Salvestroni vuol vedere i libri contabili. È corsa ad ostacoli…

L’ingegner Mario Salvestroni è stato di parola e ha continuato a lavorare alacremente per raccogliere gli imprenditori (più o meno) locali interessati all’acquisizione del Grosseto. Infatti, il presidente degli industriali grossetani, quest’oggi volato ad Amburgo per motivi di lavoro, ha fatto sapere di avere con sé tutto il necessario per continuare la sua opera di salvataggio del club unionista. I soggetti individuati da Salvestroni, però, vogliono vedere urgentemente i libri contabili dell’Us Grosseto e per questo il noto imprenditore grossetano in mattinata dovrebbe aver preso contatto con l’amministratore unico biancorosso, l’avvocato Antonio Ranucci. Tale passaggio è necessario, visto che il bilancio societario, depositato e certificato presso la Camera di Commercio di Grosseto in data 28 ottobre 2013, si riferisce al periodo 1° luglio 2012 – 30 giugno 2013. Insomma, manca tutto l’anno contabile che va dal 1° luglio 2013 al 30 giugno 2014. Ecco perché è necessario prendere visione immediata dei libri contabili societari. Tuttavia, è bene essere sinceri ed evidenziare che il tempo rimasto a disposizione della “cordata Salvestroni” è davvero poco, poiché l’eventuale fideiussione dovrà essere depositata entro e non oltre le ore 19 del 15 luglio p.v. Insomma, una corsa ad ostacoli di non poco conto, con ripensamenti più o meno evidenti tra i possibili soci, ma con la determinazione di Salvestroni nel riuscire a vincere questa sfida davvero difficile. Camilli, però, non sta con le mani in mano e, non a caso, lunedì 30 giugno ha ricevuto un imprenditore, suo conoscente, andato nella Tuscia per discutere l’acquisizione del Grifone. Probabilmente, tale imprenditore (pare pugliese) è stato l’unico che, fino ad oggi, è andato di persona da Camilli per parlare del Grosseto. Dunque, i giorni passano, ma non ci sono ancora novità risolutive per il futuro del club biancorosso. A questo punto, però, non servono più proclami ad effetto o promesse, ma solo tanta concretezza.

16 Comments
  1. roby 5 anni ago
    Reply

    quindi devono ancora vedere i libri contabili,e manca la documentazione dell’ultimo anno.e mancano solo 13 giorni.a me sembra un tentativo,tardivo.quasi disperato.speriamo in una trattiva con il gruppo che è andato diretto da camilli,se esiste.altrimenti o si pensa gavosseto o un bel campionato d’eccellenza.

  2. Il tanche 5 anni ago
    Reply

    Ma speriamo bene tutti.che.anno.chiesto..i libri contabili poi non sono statii accontentati bhoo la vedo maiala

  3. Maremmano 5 anni ago
    Reply

    Oioi, che paura manca ancora un’anno di Bilancio,non vorrei che i Debiti facciano come il Lievito del Pane.!!!!!

  4. ser 5 anni ago
    Reply

    Ma se è una vita che dice che vuole vendere non dovrebbe avere già pronta tutta la contabilità compresi i soldi versati per l’iscrizione ? Quando si fa una trattativa ci si presenta con tutti i documenti necessari in regola. Non credo che un acquirente si fidi delle sole parole. Lui lo farebbe?

    • Yuri Galgani 5 anni ago
      Reply

      Ser,
      sicuramente i libri contabili aggiornati sono pronti per essere mostrati agli acquirenti. Il fatto è che se uno vuole vedere da solo il bilancio del Grosseto attraverso la visura camerale, può farlo, ma i dati presenti sono ancora quelli fermi al 30 giugno 2013. Ecco perché gli imprenditori amici di Salvestroni vogliono vedere la situazione aggiornata.

  5. Grifo1912 5 anni ago
    Reply

    Io penso ( ma soprattutto mi auguro) che i conti siano a posto, ben registrati e in pareggio o al massimo con qualche minimo debito fisiologico. Vediamo se Ranucci li consegna a Salvestroni, che mi pare una persona degna di fiducia.
    Riguardo a cordata si cordata no, qualcuno sostiene che le cordate sono sempre a rischio di fallire. Mah. Il Grosseto a parte l’era Camilli è sempre andato avanti con le cordate. Anzi uno dei migliori periodi, meta degli anni 70, aveva una cordata di 7-8 imprenditori locali. Mi ricordo Barbini, Ciabatti, Boaselli, Rinaldi, Franci, Pagliarin e altri ancora. Anche ai tempi gloriosi di Ferri. Tu Yuri ne saprai piu di me di sicuro. Confortami

  6. sirio 5 anni ago
    Reply

    Non mi danno affidamento Corradi e Peruzzi.
    C’hanno la casa a Castiglione, è vero, ma un Grossetano vero il Grosseto se lo sente nel cuore.
    E questi due non sono grossetani, non vorrei che alla prima difficoltà se ne fregassero.
    Ora Salvestroni ci dirà come è stultimo bilancio e si vede subito, se si ritirano pure loro allora c’è poco da dire. Per quanto riguarda l’imprenditore di Bari, ma che viene a prendere il Grosseto quando vendevano il Bari? Booohhh??

    • Yuri Galgani 5 anni ago
      Reply

      Ciao, Sirio.
      Salvestroni ha specificato che gli ex-calciatori dovrebbero soprattutto occuparsi dell’organizzazione tecnica della società. Gli imprenditori come Mansi (se mai dovesse accettare di far parte della cordata), invece, dovrebbero riuscire a dare concretezza e forza a questo progetto locale. Inoltre, non ho parlato di imprenditore barese, ma visto che l’hai fatto tu, è evidente che hai sentito ciò che circola in città. Comunque sia, il Bari è costato 4 milioni e 800mila euro!

    • ser 5 anni ago
      Reply

      Camilli è un grossetano vero !!

    • Grifo1912 5 anni ago
      Reply

      Scusa ma Camilli da dove veniva? Possibile che si debba essere sempre cosi pessimisti su tutto?

  7. piede 5 anni ago
    Reply

    Ma questi libri dove sono nelle stanze segrete del Vaticano? Quanto ci vorrà mai a leggerli, che so’ scritti in cilirrico?? Io so’ per Merceds tutta la vita, ma Ambrus, la pornostar!!

    • Aspettando Göteborg 5 anni ago
      Reply

      Ora se non si leggono la colpa è di Camilli, vero Piede?

    • dday 5 anni ago
      Reply

      piede voi fa il simpatico e ti incarti da solo! Cirillico, si dice, CIRILLICO!

  8. piede 5 anni ago
    Reply

    Portami la tua moglie, almeno faccio ridere pure lei!

  9. re artù 5 anni ago
    Reply

    certamente la colpa se non vengono letti non è di chi vuole rilevare la società altrimenti solo un pazzo può comprare a scatola chiusa senza sapere la situazione sia debitoria che creditoria dell’ultimo anno.comunque ricordiamoci che ha sempre detto gli ultimi due anni che ci avrebbe lasciato dove ci ha preso e la cosa la stà attuando perchè l’iscrizione è servita a lui per non perdere a parametro zero quei sei giocatori che gli erano rimasti,ma questo è comprensibile e giustamente ha fatto i suoi interessi.

  10. Coriaceo 5 anni ago
    Reply

    Giustamente un par di coglioni!

Rispondi a ser Annulla risposta

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW