Traguardo vicino per il Roselle, Manciano e San Donato cercano punti-salvezza

Inizia il rush finale in Promozione con le squadre maremmane pronte alla battaglia per raggiungere i rispettivi obiettivi stagionali. Se per la squadra di De Masi, ormai, il primo posto è ad un passo altrettanto non può dirsi della salvezza per Manciano e San Donato.

Sia gli uomini di Cinelli che quelli di Renaioli devono ancora conquistare sul campo la permanenza in categoria e sono chiamate ad un ultimo sforzo per non vanificare quanto di buono messo in mostra nel corso della stagione.

Ad essere in posizione migliore è, senza dubbio, il San Donato che vede la salvezza e contro la Pecciolese vuole i tre punti per togliersi in maniera definitiva la polvere di dosso. A parte lo squalificato Rispoli, il tecnico ha tutti gli elementi a disposizione e ciò favorisce senza dubbio i biancoverdi maremmani che vogliono dare continuità alla vittoria conquistata nel turno precedente a Rosignano.

Il Manciano, dopo aver vissuto un girone di andata tranquillo, è andato via via sempre più arrancando e il suo cammino si è fatto incerto. Nulla è ancora perduto, però, per la compagine di Renaioli che battendo il San Miniato Basso lo sorpasserebbe in classifica e porrebbe le basi per una salvezza che sarebbe meritata per quanto mostrato per lunghi tratti di stagione. Quella in programma al Niccolai contro il San Miniato Basso è una sfida senza appello per i biancorossi che non possono permettersi di fallire il colpo: non ci saranno Schiano (infortunato) e Spirito (squalificato), ma una sconfitta aprirebbe scenari che non esitiamo a definire drammatici per l’undici mancianese.

Situazione sostanzialmente positiva all’ombra di Moscona: a parte gli infortunati Guazzini e Consonni, mister De Masi ha tutta la rosa abile e arruolata. Sul proprio terreno di gioco contro l’Asta il team rosellano potrebbe spiccare definitivamente il volo respingendo le voglie cecinesi di riaprire i giochi. Concentrazione ai massimi livelli, denti stretti a serrare il coltello: i termali sono giunti allo snodo determinante e non hanno alcuna intenzione di mollare adesso che il sogno è ad un passo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news