Conti-show e l’Albinia subisce il poker

Nella foto capitan Sgherri (Albinia)

Ennesima batosta per l’Albinia che perde malamente per 4-1 al “Due Strade” di Firenze contro il Porta Romana, dopo essere passata in vantaggio per prima ed aver sperato in una vittoria che avrebbe potuto alimentare le speranze di salvezza per i rossoblu.

Al nono minuto del primo tempo, Coli viene atterrato in area di rigore; Consonni si incarica di battere dagli undici metri e sigla la rete che illude l’Albinia.

Cinque minuti più tardi, arriva inattesa la svolta: Lorenzini viene espulso per doppia ammonizione e la squadra di casa inizia a rendersi pericolosa con svariate azioni offensive che portano al 23° al goal Conti su assist di Meucci.

Il club della frazione orbetellana non riesce a rialzarsi ed al 34° Marzocchi stende in area un avversario; l’arbitro fischia il penalty e Conti mette a segno la rete che vale la doppietta personale.

In apertura di ripresa l’Albinia sostituisce Anichini per Casamonti e cerca di riportarsi in parità con Raito, ma la conclusione angolata viene intercettata a terra dal portiere del Porta Romana che può tirare un sospiro di sollievo.

I minuti passano e per la compagine di Mister Andretta i piani si complicano a causa della terza rete messa a segno dal solito esplosivo Conti in mezza rovesciata. L’Albinia, a questo punto, non c’è più e subisce la quarta rete ad opera di Fedi entrato da poco dalla panchina.

Il pesantissimo punteggio finale è stato senza dubbio condizionato dal cartellino rosso mostrato a Lorenzini dopo appena un quarto d’ora ed, a fine partita, negli occhi dei dirigenti maremmani si è vista tutta la rabbia per una direzione di gara giudicata dallo staff maremmano non ineccepibile.

La classifica adesso si fa davvero drammatica per Sgherri e compagni: il Calenzano ha perso, ma il successo della Rignanese a Chiusi e la vittoria della Bucinese contro la Sinalunghese potrebbero aver posto una pietra sopra alle speranze di playout.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news