a due, forse tre squadre se qualcuna riuscirà a ottenere un filotto di vittorie “stile Sant’Andrea”, per le altre e è sarà grande bagarre: ottimo il ritorno al successo del Manciano, tre punti importanti arrivati dovendo fare a meno del cannoniere Brutti, mentre l’avventura di Giallini a Fonteblanda comincia con un pareggio interno contro l’Argentario. Esordio in neroverde per i gemelli Negrini, con il recupero di mercoledì contro la Virtus Chianciano che può già essere uno snodo importante della stagione. Domenica nera invece per lo Scarlino, con il San Quirico che passa di “manita”: non inganni infatti l’attuale posizione dei giallorossi che hanno valori importanti, con il tema trattato in precedenza che torna d’attualità, se si pensa anche alla sconfitta del Quercegrossa con il Fonte Belverde. Un campionato tutto da vivere, con le sorprese sempre dietro l’angolo.

Davide Sbrolli

Pubblicista, responsabile della Prima Categoria. Ha lavorato anche per il Corriere di Maremma.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.